Immobili
Veicoli
Tipress
LOCARNO
02.07.19 - 06:310
Aggiornamento : 10:58

Prosciolto dopo 43 giorni di carcere, fa appello contro il risarcimento beffa

Sarà il Tribunale d'Appello a stabilire se la vicenda del 33enne processato per violenza carnale e poi prosciolto dalle accuse può chiudersi con soli mille franchi di indennizzo

LOCARNO - Toccherà al Tribunale d’Appello stabilire se quarantatré giorni di ingiusta carcerazione possono essere risarciti con soli 1’000 franchi. Ingiusta, dal momento che un anno e mezzo fa la Corte delle Assise criminali ha prosciolto l’uomo, un cittadino svizzero di 33 anni, dall’accusa di aver violentato una 59enne sua conoscente. Non ci fu violenza carnale, stabilì il giudice Mauro Ermani.

La vicenda non è però chiusa e la battaglia legale ora ruota attorno al risarcimento. La persona prosciolta aveva chiesto 8’600 franchi di indennizzo allo Stato, ma il giudice ne aveva concessi unicamente mille. Secondo il magistrato quella sera del gennaio 2015 nell’appartamento della donna ci fu un rapporto tra i due, ma consenziente, e il non averlo ammesso avrebbe prolungato la carcerazione preventiva. Una tesi contestata decisamente dal 33enne che nega qualsivoglia atto sessuale. Da qui la causa promossa  dall’uomo nei confronti della sua accusatrice per un importo di 17’600 franchi (di cui 7’600 a “saldo” dell’ingiusta carcerazione patita e altri 10mila per torto morale dopo «un calvario lungo e pesante che non sarebbe mai dovuto esistere»). 

Lo scorso 28 maggio fa la Pretura civile di Locarno-Campagna gli ha però dato torto (e, «oltre al danno la beffa - commenta il 33enne - dovrei versare 3’200 franchi per le spese legali a chi mi lanciato false accuse»): «La causa va respinta per incompetenza per materia» ha deciso il giudice Leopoldo Franscini. In pratica la richiesta è stata inoltrata all’istanza sbagliata: per ottenere un’indennità maggiore di quella riconosciutagli dal tribunale penale con la sentenza di assoluzione il 33enne, afferma il pretore aggiunto, «avrebbe dovuto chiedere motivazione di quella sentenza e ricorrere contro di essa».

Una sentenza che nei giorni scorsi l’avvocato Stefano Pizzola ha impugnato davanti al Tribunale d’Appello, chiedendo anche ammissione all’assistenza giudiziaria e al gratuito patrocinio: «Non si può non notare - scrive il legale del 33enne - come nessuno sarebbe andato avanti in una procedura penale, con tutti i rischi che questa comporta a fronte di un proscioglimento». Pizzola definisce puramente «teorico» e slegato dalla «realtà dei fatti» il rimprovero di non avere annunciato appello il giorno della sentenza.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
2 ore
La legge sull'apertura dei negozi resta in vigore
Non è però prevista una commissione consultiva. Lo ha deciso il Tribunale federale
CANTONE
4 ore
Salgono i contagi, ma calano i ricoveri
Si registra anche una ulteriore vittima del virus, per un totale di 1'090 da inizio pandemia.
CANTONE
8 ore
Pochi decessi, ma «il numero dei contagi resta rilevante»
L'Ufficio del medico cantonale sulla situazione pandemica: «Molto dipenderà dalla variante circolante in futuro»
CONFINE
20 ore
Frontalieri italiani, l'accordo avanza
La commissione economia e tributi del Nazionale promuove la riforma fiscale (quasi) all'unanimità
CANTONE
23 ore
La marcia di chiusura dei Centri vaccinali: «Affrettatevi ad iscrivervi»
Il rallentamento delle richieste ha portato le autorità a ridimensionare progressivamente il dispositivo
CANTONE
1 gior
Identikit dell'astensionista ticinese
Chi è, che lavoro fa, cosa ha votato e perché non vuole votare più. Lo studio dell'Università di Losanna
BELLINZONA
1 gior
La capitale è ancora più grande
A fine 2021 sotto l'ombra dei Castelli abitavano 44'530 persone, ovvero 474 in più rispetto a un anno prima.
CANTONE
1 gior
Altri due decessi in Ticino, dieci nuove quarantene nelle scuole
Negli ospedali si contano quattro Covid-pazienti in meno, per un totale di 173.
CHIASSO
1 gior
«Insultata e minacciata solo per aver svolto il mio lavoro»
Finita più volte al centro di un polverone mediatico, la dottoressa Mariangela De Cesare ha voluto “vuotare il sacco”.
FOCUS
1 gior
I detenuti che non vogliono uscire
Il reinserimento sociale è un problema, per chi è dietro le sbarre. Tanto che molti preferiscono rimanerci
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile