tipress (archivio)
CANTONE / BERNA
20.06.19 - 15:290

Fiscalità dei frontalieri: «Visto chi comanda in Italia ci sono poche speranze»

Così Marco Chiesa sul sul fatto che Roma possa sottoscrivere l'accordo con Berna

BERNA - «Visto chi comanda ora in Italia, e considerato il suo bacino elettorale, sono scettico sul fatto che Roma possa parafare l'accordo con Berna sulla fiscalità dei frontalieri in tempi brevi. Dubitiamo infatti che ci sia la volontà da parte italiana di fare un passo verso la Svizzera», ha dichiarato oggi il presidente della deputazione ticinese alle Camere federali, Marco Chiesa (UDC), durante il tradizionale incontro con i media accreditati sotto il "cupolone".

Stando a Chiesa (che non ha mai nominato il vicepremier Matteo Salvini, n.d.r) il dossier è ora nelle mani di Giovanni Tria, il ministro dell'economia e delle finanze italiano, e non come ci saremmo attesi in quelle del ministro degli esteri, Enzo Moavero.

Ad ogni modo, ha dichiarato Chiesa, secondo il consigliere federale ticinese Ignazio Cassis è evidente negli Italiani un certo imbarazzo per il ritardo con cui stanno affrontando la questione, un imbarazzo «che a noi serve però a ben poco».

Speranza nei contatti con la Lombardia - La deputazione spera che un certo impulso possa venire dai contatti tra la Regione Lombardia e il Ticino, e tra la prima e i comuni italiani di frontiera, con quest'ultimi che fanno pressione affinché anche in futuro, col nuovo sistema di imposizione, possano ricevere ancora una parte del gettito fiscale dei frontalieri.

L'Italia avrebbe tutto l'interesse a firmare l'accordo, visto che il gettito dovrebbe crescere, venendo nel contempo annullato il vantaggio fiscale di cui godono i frontalieri rispetto ai connazionali che lavorano in Italia, ha spiegato il deputato democentrista. Inoltre, la Svizzera e il Ticino dovrebbero diventare fiscalmente meno attrattivi per i lavoratori della Penisola, con ricadute si spera positive sull'immigrazione, che potrebbe diminuire.

I debiti di Campione - Con Cassis, la deputazione ha affrontato anche la situazione di Campione d'Italia. La speranza della deputazione è che ora, con l'arrivo dei soldi da parte di Roma, il comune italiano affacciato sul Ceresio possa onorare i propri debiti col Ticino, lievitati a 5 milioni di franchi.

Alptransit a sud di Lugano - Nell'incontro avuto con la consigliera federale Simonetta Sommaruga, la deputazione, e in particolare Fabio Regazzi (PPD) e Lorenzo Quadri (Lega), hanno chiesto rassicurazioni circa le promesse a voce della ministra dei trasporti sul prolungamento di Alptransit a sud di Lugano.

Secondo Regazzi, nei colloqui la ministra socialista è stata meno «chiara e univoca» per quanto riguarda il finanziamento dell'opera, la cui realizzazione è importante sia per il Ticino che per l'intera Confederazione. Ad ogni modo, bisogna pensare che si tratta di un progetto che vedrà la luce nel 2050-2060. Nel frattempo, la deputazione si adopererà per coinvolgere i Cantoni "Gottardisti" e le autorità ticinesi, come pure il comitato di cittadini nato a favore del progetto.

Visto il dilatarsi dei tempi, assume maggiore importanza la realizzazione della terza corsia autostradale a sud di Lugano, ha spiegato Marco Romano (PPD), i cui studi sono in fase molto avanzata. Con la creazione di una terza via, sfruttando laddove possibile l'attuale corsia di emergenza, ci dovrebbero essere ricadute positive sia per la strada cantonale, intasata come l'autostrada durante gli orari di punta, sia per la qualità dell'aria. Gli esperimenti condotti nel Canton Vaud, a Ecublens, hanno portato a una maggiore fluidità del traffico e un inquinamento inferiore. Qui si parla di un periodo di attesa di 6-7 anni.

Secondo il consigliere nazionale di Mendrisio non vi è alcun legame tra il potenziamento a sud di Alptransit e questo progetto. Queste due opere sono complementari e giustificate, ha sottolineato Romano, spiegando che non si tratta di mettere in concorrenza la strada con la ferrovia. Un parere condiviso anche dalla consigliera federale bernese.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CONFINE
43 min

Colpo grosso al valico di Ponte Tresa

La Guardia di finanza di Varese ha sequestrato titoli e soldi per oltre 180mila euro a quattro cittadini israeliani

CANTONE
1 ora

Turisti più giovani e da tutta Europa, ecco il futuro del Ticino

Angelo Trotta ha fatto un primo bilancio a 100 giorni dall'inizio del suo mandato e presentato la propria visione sugli orientamenti futuri: «Per una strategia definitiva ci vorrà più tempo»

BELLINZONA
2 ore

«Il diritto alla privacy per proteggere chi lavora sul treno»

Transfair chiede alle FFS di sostituire il nome del personale del treno riportato sulla targhetta con un numero identificativo. Un modo per evitare ritorsioni da parte dei viaggiatori

CANTONE
5 ore

«Disgustato da come il Ticino possa distruggere una vita. Me ne vado»

Un imprenditore italiano, cui è stato negato il permesso C, denuncia un verbale di Polizia «volontariamente falsato». L'autorità ribatte: «Domanda gestita in modo corretto»

CANTONE
6 ore

Ecco l'unico candidato che "difende" i premi

In un sondaggio su 57 politici, Stefano Rappi è stato il solo in Ticino a definire «tollerabile» un ulteriore aumento dei premi di cassa malati. E spiega perché

CAPRIASCA
14 ore

Così il cane Fred se ne frega di Municipio e polizia

Da anni, l’animale circola liberamente per le vie di Tesserete. I suoi proprietari continuano a ricevere multe. A toglierlo dalla strada, però, non ci pensano proprio

BALERNA
16 ore

L'uomo che si è gettato dal cavalcavia è deceduto

È escluso l'intervento di terze persone. L'autostrada è stata completamente riaperta alle 19.50

FOTO E VIDEO
BALERNA
18 ore

Traffico autostradale paralizzato nel Mendrisiotto

L'A2 è stata chiusa in direzione nord tra Chiasso e Mendrisio. All'altezza dello svincolo di Balerna sono giunte diverse auto della Polizia e un elicottero della Rega

BELLINZONA
20 ore

Serie ferite per uno degli operai colpiti dalla trave alle Officine

I due, dipendenti di una ditta esterna, stavano effettuando dei lavori di sgombero in un capannone quando sono stati travolti

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile