GAMBAROGNO
27.05.19 - 16:130

Microplastiche, il Lago Maggiore si ripulisce

Sabato 1. giugno sarà possibile assistere alle operazioni di pulizia delle rive e dei fondali

MAGADINO - Il Dipartimento del territorio (DT) e il Comune di Gambarogno comunicano che sabato 1. giugno 2019, a partire dalle ore 10.00, avrà luogo presso il Lido comunale di Magadino e negli altri principali lidi, spiagge, canali e riali del Comune di Gambarogno, un nuovo evento denominato “Clean up Lake”. La giornata di sensibilizzazione, che fa seguito a quella svoltasi nel mese di febbraio ad Agno, è organizzata nell’ambito della campagna d’informazione sul tema delle microplastiche, ed è rivolta a tutta la popolazione.

Per l’occasione sarà possibile assistere alle operazioni di pulizia delle rive e dei fondali del Lago Maggiore, a cura del Gruppo Salvataggio Sub Gambarogno (Lidi di Magadino e Vira) e del gruppo Cavedano Sub (Lido di Gerra). Sarà inoltre presente l’imbarcazione del Consorzio pulizia lago Verbano.

Nel villaggio “Clean up Lake”, che verrà allestito nell’area del Lido comunale di Magadino, sono previste alcune postazioni informative: presso lo stand del DT sarà possibile ottenere informazioni sul tema delle microplastiche, mentre l’Associazione consumatrici e consumatori della Svizzera italiana (ACSI) presenterà in particolare alcuni esempi concreti di riduzione, riutilizzo, riparazione e riciclo degli oggetti.

Saranno inoltre presenti con uno stand: la Fondazione Parco del Piano di Magadino, la Fondazione Bolle di Magadino, il Consorzio depurazione acque del Verbano, la Società gambarognese di pesca e acquicoltura, la Salvataggio Sub Gambarogno, la Società Orientisti 92 Piano di Magadino, la Biblioteca comunale di Gambarogno e l’associazione Sea Shepherd Switzerland. Verrà inoltre allestita un’esposizione all’aperto di manifesti a tema realizzati dagli allievi dell’Istituto scolastico di Gambarogno.

Alla giornata di sensibilizzazione parteciperanno anche la società carnevale Magadino e Orgnana, FC Gambarogno-Contone, la Società atletica Vis Nova, Login-apprendisti Officine Bellinzona, Scout Gambarogno e l’Unione Filarmonica Gambarognese.

L’inquinamento da microplastiche - L’inquinamento da microplastiche delle acque dolci, contrariamente a quello degli ambienti acquatici marini, è un fenomeno ancora poco approfondito. Il primo studio condotto in questo senso in Svizzera risale al 2014, quando la Scuola politecnica federale di Losanna, su mandato dell’Ufficio federale dell’ambiente (UFAM), ha proceduto a un approfondimento volto principalmente all’individuazione di microplastiche nelle acque e nella sabbia delle spiagge di sei laghi svizzeri, tra cui il Lago Maggiore. 

Sulla scorta del rapporto che ne è scaturito, il DT, considerata la mancanza di dati concernenti la presenza di microplastiche nel Ceresio, ha ritenuto opportuno, per la prima volta, compiere una ricerca analoga sul Lago di Lugano. I dati raccolti confermano l’inquinamento da microplastiche delle acque del Lago di Lugano. Considerato che, secondo le conoscenze attuali, il rischio ambientale derivante dalle microplastiche non va sottovalutato, si rendono necessari ulteriori approfondimenti. Il DT proseguirà, pertanto, nell’attività di monitoraggio e di sensibilizzazione. Lo studio è consultabile al seguente indirizzo internet: www.ti.ch/microplastiche.

Allegati
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
BELLINZONA
1 ora

Schiume sul Lago Maggiore: «Un fenomeno naturale»

Numerose segnalazioni tra Muralto e Brissago. Il Dipartimento del territorio tranquillizza: «Non si tratta di inquinamento, ma di alghe che risalgono in superficie»

LUGANO
3 ore

«Mio figlio parla solo tramite video»

Il mutismo selettivo è un problema per (almeno) una ventina di bambini in Ticino. L'associazione Atimuse: «Abbiamo fatto passi avanti»

CADENAZZO
3 ore

Cadenazzo pensa alla videosorveglianza per bloccare i furbetti

Il traffico parassitario è un problema in alcune strade residenziali del Comune. Il vicesindaco: «Entro metà-fine ottobre metteremo due telecamere»

CANTONE
5 ore

Girardi fa istanza alla Corte d'appello: «Nel mio iPhone 5 c'è la prova »

Il direttore del Lumino’s chiede la revisione del processo e fa leva sulla donazione alla Lega, negata da Bignasca: «Se ho dato 50mila franchi, che motivo avevo di far coazione sul loro ministro?»

CANTONE
6 ore

Meno automobilisti in odore di cannabis dal medico del traffico

Negli ultimi tempi Camorino opta per l'ammonimento, laddove prima veniva ordinata la visita. «Uniformate le prassi cantonali. Nulla a che vedere coi fatti degli ultimi mesi» precisa l'autorità

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile