Tipress
CANTONE
07.06.19 - 07:290
Aggiornamento : 12.06.19 - 11:37

Martignoni si dimette da giudice. Critico sul non uso dei supplenti

L’avvocato lascia la carica dopo un anno e punta il dito sul suo «impiego assai limitato». I numeri parlano da soli, conferma un altro magistrato. Ecco la classifica di chi fa più processi

BELLINZONA - Colpo di scena del giudice supplente Brenno Martignoni. Se ne va. Non sbattendo, ma comunque chiudendo con un certo clamore la porta. La decisione, come spiega nella lettera recapitata ieri all’Ufficio presidenziale del Gran Consiglio, è «sostanzialmente da ricondurre ad un impiego, su chiamata, assai limitato, rispetto invece alla preclusione assoluta dell’attività forense nel campo della giustizia penale». Detto altrimenti, l’avvocato critica le poche convocazioni ai processi. Scarse per rapporto all’obbligo, per chi ricopre la carica, di non poter esercitare in parallelo la professione di difensore in ambito penale.

A latere… anzi in panchina - Il suo è un abbandono che ridesta recenti mal di pancia su un utilizzo abbastanza nebuloso dei magistrati supplenti. E fornisce argomenti a chi parla di un sottoimpiego di questa figura, il giudice a latere, che affianca il presidente nei processi alle Assise criminali. Una figura che consentirebbe, forse, di amministrare la Giustizia in tempi più ragionevoli. Anche perché, come evidenziato lo scorso novembre dalla Commissione della legislazione, «un giudice supplente può, di fatto, svolgere tutte le attività attribuite al magistrato ordinario». Senonché, come lascia intendere Martignoni nella sua lettera, è breve il passo tra l’essere impiegato “a latere” e il restare per mesi in panchina. Uno spreco di risorse, insomma.

Chi ne fa 9 e chi 1 - Le statistiche confermano la tesi di Martignoni? «I numeri parlano da soli» si limita a dire un altro giudice, che non vuol essere citato. E allora questi numeri li abbiamo chiesti allo stesso Tribunale penale cantonale. Una richiesta che, ci è stato detto, non può essere subito evasa. Gli aggiornamenti dei processi scaricabili dal sito del Cantone permettono tuttavia di ottenere una parziale, riguarda i primi sei mesi dell’anno, classifica dei giudici supplenti più utilizzati. In testa, ma è un discorso a parte, c’è Manuela Frequin Taminelli che il governo lo scorso agosto ha promosso a giudice effettivo (da qui l’alta vigilanza chiesta sulla “promozione” di Frequin Taminelli da parte del deputato Matteo Pronzini, che conferma la sua critica: «È stata una forzatura del Consiglio di Stato, avrebbero potuto utilizzare i giudici supplenti senza procedere a quella designazione»). Da gennaio a oggi Taminelli ha presieduto 12 processi. Seguono, però solo impiegati come giudici a latere, Renata Loss Campana (9), Aurelio Facchi (7), Manuel Borla (6), Fabrizio Filippo Monaci (6), Luca Zorzi (5), Brenno Martignoni Polti (4), Carlo Luigi Caimi (1).

Una figura centrale - Basterebbero i numeri pubblicati per mostrare la mancanza di una parità di trattamento e la disparità potrebbe essere maggiore allargando la statistica agli anni passati (prima che il “caso” Taminelli spingesse ad un certo equilibrio ancor oggi lontano dall'essere raggiunto). Perché la faccenda va un po’ oltre il gettone di presenza (800 franchi per giornata intera) e investe anche l’essenza della Giustizia stessa. «Nelle cronache giornalistiche dei processi esiste solo il presidente. Si pensa che il giudice a latere non serva a niente, e invece in una corte criminale composta da tre giudici le maggioranze le fanno i supplenti» ricorda un addetto ai lavori. Ecco perché la loro scelta non è mai neutrale.

Commenti
 
anndo76 5 mesi fa su tio
finche' vengono nominati dai partiti politici.....
Gus 5 mesi fa su tio
Ho l'impressione che anche con gli assessori giurati vi siano preferenze. Chi ( di regola povenienti dalle valli) fa un processo ogni due anni e chi (di regola sottocenerini) ne fa molti di più. Anche la Giustizia sembra luganocentrica.
Mac67 5 mesi fa su tio
@Gus I giudici andrebbero scelti in base a competenze, non al partito, come nel resto del mondo. Concorso i migliori diventano giudici. Da alcune sentenze lette... i giudici nostrani, non brillano per preparazione, cultura generale e buon senso. Poi ci sono i buonisti che per reati gravi hanno la penna leggera e per reati minori pesante. Sistema totalmente da riformare e svincolare dai partiti, non dovrebbe essere un principio costituzionale, la divisione dei poteri? Ma se sei assunto in base ad un partito... che indipendenza avrai?
Mr. Freeze 5 mesi fa su tio
Er compagno scompagno Un Gatto, che faceva er socialista solo a lo scopo d'arivà in un posto, se stava lavoranno un pollo arosto ne la cucina d'un capitalista. Quanno da un finestrino su per aria s'affacciò un antro Gatto: - Amico mio, pensa - je disse - che ce so' pur'io ch'appartengo a la classe proletaria! Io che conosco bene l'idee tue so' certo che quer pollo che te magni, se vengo giù, sarà diviso in due: mezzo a te, mezzo a me... Semo compagni! - No, no: - rispose er Gatto senza core io nun divido gnente co' nessuno: fo er socialista quanno sto a diggiuno, ma quanno magno so' conservatore!
Alessio Nesurini 5 mesi fa su fb
Manie di protagonismo
Nmemo 5 mesi fa su tio
Martignoni si è "messo di traverso ai grandi" in diverse occasioni rivestendo cariche politiche istituzionali, con il senno di poi, a ragione. Stavolta fa uscire dalle "segrete camere della Giustizia" quello che tutti gli addetti ai lavori sanno, ma per convenzione o convenienza, non divulgano.
albertolupo 5 mesi fa su tio
@Nmemo Che si sia messo di traverso nessun dubbio, se a ragione, ho qualche problema in più a sottoscriverlo. In questo caso direi che almeno tutti i torti non ha, ma di sicuro tanto di quello che fa il buon Brenno lo fa per la boria personale (quando uno si mette a litigare anche per fare il Rè del carnevale, direi che cadono tutti i dubbi…).
Nmemo 5 mesi fa su tio
@albertolupo In particolare alludevo alla sua posizione contro la proposta, PLR e contorno, di alienare l'allora azienda elettrica comunale.
Fufabi 5 mesi fa su tio
Legge e giustizia
tip75 5 mesi fa su tio
beh viva il Ticino....d'altronde legge e politica dovrebbe essere due organi ben separati invece...baciamo le mani
anndo76 5 mesi fa su tio
@tip75 si, poi parlano di mafia....ahahahah ridicoli
Valerio Castellani 5 mesi fa su fb
La solita roda almeno uno con gli attributi stem a vedee 👀⏰⏰⏰⚒⚒⚒⚒🐺
TOP NEWS Ticino
CANTONE
1 ora
Vent’anni di prigione, e l’espulsione dalla Svizzera
E’ la pena esemplare proposta dalla Procura per il 56enne che, due anni fa, uccise la moglie all’autosilo di Ascona
CANTONE / CONFINE
2 ore
Ticinesi nei boschi per la droga, fermato l'ennesimo traffico
Un anno di pedinamenti, mezzi aerei e diverse auto per porre un freno allo spaccio in quel del Parco Pineta
CANTONE
3 ore
In aula va in scena il video dell'uccisione, e scoppia il dolore
Nella requisitoria, il Pp Moreno Capella ha ricostruito il «calvario» della donna uccisa all’autosilo di Ascona. Critiche dalla Procura alla polizia
CANTONE
4 ore
Ballottaggio per gli Stati: «La RSI non c’era»
La critica del Consiglio del pubblico della CORSI: «C'era voglia di informazione». Quindi le scuse: «Terremo conto delle osservazioni per migliorare»
CANTONE
5 ore
«Mikron? La loro è irresponsabilità sociale»
L'MPS punta il dito contro il Cantone definendolo complice dei licenziamenti «con la sua politica di sgravi fiscali»
CANTONE
7 ore
La "prova" del tradimento? «Un herpes sulle labbra»
Emergono nuovi particolari dal processo al 56enne che, nel giugno 2017, uccise a colpi di pistola la moglie in un autosilo ad Ascona
CANTONE
7 ore
«Non è possibile quantificare esattamente i tagli»
Il responsabile delle finanze di Mikron ha commentato la notizia dei 25 licenziamenti annunciati ad Agno. Senza sbilanciarsi: «Dipenderà dall'evoluzione delle commesse nei prossimi mesi»
CANTONE
8 ore
«Io la amavo, signor giudice, la amavo»
A processo il 56enne che uccise la moglie in un autosilo di Ascona, nel 2017. Tra lacrime in aula e accuse di tradimenti
FOTO
LOCARNO
8 ore
La torcia olimpica è arrivata in Ticino
Dalle rive del Verbano continuerà il suo viaggio in direzione di Losanna, dove avranno luogo Giochi Olimpici giovanili invernali
CANTONE / CONFINE
10 ore
Riconosci qualcosa che ti appartiene?
Arrestato in Italia un topo d'appartamento. Non si esclude abbia agito anche in Ticino. Parte della refurtiva sequestrata non ha ancora ritrovato il suo proprietario
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile