foto tio.ch/20min
Gert Nijland e Daniella Züger a Bordei
+ 5
CENTOVALLI
27.06.19 - 08:310
Aggiornamento : 13:04

Il paesino dei turisti in burn-out

Nel villaggio sperduto di Bordei sta partendo un progetto-pilota. Che ha a che fare con uno dei mali del secolo

PALAGNEDRA - Lo stress moderno non riesce a risalire le pendici del Limidario, la strada stretta e i venti tornanti che portano a Bordei. Il paesino sperduto nelle Centovalli era “esaurito” anche lui fino a pochi decenni fa: abbandonato e poi recuperato, riattato, ora si prepara ad accogliere villeggianti in esaurimento nervoso. 

«Un rifugio naturale» - Il progetto è partito in primavera, i primi ospiti arriveranno ad agosto. L'idea è dell'infermiera psichiatrica Daniella Züger, zurighese trapiantata in Ticino, in collaborazione con la Fondazione Terravecchia: «Offrire a persone che attraversano un momento di difficoltà dei percorsi personalizzati in un rifugio naturale, lontano dagli stress».

Il paese recuperato - Bordei è abbastanza lontano, in effetti, non solo dagli stress ma da tutto: vi giungono persone in fuga dalla civiltà da almeno cinquant'anni. Il primo è stato nel 1969 il bernese Jürg Zbinden, assistente sociale: «Avevo letto di Bordei su un giornale svizzero-tedesco e da allora ho dedicato la mia vita a ricostruire il villaggio» racconta oggi il 70enne, che negli anni ha trasformato il paesino-fantasma in una comunità di recupero per tossicodipendenti provenienti (per lo più) dal Canton Berna.

La crisi - Il paese è rinato assieme agli ospiti. Ma poi qualcosa è andato storto: tre anni fa la comunità di recupero ha chiuso i battenti  – per «divergenze con i partner d'oltre Gottardo» – e il rischio era che Bordei tornasse un “fantasma”. Züger, già da tempo infermiera nel villaggio, ha deciso di fare qualcosa. «Questo posto ha enormi qualità terapeutiche – spiega. – Sarebbe un peccato sprecarle».

Laboratori e natura - Il progetto è stato avviato assieme al network zurighese Knowledge&Nursing: prevede il soggiorno nel nucleo (in un rustico con 7 posti letto), attività nei boschi, corsi di falegnameria e arte-terapia, laboratori di cucina tradizionale. «Un ambiente ritirato ma comunitario può avere diversi benefici sui pazienti» spiega Gert Nijland di Knowledge&Nursing. «Non vale solo per le persone in burn-out, ma anche per chi soffre di depressione o altre problematiche». E anche per i ticinesi: che hanno gli stessi problemi dei turisti, anche se – sottolinea Nijland – «vivono in un territorio bellissimo e dalle grandi potenzialità». A volte, il problema è che se ne dimenticano. 

foto tio.ch/20min
Guarda tutte le 9 immagini
Commenti
 
Arianna Tulipani 1 mese fa su fb
Attila Folklor
Maurizio Roggero 1 mese fa su fb
«vivono in un territorio bellissimo e dalle grandi potenzialità». A volte, il problema è che se ne dimenticano. Non ce ne dimentichiamo di certo, ma finché avremo la gente sbagliata in certe posizioni, le vere potenzialità del territorio non verranno mai sfruttate, anzi.... 😡🤬😤
GI 1 mese fa su tio
definirli "turisti".....mi sembra un tantino fuori luogo....
KilBill65 1 mese fa su tio
Bella iniziativa!!….Auguri per la vostra attivita'......
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO E VIDEO
LUGANO
11 min

Grande successo per la nuotata popolare nel lago

I primi a tagliare il traguardo dopo avere attraversato i 2'500 metri che separano Caprino dal Lido sono stati Pierandrea Titta e Maria Fernanda Stornetta

CANTONE
25 min

Dalla canicola alla neve, quando l’allerta corre sul filo dei social

La bacheca degli Amici di MeteoLocarno è seguita da oltre 17mila persone. La pagina ora cambia nome. Ma cambierà anche il resto? Lo abbiamo chiesto a Nicola Gobbi

FOTO
MINUSIO
1 ora

La barca va giù, sei giorni dopo il recupero

Sono state laboriose le operazioni effettuate dai pompieri di Locarno in collaborazione con un cantiere nautico della zona

GRAVESANO
4 ore

Operazioni fasulle, la prima segnalazione in febbraio

Il medico cantonale aveva scritto alla magistratura di un «possibile pericolo per la salute pubblica». Ma all’Ars Medica la procura aveva assicurato: «Nessun pericolo per i pazienti»

MURALTO
20 ore

«Vorremmo tenere aperto fino a mezzanotte, ma ce lo vietano»

Il negozietto di fronte alla stazione torna a fare discutere. Il giovane responsabile: «L’estate per noi è il momento degli affari». Il sindaco: «Prolungamento degli orari inopportuno»

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile