+ 11
CANTONE
25.06.19 - 17:070
Aggiornamento : 18:32

Conquista il podio "estremo": «Il mio team ha commesso errori, altrimenti...»

Circa 1’600 chilometri da compiere non-stop, in sella a una bici. È un terzo posto meritatissimo quello di Valentina Tanzi, che guarda già al futuro: «La prossima volta i chilometri saranno 5mila»

LUGANO - Circa 1’600 chilometri da compiere non-stop, attraversando 4 stati americani (California, Arizona, Utah e Colorado) e il deserto, con temperature fra i 40 e i 50 gradi. Tutto questo in sella a una bici. È l'esperienza estrema portata a casa dall'ultracycler Valentina Tanzi. 

È la prima ticinese in assoluto a partecipare a questa prestigiosa gara, la Race Across the West (RAW). Lo ha fatto, sabato 15 giugno, terminando il percorso in 3 giorni 17 ore e 10 minuti e conquistando il terzo posto assoluto fra le donne. 

Un tragitto da film - «Ho attraversato riserve indiane come la Navajo Nation Reservation e la magnifica Monument Valley, simbolo del West americano e location di numerosi celebri film, terminando nella cittadina di Durango, situata a 2’000 metri nelle Montagne Rocciose», ci racconta.

Eppure di questa impresa magnifica e coraggiosa ancora non riesce a capacitarsi: «Probabilmente la assaporerò tra qualche settimana, se non tra qualche mese. Non ho ancora realizzato che cosa ho fatto e i magnifici panorami che ho visto».

L'errore del team - E di essere metabolizzata. Soprattutto alla luce di un risultato che, seppur notevole, non ha pienamente soddisfatto Valentina. «Sarebbe stato nettamente migliore se chi era a capo del mio team non avesse commesso gravi errori nel supportarmi e, soprattutto, nel curare la mia alimentazione», sottolinea.

D'altra parte il costo, in termini di energia e di spesa, non è irrilevante: «Il ciclista nella disciplina dell'ultracycling è immediatamente seguito dal furgone del proprio team. In questa gara, visti i costi della trasferta oltreoceano, che ho pagato di tasca mia facendo molti sacrifici, avevo un team ristretto di sole 4 persone».

Nessuno sponsor, ma tanta passione - Tutto ciò appunto senza il supporto di nessuno sponsor: «Purtroppo - aggiunge - già nel ciclismo dell'UCI ProTour (i professionisti) c'è un'enorme disparità tra uomini e donne. Inoltre, l'ultracycling è ancora ritenuta una disciplina giovane. Nonostante i traguardi raggiunti - l'anno scorso mi sono portata a casa il titolo italiano, grazie al mio doppio passaporto, mentre in Svizzera possiamo contare unicamente su una gara annuale -, non ho trovato ancora un finanziatore».

Prossima sfida ancora più estrema - Valentina però non molla, ed anzi ha davanti un obiettivo ancora più estremo: «L'anno scorso ho centrato la qualifica, al primo tentativo, per la prestigiosa Race Across America (RAAM), il mondiale di questa disciplina estrema del ciclismo su strada», ammette fiera. Ed ancora più estrema, la RAAM, lo è davvero: «È lunga 5mila chilometri circa: in altre parole, è semplicemente il coast to coast americano».

Il tutto con la forza delle gambe, ma anche della propria mente: «La testa rappresenta, secondo me, il 70% di questa disciplina. Ovviamente bisogna avere un fisico allenato. Ma se la mente non c'è, le gambe non girano».

Un occhio alla sicurezza, naturalmente, non deve mancare mai: «Non dormendo per giorni devi stare attento ad ogni sensazione del tuo corpo. Non voglio addormentarmi in bici e lasciarci le penne. La sicurezza per me è un must».

Per Valentina l'ultracycling va oltre la mera prestazione sportiva: «È una sorta di metafora del proprio viaggio attraverso la vita. Puoi vedere fino a che punto può spingersi il tuo corpo, spostando l'asticella sempre più in alto. Questo è l'obiettivo. E si scopre sempre di avere molte più risorse di quello che si crede».

Guarda tutte le 14 immagini
Commenti
 
vulpus 5 mesi fa su tio
Complimenti, e auguri .
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
2 ore
Meno drammi nei laghi e fiumi ticinesi
La campagna di prevenzione "Acque sicure" sembra aver dato buoni frutti: i decessi registrati quest'anno sono stati "solo" due
CANTONE
3 ore
L'improbabile corsa del fisco per tappare il buco del petroliere
Le autorità fiscali intimano al nigeriano Kola Aluko il versamento di 1,5 milioni per imposte non versate. Lo scoperto della Città è di 450mila franchi. Ma il 50enne è da tre anni uccel di bosco
FOTO
CANTONE
4 ore
Nel Verbano le isole ora sono... ticinesi
A Brissago è stato ufficialmente siglato il passaggio di proprietà dell'Isola Grande e dell'Isola Piccola al Cantone
CANTONE
4 ore
Medacta lancia un avvertimento: «Crescita 2019 inferiore al previsto»
Negli Stati Uniti e in altri mercati minori la domanda si è sorprendentemente indebolita
VIDEO
BELLINZONA
7 ore
Addio Peter Pan: il responsabile è in lacrime
Il Ticino perde un locale storico. “Serata nostalgia” con ex collaboratori e clienti. Sul palco lo Swiss Elvis. Gianni Morici: «Qui dentro ho messo l’anima. Spiace per le nuove generazioni»
BELLINZONA
18 ore
Il compito sul seno: «Ecco come è andata»
L'insegnante 60enne licenziato a Bellinzona racconta la sua versione dei fatti. E punta il dito contro il Decs
MENDRISIO
21 ore
Caos viario, l’SOS di cinque sindaci: «Siamo al limite della sopportazione»
L’appello lanciato dai sindaci del distretto ai colleghi del Luganese: «Ancora molto può essere fatto sul vostro territorio contro i posteggi selvaggi e per promuovere la mobilità aziendale»
LUGANO
21 ore
Arriva la tassa sul sacco: tutto quello che dovete sapere
Il prezzo dei sacchi. Le novità degli ecocentri. Quelli che il sacco possono averlo a un prezzo agevolato. Lugano si prepara alla rivoluzione dei rifiuti.
FOTO E VIDEO
AROGNO
21 ore
Cade per 20 metri e si ferisce gravemente
Un uomo di 82 anni è stato vittima di un serio infortunio mentre stava effettuando dei lavori di disboscamento in zona Devoggio ad Arogno
BREGGIA
22 ore
Dopo 20 giorni l'acqua torna potabile
A Cabbio e Muggio l'acqua è rimasta troppo torbida per settimane. Ma in attesa del rinnovamento degli impianti il Comune ha le mani legate
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile