Foto lettore
BELLINZONA
08.07.19 - 07:290
Aggiornamento : 11:48

Ora il furgone della Posta svizzera è targato Serbia

Ecco uno degli oltre 150'000 veicoli di seconda o terza mano che ogni anno dalla Confederazione prendono la rotta dei Balcani, del Medio Oriente o dell’Africa. Dietro le quinte del fenomeno

BELLINZONA – Un furgone della Posta svizzera, targato Serbia. Lo hanno immortalato di recente lungo un’autostrada di Belgrado. È uno degli oltre 150'000 veicoli usati che ogni anno dalla Confederazione prendono la rotta dei Balcani, del Medio Oriente o dell’Africa per rifarsi una seconda vita. «Ogni dieci giorni – spiega Mohammed Mayjed, titolare della Auto Inex SA di Serocca d'Agno – da Savona, in Liguria, parte una barca con centinaia di auto dirette verso la Libia. È solo un esempio. Ce ne sarebbero tanti altri».

C’è chi accetta di tutto – La Auto Inex fa parte della decina di ditte che puntualmente visita i garage della Svizzera italiana a caccia di vetture da esportare e rivendere all’estero. Spesso sono anche i proprietari stessi delle auto a rivolgersi direttamente a queste aziende per liberarsi del proprio veicolo. «Io lavoro tanto con il Libano – precisa Mayjed – lì vogliono soprattutto furgoni commerciali. Solo a benzina. Perché in Libano il diesel non entra. In generale Libia e Libano non si fanno tanti problemi legati all’inquinamento. Accettano di tutto».

Limitazioni in aumento – Altrove, non è così. E, infatti, negli ultimi anni, alcune nazioni hanno posto determinate restrizioni per quanto riguarda il livello delle emissioni. «In Africa qualsiasi auto va bene – sostiene Ali Mohsen, responsabile della Gmr Cars di Quartino – ma in nazioni come il Kosovo, ad esempio, non tollerano più veicoli con oltre otto anni di vita».

Cresce la sensibilità ambientale – Si tratta di un trend che coinvolge altre nazioni balcaniche. «Sta crescendo la sensibilità ambientale – riprende Mohsen – in alcuni Stati non vengono più viste di buon occhio le auto di categoria Euro 3 o Euro 4. Solo Euro 5. Tutto per via delle emissioni dei gas di scarico».

Il curioso marchio “CH” – Fatto sta che capita di farsi un viaggio in Albania o in Benin, tanto per citare due nazioni a caso, e trovare macchine con la targa locale, ma con ancora l’adesivo “CH” sulla carrozzeria. In certe occasioni si vedono circolare addirittura mezzi pubblici che fino a qualche tempo fa viaggiavano su suolo rossocrociato. Dal punto di vista legale, è tutto in regola? Qualche dubbio lo si potrebbe avere, visto che a volte queste macchine non superano nemmeno più il collaudo in Svizzera.

Non c’è nulla di illegale – Aldo Barboni, capo della Sezione cantonale della circolazione, fa notare come queste decisioni spettino successivamente alle autorità dei singoli Paesi in cui le auto vengono esportate. «Siamo a conoscenza del fenomeno – ammette – tuttavia, dopo la messa fuori circolazione del veicolo presso la nostra sezione, il proprietario può farne ciò che vuole. La può regalare, la può tenere in garage, oppure la può rivendere a queste aziende di esportazione».

Onda verde – All’inizio del 2000 erano poco più di 70'000 le vetture di seconda mano che dalla Svizzera finivano all’estero. Il vero boom dell’export di auto si è verificato quattro-cinque anni fa. Ora l’onda verde, se così la possiamo definire, rischia di rompere le uova nel paniere a chi su questi affari ci campa.

Prezzi e guadagni – Ma quanto si guadagna da un business del genere? «Di certo non è più come qualche anno fa. Gli affari sono un po’ calati a causa di tutte queste limitazioni» sospira Mayjed. In alcune circostanze precise, piuttosto rare, l’acquirente può arrivare a spendere anche diverse migliaia di franchi. Accade soprattutto in Oriente e con marchi di alta qualità. «Ma ci sono anche nazioni in cui non riesci a piazzare una macchina per più di cinquecento franchi» conclude Mohsen.

Foto lettore
Guarda le 2 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Enzo Agustoni 12 mesi fa su fb
Evidentemente cancellare la scritta é un optional 😈 Ma alla Posta CHI decide di vendere veicoli con su le scritte? Pluto?
Egzon Rashiti 12 mesi fa su fb
Ivica Izzo Lazarevic😂😂😂😂
Simo Malingamba 12 mesi fa su fb
Quello che non trovo giusto é che le auto che noi buttiamo in Africa vengono vendute a prezzi molto alti e la maggior parte delle persone non le può acquistare...auto con ancora il CH già viste più di 20 anni fa in Africa 😊
Luciano Lucky Civitarese 12 mesi fa su fb
Almeno cancellare la scritta
Ampi Ogi 12 mesi fa su fb
Perché lì inquinano meno???
centauro 12 mesi fa su tio
Hai sentito del recente terremoto in California, lo sapevi che è per colpa di Salvini?
Mattiatr 12 mesi fa su tio
Il mio amato turbo l'ho tirato in ballo solo perché ho visto motori 1000cc con gli stessi cavalli di un 1500cc con l'unica differenza della sovralimentazione.
Mitsh Mitsh 12 mesi fa su fb
Dove c'è la posta c'è casa...
TI.CH 12 mesi fa su tio
Forza tutti e quanti, fra poco vi daremo anche il .................
Múnos Ugy 12 mesi fa su fb
cosa c'é di strano? In serbia ho anche visto ambulanza ticinese, come pure auto delle poste italiane (più di una), tutte targate serbia.
Thor61 12 mesi fa su tio
Come al solito dell'ambiente non frega NULLA a nessuno, l'importante è FAR CASSA!!!! Se non altro mezzi ancora funzionanti (Ricordo che solo il catalizzatore e l'iniezione hanno ridotto REALMENTE l'inquinamento, il resto è solo una presa per il cxlo) circoleranno ancora, alla faccia dei FINTI ecoligisti.
Mattiatr 12 mesi fa su tio
@Thor61 Immagino che pure il turbocompressore abbia effetti benefici, visto che con motori piccoli ottieni buone prestazioni. Questo non è possibile aggiungerlo in seguito, quindi avrebbe potuto giustificare un cambio del veicolo, ma da lì a cambiarlo tutti gli anni perché se no il cantone ti trona ne passa di acque sotto i ponti. Sarebbe da vedere chi ci guadagna oltre alle case automobilistiche.
patrick28 12 mesi fa su tio
Forza Serbia. Fra poco membro dell'UE ! Forza UE
anndo76 12 mesi fa su tio
@patrick28 direi forza svizzera che per recuperare 2 franchetti se ne frega di vendere rottami inquinanti ( 150 mila ) a questi paesei....ah ma forse tu in svizzeraaaa respiri aria diversa dagli altri ahahah
matteo2006 12 mesi fa su tio
@anndo76 No lui se ne frega l'importante è postare "Forza UE".
anndo76 12 mesi fa su tio
@matteo2006 avra' un neurone che vaga solo soletto nella testolina.....
patrick28 12 mesi fa su tio
@anndo76 Quello che ha l’unico neurone è il Ducetto Salvini
Thor61 12 mesi fa su tio
@patrick28 C'è nesssssuuuuuunnnnnnoooooooo!!!!!! Il bue che da del cornuto all'asino!!!!
anndo76 12 mesi fa su tio
@patrick28 allora si vede che siete parenti....visto quello che scrivi ahahha
matteo2006 12 mesi fa su tio
@patrick28 Cosa centra Salvini con il commercio dalla Svizzera di auto usate molto inquinanti, automobili a cui l'UE (LA TUA tanto decantata UE) sta dando battaglia per eliminarle entro il 20xx? Forse è ora che connetti un attimino le idee perchè qui l'ue la serbia salvini e il padre terno non centrano nulla!
centauro 12 mesi fa su tio
@matteo2006 Hai sentito del recente terremoto in California? lo sai che è colpa di Salvini?
matteo2006 12 mesi fa su tio
Commercio da chiudere il prima possibile dove sono i Verdi? Piuttosto che buttare al vento soldi in politiche energetiche che non portano a nulla che si creino posti di lavoro sul territorio con uno stabilimento incentivato dallo stato dove questi veicoli vengono smantellati in casa nostra a km 0 e le materie prime riutilizzate.
GI 12 mesi fa su tio
avessero almeno l'accortezza di cancellare il logo.....
anndo76 12 mesi fa su tio
@GI no e' giusto mostrare i "criminali" che vendono questi bidoni per 2 franchetti......poi ospitano i vari g8, clima, croce rossa etcetc ...la sempre verde svizzeraaaaa hahah
centauro 12 mesi fa su tio
@GI Loro non sanno in che mani vanno a finire, per una questione di protezione dell'immagine una mano di giallo per cancellare il logo avrebbero potuto darla. Metti che in una occasione venisse rubato e utilizzato per una rapina........con tanto di immagini video e foto!!!
curzio 12 mesi fa su tio
Scommetto che quando il veicolo è definitivamente giunto alla fine del suo ciclo di vita verrà smontato e riciclato a regola d'arte. Metallo, plastiche, vetro, olio e batteria verrà tutto separato accuratamente e riciclato. In fondo, quando compero un veicolo nuovo, pago anche la tassa anticipata per il suo completo riciclaggio, vero?
anndo76 12 mesi fa su tio
@curzio non lo hanno fatto gli svizzeriiiii e devono farlo gli altri ? mica scemi....come gli svizzeriiii hanno recuperato 2 franchetti altrettanto faronno loro no ?
Thor61 12 mesi fa su tio
@curzio Esattamente come nell'articolo di TIO di alcuni giorni fa, che nell'articolo scritto riportava che venivano smontati tutti gli interni, mentre nel filmato allegato, l'auto venita demolita con sedili e cruscotto ancora al suo interno. Saluti
Marko Grujic Mark 12 mesi fa su fb
Zikica Zile Stojanovic ovo je super za krave
Jorge Ramos 12 mesi fa su fb
Era un problema se invece fosse al contrario.....😄
matteo2006 12 mesi fa su tio
Paradossale che noi paghiamo sempre di più per ridurre l'inquinamento (sotto casa), delirio sui giornali per il riscaldamento globale, una giornata di sole seguita da una di pioggia è un cataclisma se per sbaglio l'anno prima non è stato così e... e... e... esattamente vendiamo i nostri scarti inquinanti a paesi che se ne fregano. I primi ignoranti però siamo noi che permettiamo di farlo, io sinceramente sono ben felice di fare la mia parte anche aprendo il borsello ma non per ingrossare ancora quello della Posta e di questi importatori che non fanno altro che annullare quanto si sta facendo da noi per ridurre l'inquinamento. E chi crede ancora al piano 2030 2040 o quale altro piano volete tanto è uguale, sono tutti solo buoni a spulciare soldi dal nostro borsello per ridurre le emissioni inquinanti quando TUTTI i paesi fanno questa attività.
Mattiatr 12 mesi fa su tio
@matteo2006 Quello che mi fa sinceramente ridere è che nel 2000 i veicoli esportati erano 70'000, oggi che siamo molto più sensibili nei confronti dell'ambiente ne esportiamo 150'000 (il doppio). Mi sorge una domanda spontanea, non è che obbligando i cittadini a cambiare spesso macchina inquiniamo paradossalmente di più? Cioè se le macchine vengono importate, usate, esportate e poi ancora riusate fino allo stremo in altri paesi il doppio di 20 anni fa forse allora non siamo così green come pensavamo.
Mr. Freeze 12 mesi fa su tio
@Mattiatr Ottima osservazione. l'importante è produrre e consumare. Le cose fatte per durare non esistono più da una vita sostituite dall'usa e getta. Questo vale per ogni genere di prodotto.
anndo76 12 mesi fa su tio
@Mattiatr quando si tratta di franchetti la svizzeraaa non e' seconda a nessuno ahahahah altro che rottamare e riciclare. pulito il giardnetto svizzerrooooo i problemi agli altri
Mattiatr 12 mesi fa su tio
@Mr. Freeze Mi chiedo se la politica adottata dal nostro paese sia quella giusta (sempre che lo scopo sia l'ambiente). Non mi pare ci siano stati grandi rivoluzioni in ambito motoristico. So che un'azienda tedesca ha sviluppato il motore a 5 tempi che permetteva in qualche modo di riusare i gas di scarico una volta garantendo consumi inferiori all'attuale 4T, però nessuno ci ha più guardato dietro (poco conveniente?), magari non è nemmeno così efficacie come dicono, ... Quello che allora mi chiedo, la macchina nuova che garantisce 3 - 4 - 5 litri in meno ogni 100 Km rispetto a quella di 20 anni fa è veramente meno inquinante? Il fatto che il doppio delle macchine vengono buttate via ogni anno non influisce? Immagino che la produzione, il trasporto, la vendita, l'uso, l'esportazione e il riutilizzo fino allo stremo inquini di più che 4-5 litri di benzina in meno ogni 100 km.
Mario Sti Boostin 12 mesi fa su fb
Kevin Fiori Martin Zlogleda heey sono in Jugoslavia daaai andiamooo
Lorenzo Pitta 12 mesi fa su fb
I vostri pacchi sempre in buone mani 😂
Pierfrancesco Corrà 12 mesi fa su fb
In Kosovo non ti guardano bene se non hai un euro 5. Immagino che tutte le Mercedes E190 taxi ed altre più vetuste viste siano lì per immortalare un museo a cielo aperto.. visto che la gente guadagna a spanne 500 euro l’anno. Se questa gente lavora in Germania poi,visto che è una nazione extracomunitaria più di 1000 non danno. Ridicolo sul Libano. Un amico ha piazzato un transit del 1993 Diesel senza problemi.
Marlon M D'Amico 12 mesi fa su fb
Tra l altro é un bel furgone!
Maurizio Roggero 12 mesi fa su fb
Bene è arrivato il momento d’inviare la Greta Thunberg in queste nazioni insensibili all’ambiente 😏
Acko Resavac 12 mesi fa su fb
No , no tenetevela voi quella... non ci serve. ;)
Matteo Der Onkel 12 mesi fa su fb
Natasha Veljic
Cristian Braia 12 mesi fa su fb
Dejan Savic
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
1 ora
Tutti (o quasi) promossi dal Covid: «Ma non è stato facile»
Due bocciati e oltre mille diplomati. È finito l'anno scolastico più pazzo di sempre. Il racconto dei ragazzi
LUGANO
4 ore
Risse e assembramenti alla foce di Lugano
La polizia comunale è dovuta intervenire più volte, sia ieri sera sia venerdì
FOTO E VIDEO
ROBASACCO
5 ore
Incidente sull'A2, ferite una donna e una bambina
Sul posto la Polizia e la Croce Verde di Bellinzona
CANTONE
8 ore
Giocatore positivo dopo la vacanza, una squadra in quarantena
Una compagine sottocenerina che milita nel calcio regionale dovrà stare ai box fino a giovedì prossimo.
CANTONE / ITALIA
14 ore
Le mani della ‘ndrangheta in Liguria, spunta anche Lugano
Uno dei quattro arrestati si appoggiava a un avvocato per spostare soldi verso gli Emirati Arabi Uniti
CANTONE
15 ore
Altre giornate con temperature che superano i 30 gradi
Lunedì il giorno più caldo, anche in montagna. Il sole sarà protagonista.
CANTONE
1 gior
Nuove norme nei locali: GastroTicino fa chiarezza
Dalla capienza massima alla raccolta dati, chi non le rispetta rischia sanzioni amministrative e penali.
FOTOGALLERY
ASCONA
1 gior
Si suona per New Orleans (e per Ascona)
Si è concluso l'evento organizzato da chi, ogni anno, allestisce JazzAscona sulle rive del Verbano
FOTO
CHIASSO
1 gior
Il mercato serale d'estate, per riscoprire il centro di Chiasso
Primo appuntamento con la manifestazione, che si protrarrà per tutti i sabati di luglio
FOTOGALLERY
LUGANO
1 gior
"Nuvole colorate" nei cieli ticinesi
Tante le fotografie giunte in redazione. Si tratta di un parelio, come spiegato da MeteoSvizzera
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile