Foto Lettore Tio.ch/20 minuti
CANTONE
04.06.19 - 08:340
Aggiornamento : 10:20

È tornato il cinipide e sta massacrando i castagneti

Allarme in alcune zone della Svizzera italiana. In particolare nel Sopraceneri. Gli esperti, al momento, si interrogano sulle cause dell'imprevisto "come back"

BELLINZONA – Di "lui" non si sentiva più parlare da un po'. La sua presenza era sotto controllo. Ora, sembra essere tornato in maniera piuttosto imponente. Il cinipide del castagno sta massacrando i castagneti in alcune zone della Svizzera italiana. Situazioni allarmanti si registrano nel Gambarogno, tanto per fare un esempio. «Finora è stato colpito in particolare il Sopraceneri – evidenzia Roland David, capo della Sezione forestale cantonale –. È un ritorno che ci coglie di sorpresa».  

Una nuova sfida – A Bellinzona, infatti, gli esperti del Cantone, al momento, non sanno ancora bene come agire. Questo "come back" è come un fulmine a ciel sereno. «Abbiamo subito ripreso contatto con l'Istituto federale di ricerche forestali – dice David –. Stiamo monitorando la situazione in maniera intensa. È una sfida».

L’antagonista che non funziona più – E pensare che l'arrivo, negli scorsi anni, di un'altra specie di insetto, il Torymus sinensis, era riuscito a neutralizzare gli effetti del cinipide. «Era arrivato qualche anno fa dall’Italia. Si tratta di un "suo" antagonista, che per vivere si ciba proprio delle larve del cinipide. E così, in maniera naturale, la presenza del cinipide si era stabilizzata sotto i livelli di guardia. Non era sparito del tutto, ma si poteva stare tranquilli».  

 Attacca e uccide l’albero – Originario dell'Asia, il cinipide fa deperire ogni albero di castagno che attacca. Causandone spesso la morte, e provocando di conseguenza grossi danni sia all'ecosistema, sia all'economia (anche se, va specificato, il Ticino, contrariamente ad esempio al Piemonte, non ha una vera e propria industria del castagno). «L’albero del castagno, tra l'altro, è molto presente nei boschi di protezione. Nella nostra realtà è una pianta simbolo, legata anche alle tradizioni. Si è rotto un equilibrio e ce ne siamo resi conto a partire da questa primavera. Dobbiamo agire al più presto»  

 


 

Foto Lettore Tio.ch/20 minuti
Guarda le 4 immagini
Commenti
 
Emilio Motta 1 mese fa su fb
Se si vive sulla lotta biologica fatta in Italia senza interventi mirati basta poco perché si torni indietro.
Nadia Peverelli 1 mese fa su fb
Non si vedeva da un po’?! Ma saranno max 2 anni che sono guariti
tartux 1 mese fa su tio
Da biologo direi, comprare subito gli antagonisti che comunque si sa che funzionano forse non è una questione di inefficenza dell'antagonista bensì la sua popolazione che è stroppo bassa per contenere il parassita, poi bisogna star attenti spesso nelle dinamiche delle popokazioni preda e predatore si assiste un sistema ciclico cui ogni tot anni le popolazioni di prede aumentano drasticamente, ciò è dovuto semplicemente al fatto che se vi sono pochi parassiti e tanti predatori la maggioranza dei predatori muore di fame diminuendo in popolazione ciò lascia l'opportunità alla preda di riprodursi e ricrescere in numero, questo crea delle dinamiche cicliche come un coseno, potrebbe essere il caso. P.s. F.Netri, se si avesse fatto come in italia e difeso la biodiversità (cui il castagno fa parte) e importato l'antagonista il problema dei casragni si sarebbe risolto prima. Inoltre qua do si parla di difendere la biodiversità si parla delle specie endemiche e autoctone non di specie invasive e o alloctone (straniere).
marco17 1 mese fa su tio
Sta tornando anche il fascismo, Ma almeno in questo caso sappiamo quale deve essere l'antagonista.
bobà 1 mese fa su tio
@marco17 Ah, si? Bela roba! Dalla padella alla brace!
Yoebar 1 mese fa su tio
Sopra Malvaglia in direzione della Valle Pontirone certi castagni non hanno nemmeno una foglia, praticamente divorati.
Valerio Castellani 1 mese fa su fb
Taccat al tram a ga ne sempar una 🍀
Maurizio Roggero 1 mese fa su fb
La natura non dorme, si adatta, evolve! Invece in Ticino si resta appoggiati al palo della scala evolutiva a farsi la pennichella... 😪
sedelin 1 mese fa su tio
l'antagonista, subito!
miba 1 mese fa su tio
I politici fanno danni ben maggiori
GI 1 mese fa su tio
E' la terra che gira....ovvio che prima o poi le cose tornino!
F.Netri 1 mese fa su tio
Questo è il minimo che può succedere, quando la difesa della biodiversità si trasforma in una religione.
Bacche80 1 mese fa su tio
@F.Netri non c'entra nulla con la difesa della biodiversità. Questi insetti arrivano dall'asia introdotti dall'essere umano. non è difendendo la biodiversità che si espandono. anzi, molto probabilmente un ambiente ricco di specie, quindi ricco di biodiversità, può difendersi meglio da questi attacchi.
pontsort 1 mese fa su tio
@F.Netri Questo è il minimo che può succedere con il liberismo sfrenato che permette di importare qualsiasi specie (direttamente o indirettamente) senza misure di sicurezza e fregandosene degli effetti che ha sull'ecosistema locale
F.Netri 1 mese fa su tio
@pontsort Ma questo è razzismo allo stato puro!
pontsort 1 mese fa su tio
@F.Netri Più precisamente specismo XD
bobà 1 mese fa su tio
@Bacche80 probabilmente.... quindi allora mettiamo altre specie La confederella ha dormito: quando lo si poteva debellare subito non ha preso nessuna decisione
Helene Piffero 1 mese fa su fb
Si ma datevi da fare prima che é troppo tardi ! Già sui Monti di Ravecchia stanno tagliando tutti i Pini e alberi sani ! 😢😢😢😢
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE / URI
3 ore

Un “tappo” chilometrico al Gottardo e forti disagi sull’A2

Le code verso il Ticino hanno toccato gli 8 km. Traffico rallentato nel Luganese nel Mendrisiotto

CANTONE
4 ore

Torrentisti in trappola e cadute in acqua, weekend duro per la Rega

Gli equipaggi della Guardia aerea svizzera di soccorso sono intervenuti 9 volte in Ticino tra sabato e domenica

MAGGIA
5 ore

Giovani ultras dalla mano pesante

Quattro ragazzi della Valle Maggia sono stati segnalati alla polizia per il pestaggio di sabato sera. Il 17enne ricoverato, intanto, si è ripreso

FOTO E VIDEO
CANTONE
6 ore

Estremista di Bissone compra un missile dal Qatar

Un'indagine sull'ultradestra italiana ha portato alla luce collegamenti preoccupanti con il Ticino. Tre fermi, sequestrato un arsenale

LUGANO
8 ore

L’Inter se ne va, Borradori: «Abbiamo detto sì a tutte le richieste»

È tempo di bilanci per la Città al termine del ritiro del club milanese. «Loro hanno detto "torneremo"»

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report