Tipress (archivio)
CANTONE
09.07.19 - 11:430
Aggiornamento : 10.07.19 - 16:44

Processo EOC: «L’atto d’accusa non poteva essere modificato»

Lo sostiene la difesa, che parla di violazione del principio accusatorio e chiede che l’incarto sia rimandato al ministero pubblico o l’abbandono della procedura

BELLINZONA - «Dopo che è stata pronunciata la sentenza, l’atto d’accusa è immutabile». Sono le parole dell’avvocato difensore Mario Molo, che oggi in pretura penale ha aperto il processo bis per il contagio da epatite C all’Ospedale Civico di Lugano con la richiesta di rinviare l’incarto al Ministero Pubblico o di abbandonare la procedura. «Perché l’atto d’accusa non poteva essere modificato».

La sentenza di primo grado del 21 novembre 2016, che condannava l’Ente ospedaliero cantonale (EOC) a una multa di sessantamila franchi per lesioni colpose gravi, era stata successivamente annullata dalla Corte di appello e revisione penale (CARP). L’atto d’accusa era stato rimandato al pretore e quindi al procuratore pubblico, che lo aveva poi completato con la violazione della legge sanitaria, «sulla quale era stata fondata la condanna» ha detto il difensore, aggiungendo: «Il rinvio dell’atto d’accusa per imprecisioni nella descrizione dei fatti non è accettabile, viola il principio accusatorio».

Non ci sta il procuratore pubblico Moreno Capella, che ha ereditato l’incarto dall’allora procuratore generale John Noseda: «Il pretore - ha replicato - ha rimandato l’atto d’accusa al Ministero Pubblico chiedendo, conformemente alle disposizioni della CARP, di modificarlo o completarlo». Quindi: «Evidentemente questo significa aggiungere elementi che mancano, ma che sono evincibili dagli atti del procedimento. Ed è questo che è stato fatto».

La difesa ha anche parlato di prescrizione (i fatti risalgono al 19 dicembre del 2013), sostenendo che il procedimento riguarda una contravvenzione. E che la decisione della CARP «non arresta il decorso della prescrizione». Per il procuratore Capella, invece, «sostenere che il reato corrisponda alle norme della contravvenzione, mi sembra un eccesso».

La questione è ora nelle mani del giudice Siro Quadri che alle 14 si pronuncerà sulle questioni pregiudiziali avanzate dalla difesa.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
3 ore
Scattano le manette per un badante
L'uomo, di origine straniera, è stato arrestato giovedì. L'accusa è di aver sottratto 20mila franchi a un anziano.
FOTO
LUGANO
7 ore
Godersi la foce con la distanza sociale
Per il lungo weekend di Pentecoste sono entrate in vigore le nuove misure per favorire il distanziamento sociale.
CANTONE / SVIZZERA
11 ore
Un ticinese ha percorso più di 100 km in due giorni
One Million Run: il muro del milione di chilometri da percorrere in due giorni è stato abbattuto.
CANTONE / SVIZZERA
12 ore
Mascherine sull'autopostale: in Ticino la indossa uno su 5
E oltre il San Gottardo va anche peggio, come dimostrano le cifre della Svizzera tedesca e della Romandia
CANTONE
15 ore
Una settimana senza decessi in Ticino
Dall'inizio dell'emergenza, nel nostro Cantone ci sono stati 3'315 contagi accertati e 348 decessi.
CANTONE
16 ore
Un po' di pioggia è caduta, ma non basta
Nel mese di maggio le precipitazioni (nella media) non hanno compensato il deficit idrico registrato da inizio 2020.
FOTO E VIDEO
VOGORNO
1 gior
Cade con la moto in curva, due i feriti
Sul posto la Polizia e i soccorritori del Salva
FOTO
MASSAGNO
1 gior
I cari anziani? Li si incontra tra i fiori per combattere il Covid
Così ha pensato la casa Girasole, che ha creato anche un apposito gazebo per chi volesse restare al coperto
LUGANO
1 gior
Sacerdote indagato, Lazzeri: «Appena ho saputo ho denunciato»
Il presbitero 50enne è in arresto con l'accusa di atti sessuali con persone incapaci di discernimento
BELLINZONA
1 gior
«Uno spettacolo desolante»
La sezione di Bellinzona della Lega critica le riposte ricevute dal Municipio: «Non ammetterà mai le sue colpe».
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile