Tipress
LOCARNO
02.07.19 - 06:310
Aggiornamento : 10:58

Prosciolto dopo 43 giorni di carcere, fa appello contro il risarcimento beffa

Sarà il Tribunale d'Appello a stabilire se la vicenda del 33enne processato per violenza carnale e poi prosciolto dalle accuse può chiudersi con soli mille franchi di indennizzo

LOCARNO - Toccherà al Tribunale d’Appello stabilire se quarantatré giorni di ingiusta carcerazione possono essere risarciti con soli 1’000 franchi. Ingiusta, dal momento che un anno e mezzo fa la Corte delle Assise criminali ha prosciolto l’uomo, un cittadino svizzero di 33 anni, dall’accusa di aver violentato una 59enne sua conoscente. Non ci fu violenza carnale, stabilì il giudice Mauro Ermani.

La vicenda non è però chiusa e la battaglia legale ora ruota attorno al risarcimento. La persona prosciolta aveva chiesto 8’600 franchi di indennizzo allo Stato, ma il giudice ne aveva concessi unicamente mille. Secondo il magistrato quella sera del gennaio 2015 nell’appartamento della donna ci fu un rapporto tra i due, ma consenziente, e il non averlo ammesso avrebbe prolungato la carcerazione preventiva. Una tesi contestata decisamente dal 33enne che nega qualsivoglia atto sessuale. Da qui la causa promossa  dall’uomo nei confronti della sua accusatrice per un importo di 17’600 franchi (di cui 7’600 a “saldo” dell’ingiusta carcerazione patita e altri 10mila per torto morale dopo «un calvario lungo e pesante che non sarebbe mai dovuto esistere»). 

Lo scorso 28 maggio fa la Pretura civile di Locarno-Campagna gli ha però dato torto (e, «oltre al danno la beffa - commenta il 33enne - dovrei versare 3’200 franchi per le spese legali a chi mi lanciato false accuse»): «La causa va respinta per incompetenza per materia» ha deciso il giudice Leopoldo Franscini. In pratica la richiesta è stata inoltrata all’istanza sbagliata: per ottenere un’indennità maggiore di quella riconosciutagli dal tribunale penale con la sentenza di assoluzione il 33enne, afferma il pretore aggiunto, «avrebbe dovuto chiedere motivazione di quella sentenza e ricorrere contro di essa».

Una sentenza che nei giorni scorsi l’avvocato Stefano Pizzola ha impugnato davanti al Tribunale d’Appello, chiedendo anche ammissione all’assistenza giudiziaria e al gratuito patrocinio: «Non si può non notare - scrive il legale del 33enne - come nessuno sarebbe andato avanti in una procedura penale, con tutti i rischi che questa comporta a fronte di un proscioglimento». Pizzola definisce puramente «teorico» e slegato dalla «realtà dei fatti» il rimprovero di non avere annunciato appello il giorno della sentenza.

1 anno fa Nessuno stupro, cadono le accuse
2 anni fa Un 31enne alla sbarra per stupro
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
BODIO
8 ore
Il video con il fucile: «Ma sono bravi ragazzi»
Un gruppo di giovani di Bodio si è esibito sui socail con una clip rap dai toni un po'... estremi. L'intervento del sindaco
LUGANO
9 ore
Derubato e lasciato in mutande a Cornaredo
È accaduto sabato mattina a un collaboratore dell’FC Lugano. La polizia ha fermato una persona, sarebbe un altro collaboratore dell'FC Lugano
LUGANO
10 ore
«È la prima canzone creata solo con l’intelligenza artificiale»
Dall’A alla Zeta. Testi compresi. Così un algoritmo può capire i vostri gusti e realizzarvi brani su misura. Il responsabile del progetto: «Sarà la normalità. È solo questione di tempo»
BEDANO
12 ore
Rogo nella ditta di vernici, la vittima è stata identificata
Arriva la conferma: si tratta effettivamente del 49enne croato residente a Cadro, che lavorava nel settore. Escluso l'intervento di terze persone
LUGANO
13 ore
Consonni: «Siamo sconcertati»
La sentenza sul caso di mala-edilizia non ha lasciato indifferente il sindacato Ocst, che valuterà un ricorso. Duro anche l'MPS: «Indignazione e vergogna»
LUGANO
14 ore
Venti sub per 3 tonnellate di spazzatura nel lago
È questo il risultato dell'operazione "LagoPulito" svoltasi fra Ponte Tresa e Caslano
CANTONE
15 ore
Droga: 6 arrestati, un centinaio i denunciati
Lo stupefacente veniva principalmente spacciato nel Locarnese, in Vallemaggia e nel Luganese
LUGANO
15 ore
«Io prete che ha vissuto la depressione, vi racconto l’amore»
Don Luigi Verdi, classe 1958, è il fondatore della "Fraternità di Romena", in Toscana. Nella serata di oggi sarà in Ticino per parlare della sua resurrezione: «Le tecnologie ci hanno rincoglioniti»
LUGANO
17 ore
Il caso «più grave di sempre» si è sgonfiato
Mala-edilizia, la sentenza a sorpresa: tutti prosciolti gli imputati nel processo Consonni
CANTONE
17 ore
Le polizie comunali sono sotto-dotate
È quanto è emerso, tra le altre cose, dalla Conferenza cantonale sulla sicurezza organizzata dal Dipartimento delle istituzioni
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile