Davide Giordano / Tio.ch / 20minuti
Un frammento ceramico, risalente probabilmente all'età del ferro, ritrovato questa mattina.
+ 5
BELLINZONA
13.06.19 - 15:010
Aggiornamento : 17:09

Pietra dopo pietra, come la preistoria è tornata alla luce a Claro

Parola ai protagonisti dello scavo da cui è riaffiorato il complesso megalitico. L'obiettivo? «Aiutare la ricerca ad andare avanti»

BELLINZONA - Si rimuove uno strato archeologico. Si documentano oggetti e vestigia ritrovate, con fotografie e disegni. E poi, armati di pennello e del tradizionale “trowel”, si ricomincia da capo con quello successivo. Un sito archeologico «è un complesso di strati, uno sopra l’altro» che vengono asportati per poi essere indagati, spiega ai nostri microfoni l’archeologo di terreno Mattia Gillioz che dirige i lavori presso il sito preistorico di Claro, presentato questa mattina.

Ogni scheggia di vaso. Ogni pietra dal taglio particolare. Tutto ciò che, dopo secoli, riemerge dalla terra deve essere rigorosamente catalogato. È il caso di un piccolo frammento, tornato alla luce proprio davanti alla nostra telecamera. Si tratta di «un frammento ceramico, probabilmente dell’età del ferro, che ci aiuta a datare le vestigia che abbiamo di fronte». L’obiettivo dello scavo, prosegue Gillioz, è trovare elementi che permettano alla ricerca scientifica di compiere un passo avanti.

Il complesso megalitico di Claro, come già detto, è riaffiorato a seguito di una domanda di costruzione per un progetto di edificazione privato. Il mappale 1193 è inserito in un perimetro di interesse e quindi «si sapeva già che c’era un alto potenziale archeologico», conferma Simonetta Biaggio-Simona, a capo dell’Ufficio dei beni culturali.

Il sito di culto costituisce la prima testimonianza monumentale della religiosità preistorica sul territorio ticinese. «Si è compreso che questi massi non sono capitati qui per caso, tramite una frana o un apporto alluvionale, perché anche dal punto di vista geologico è stato provato che si trovavano in uno strato non compatibile»; in altre parole «sono stati portati qui dall’uomo» spiega Biaggio-Simona, precisando inoltre che un’analisi delle pietre ha permesso di identificare tracce di lavorazione.

Davide Giordano / Tio.ch / 20minuti
Guarda tutte le 8 immagini
3 mesi fa Il Neolitico riaffiora a Claro
TOP NEWS Ticino
LUGANO / MILANO
8 ore

19enne anarchico di Lugano si consegna alla Polizia

Il giovane farebbe parte del gruppo che lo scorso 9 febbraio a Torino, durante un corteo, mise a ferro e fuoco la città

CANTONE
9 ore

Si cerca Danial Tekinov

Classe 2005, il ragazzo è scomparso durante il tragitto casa/scuola

LUGANO
10 ore

La vie en rose di Plein a Milano con citazione finale in Pretura a Lugano

La Barzanò & Zanardo, società leader nella tutela dei marchi, reclama dallo stilista oltre 400mila franchi per fatture non saldate. Si presenterà? «Il personaggio è imprevedibile» dicono

CANTONE
11 ore

Tutto il Ticino sotto l'occhio vigile dei radar

Nessun distretto sarà escluso dei controlli della velocità mobili e semi-stazionari della prossima settimana

FOTO E VIDEO
CANTONE
12 ore

Evacuata l'Ikea di Grancia

Sul posto 4 veicoli del Pompieri. L'allarme è rientrato dopo una manciata di minuti

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile