Tipress (archivio)
CANTONE
09.07.19 - 11:430
Aggiornamento : 10.07.19 - 16:44

Processo EOC: «L’atto d’accusa non poteva essere modificato»

Lo sostiene la difesa, che parla di violazione del principio accusatorio e chiede che l’incarto sia rimandato al ministero pubblico o l’abbandono della procedura

BELLINZONA - «Dopo che è stata pronunciata la sentenza, l’atto d’accusa è immutabile». Sono le parole dell’avvocato difensore Mario Molo, che oggi in pretura penale ha aperto il processo bis per il contagio da epatite C all’Ospedale Civico di Lugano con la richiesta di rinviare l’incarto al Ministero Pubblico o di abbandonare la procedura. «Perché l’atto d’accusa non poteva essere modificato».

La sentenza di primo grado del 21 novembre 2016, che condannava l’Ente ospedaliero cantonale (EOC) a una multa di sessantamila franchi per lesioni colpose gravi, era stata successivamente annullata dalla Corte di appello e revisione penale (CARP). L’atto d’accusa era stato rimandato al pretore e quindi al procuratore pubblico, che lo aveva poi completato con la violazione della legge sanitaria, «sulla quale era stata fondata la condanna» ha detto il difensore, aggiungendo: «Il rinvio dell’atto d’accusa per imprecisioni nella descrizione dei fatti non è accettabile, viola il principio accusatorio».

Non ci sta il procuratore pubblico Moreno Capella, che ha ereditato l’incarto dall’allora procuratore generale John Noseda: «Il pretore - ha replicato - ha rimandato l’atto d’accusa al Ministero Pubblico chiedendo, conformemente alle disposizioni della CARP, di modificarlo o completarlo». Quindi: «Evidentemente questo significa aggiungere elementi che mancano, ma che sono evincibili dagli atti del procedimento. Ed è questo che è stato fatto».

La difesa ha anche parlato di prescrizione (i fatti risalgono al 19 dicembre del 2013), sostenendo che il procedimento riguarda una contravvenzione. E che la decisione della CARP «non arresta il decorso della prescrizione». Per il procuratore Capella, invece, «sostenere che il reato corrisponda alle norme della contravvenzione, mi sembra un eccesso».

La questione è ora nelle mani del giudice Siro Quadri che alle 14 si pronuncerà sulle questioni pregiudiziali avanzate dalla difesa.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
16 min
Escursionisti che mettono i bastoni fra le ruote dei bikers
Ostacoli e trappole piazzati sui Monti di Claro: la convivenza fra i vari fruitori dei sentieri non è sempre semplice.
CHIASSO/LUGANO
1 ora
Anche in treno si viaggia un po' stretti
Pendolari stipati su un convoglio dimezzato. Le Ffs: «Può capitare, ma esistono diverse alternative»
CANTONE
3 ore
Mascherine, è iniziata la guerra dei prezzi
A gennaio, la domanda di FFP2 è aumentata notevolmente. Ma non in Ticino
LUGANO
4 ore
Cade dalla scalinata, finisce in ospedale
L'incidente si è verificato sulla strada che transita sul Ponte del diavolo.
CANTONE
9 ore
Delitto di Muralto: 30enne a processo per assassinio
È stato rinviato a giudizio il cittadino germanico che era stato fermato a seguito dei fatti del 9 aprile 2019
CANTONE
10 ore
Negli ospedali ci sono meno di 200 pazienti col coronavirus
Le autorità sanitarie cantonali segnalano altri 58 contagi e 6 nuovi decessi
CANTONE / SVIZZERA
10 ore
Salt: «Problema tecnico risolto»
I primi disagi erano stati riscontrati attorno alle 15 di ieri. Il guasto è stato sistemato in tarda serata
FOTO E VIDEO
AIROLO
10 ore
Tampona un camion fermo sull'A2: è gravissimo
L'incidente è avvenuto questa mattina nei pressi dell'area di servizio di Stalvedro.
VIDEO
CANTONE
11 ore
In moto anche d'inverno: attenzione a ghiaccio e temperature!
Il TCS: «La guida di una due ruote esige, come per l'auto, una prudenza e un'attenzione permanente»
VIDEO
SEMENTINA
14 ore
«Gira poca gente, affari giù del 50%»
Crisi Covid: stare a casa equivale a usare poco l'auto. Sconforto tra i benzinai. Lo sfogo del 35enne Davide Ciaburri.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile