foto caldelari
Paul Burggraf, 32 anni
LUGANO
12.06.19 - 06:000
Aggiornamento : 12:15

La prova costume dell'imprenditore seriale

Il 32enne luganese Paul Burggraf si mette "a nudo" mentre si tuffa in una nuova impresa. Questa volta oltre confine

LUGANO - La camicia non la toglie, perché non vuole «far sfigurare il prodotto». Paul Burggraf non ha più il fisico del 2005, quando vinse Palco ai Giovani con la sua band di “capelloni” (Rock 'n Rejoice). È passato qualche annetto anche dalla sua avventura sudafricana: un'azienda e un marchio (di espadrillas) creati a Città del Capo. Una ventina di dipendenti, la storia fece il giro della Svizzera. «In realtà tutto è iniziato molto prima – precisa – alle elementari vendevo noccioline ai vicini di casa». Da allora non si è fermato il giovane imprenditore, seriale come pochi in Ticino: è diventato un po' meno giovane, ma continua a sfornare idee.

Qualcuno potrebbe chiedersi: perché non va a lavorare, Burggraf? 
«In realtà faccio da tempo consulenze e mi occupo di marketing online. Ma è vero: mi piace restare autonomo. Una vita intera da impiegato non fa per me». 

Cos'è un imprenditore seriale?
«Nel mio caso, una persona che ha bisogno di mettersi di continuo alla prova. Che ha lanciato una serie di progetti imprenditoriali. Alcuni andati bene, altri male». 

In tutto quanti? 
«Una dozzina. Per lo più nel settore e-commerce e della sartoria»

Perché?
«Mia madre faceva la sarta a domicilio. Cuciva in casa, da piccolo l'aiutavo. Poi ho girato il mondo e in Sudafrica ho incontrato un sarto: è scattata una molla. Laggiù ho creato un'impresa con tanta passione, e pochi capitali»

Come è finita?
«L'azienda va bene e continua a operare. Non sono diventato ricco, ma ha gettato le basi per il mio profilo da imprenditore»

E i progetti andati male?
«Ho provato a produrre una linea invernale in Cechia. Prezzi equi, buone retribuzioni. Ma eravamo troppo piccoli. Ho lanciato con dei soci una linea di costumi made in Ticino. Idea buona, ma la squadra non funzionava»

Fallire, in una certa cultura, è una macchia indelebile.
«In America se non fallisci due o tre volte non sei considerato un imprenditore. Da noi è diverso. Ma tutto sta nell'accorgersi quando un progetto non funziona: capirlo presto, e ripartire». 

L'ultimo progetto?
«Ho appena lanciato un marchio di costumi da uomo, prodotti a Como da una manifattura storica, si chiama “Caldelari”».

Oltre confine. 
«In Ticino pago le tasse, creo indotto. E non si creda: nel mio caso, i costi di produzione sono altissimi, anche in Italia. Lavorazione a mano, maestranze iper-specializzate. L'eccellenza italiana può essere una risorsa per l'imprenditoria ticinese, è stupido non approfittarne».

E i costi per il cliente? 
«Alti anche quelli. Ma più bassi rispetto alle griffe d'alta moda. Eppure la qualità è la stessa»  

Sarà la volta buona? Finora il colpo grosso, da sistemarsi per sempre, non è arrivato. 
«L'idea di sistemarmi non mi è mai appartenuta».

I soldi servono però. 
«Sono un'unità di misura. Un progetto deve stare in piedi. Ma quello che conta è la gioia di creare. Quando inizi, non smetti più». 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CADENAZZO
7 ore
Senzatetto al freddo: «Cercheremo di aiutarlo»
A notare la situazione di grande disagio una passante. La foto finisce sui social e i City Angels intervengono.
LUGANO
11 ore
I mercatini, in barba al Covid
A Lugano si faranno comunque. Anche se in modo diverso dal solito. Lo ha annunciato oggi il Muncipio
FOTO E VIDEO
GAMBAROGNO
14 ore
Con l'auto elettrica contro un muro, donna ferita a Magadino
L'incidente è avvenuto questa mattina in via Orgnana. La strada è rimasta chiusa per circa un'ora.
FOTO
CANTONE
17 ore
Ajla va come un treno
L'atleta ticinese scelta come testimonial della Ferrovia Centovallina.
CANTONE
18 ore
Altri 214 contagi e cinque morti in Ticino
L'andamento della pandemia nel nostro cantone rimane «seria», ma abbastanza stabile.
FOTO
CANTONE
21 ore
«Quella volta che incontrai Diego a Buenos Aires»
Nel cuore di Maradona c’è sempre stato uno spazio di riguardo per il nostro paese, dove ha soggiornato con le sue figlie.
CANTONE
22 ore
«Solo il 5.7% dei soccorritori ha contratto la malattia»
Il direttore sanitario della Croce Verde luganese ci ha indicato i protocolli per garantire la sicurezza degli operatori
CANTONE / SVIZZERA
1 gior
I coltelli finiranno sotto chiave?
L'attacco di ieri a Lugano è avvenuto con un coltello preso direttamente dagli scaffali della Manor
CANTONE
1 gior
Aggressione alla Manor, l'accusa è di tentato omicidio e lesioni gravi
L'Imam Jelassi: «Condanniamo con forza ogni forma di violenza gratuita a prescindere da chi la commetta»
LUGANO
1 gior
La famiglia rompe il silenzio: «Chiediamo rispetto»
Fotografi e giornalisti davanti all’abitazione dei genitori della 28enne che ha accoltellato una donna ieri alla Manor.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile