MENDRISIO
18.07.19 - 15:460

Quasi quattro mesi e il “gigante buono” ancora non si trova

La trasmissione “Chi l’ha visto?” è tornata sulla scomparsa di Americo Aldrovandi. Gli amici che avevano il suo cellulare: «Sta bene, è in giro e se ne frega»

CAPOLAGO - Era il 20 marzo quando Americo Aldrovandi ha lasciato il suo domicilio di Capolago. Una settimana dopo la polizia cantonale aveva diffuso un avviso di scomparsa e da allora i suoi familiari non hanno più avuto sue notizie.

Una scomparsa di cui si è occupata più volte anche la trasmissione “Chi l’ha visto?”, che ancora ieri sera gli ha dedicato un servizio. La redazione è riuscita a contattare la persona che era in possesso del telefono di Americo, quando lui era già scomparso. «Americo sta bene, è in giro per cavoli suoi e se ne frega della mamma, della zia e della nonna». Matteo - questo il nome svelato dalla redazione del programma di Rai 3 - non usa mezzi termini. Ma la sorella di Americo non ci sta: «È tutto molto strano, mio fratello non è così».

Matteo, che per un periodo è stato ospite di Americo a Capolago, dice di avere buttato lui stesso il cellulare di Americo «in un cestino in Italia». Glielo avrebbe chiesto lo stesso Aldrovandi, «perché era rintracciabile» come il computer e la playstation. «Lui il telefono lo ha lasciato a casa. Mi chiamava e mi diceva cosa scrivere e di non rispondere alla mamma e alla zia».

Americo - continua nella sua versione - decide di andare via perché si sente minacciato. «Ci ha chiamato più volte ma con un’app, la BBM, che cancella tutto e non è rintracciabile».

Ad aver visto per ultimo Americo sarebbe poi un altro amico, presso il quale si sarebbe trasferito per qualche giorno. Si chiama Tommi e - secondo Matteo - lo avrebbe accompagnato lui a Balerna. “Chi l’ha visto” lo ha rintracciato: «Non mi va tanto di parlare. Lo rispetto e non mi va che si parli di lui».

Tre settimane prima della scomparsa, Americo avrebbe incontrato un “mediatore” che si occupa di recupero crediti. Voleva riavere 2’000 euro, che aveva prestato ad un ragazzo. Matteo dice anche che «Americo aveva un sacco di contanti, pagava sempre lui le cene da 400-500 franchi». Parole che lasciano la sorella con l’amaro in bocca: «Lui non è così. Non mi sembra neppure che stanno parlando di lui». E lancia l’ennesimo appello: «Scrivi o chiama qualcuno. Dì se stai bene oppure no».

4 mesi fa Tabulati telefonici, il giallo del "gigante buono" si infittisce
5 mesi fa Il giallo del "gigante buono", sparito dopo l'aggressione
6 mesi fa Si cerca Americo Aldrovandi
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
BEDANO
32 min
Rogo nella ditta di vernici, la vittima è stata identificata
Arriva la conferma: si tratta effettivamente del 49enne croato residente a Cadro, che lavorava nel settore. Escluso l'intervento di terze persone
LUGANO
1 ora
Consonni: «Siamo sconcertati»
La sentenza sul caso di mala-edilizia non ha lasciato indifferente il sindacato Ocst, che valuterà un ricorso. Duro anche l'MPS: «Indignazione e vergogna»
LUGANO
2 ore
Venti sub per 3 tonnellate di spazzatura nel lago
È questo il risultato dell'operazione "LagoPulito" svoltasi fra Ponte Tresa e Caslano
CANTONE
3 ore
Droga: 6 arrestati, un centinaio i denunciati
Lo stupefacente veniva principalmente spacciato nel Locarnese, in Vallemaggia e nel Luganese
LUGANO
3 ore
«Io prete che ha vissuto la depressione, vi racconto l’amore»
Don Luigi Verdi, classe 1958, è il fondatore della "Fraternità di Romena", in Toscana. Nella serata di oggi sarà in Ticino per parlare della sua resurrezione: «Le tecnologie ci hanno rincoglioniti»
LUGANO
5 ore
Il caso «più grave di sempre» si è sgonfiato
Mala-edilizia, la sentenza a sorpresa: tutti prosciolti gli imputati nel processo Consonni
CANTONE
5 ore
Le polizie comunali sono sotto-dotate
È quanto è emerso, tra le altre cose, dalla Conferenza cantonale sulla sicurezza organizzata dal Dipartimento delle istituzioni
CANTONE
5 ore
Forti piogge, allerta alla diga del Sambuco
Il bacino in Val Lavizzara a rischio sfioro nelle prossime 12 ore. Attesi aumenti improvvisi anche per i fiumi Maggia e Bavona
MONTECENERI
9 ore
Investita di fronte alla stazione
Sul posto Polizia e Pompieri
VIDEO
LOCARNO
9 ore
Dal Ticino un’idea che potrebbe rivoluzionare la sicurezza stradale
Si tratta di un sistema che informa i conducenti sull’intensità della frenata dei veicoli. In modo da reagire tempestivamente ed evitare i tamponamenti
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile