BELLINZONA
24.05.19 - 15:030
Aggiornamento : 15:30

«Ci hanno tagliati fuori dal mondo senza preavviso»

Polemiche nella zona di Pedevilla in seguito a un cantiere lungo la strada che porta ai Monti di Ravecchia. Il consorzio: «La strada stava cedendo, i lavori erano urgenti»

BELLINZONA – «Ci hanno tagliati fuori dal mondo senza preavviso». A sostenerlo è un padre di famiglia che vive nella zona di Pedevilla (Bellinzona). Negli scorsi giorni lungo la strada consortile che porta ai Monti di Ravecchia è spuntato un cartello che annuncia lavori di ristrutturazione tra il 27 maggio e il 19 giugno. Una decisione quasi repentina che ha spiazzato alcune persone (circa una ventina) che vivono nella zona. «Ad alcuni pare sia arrivata una circolare. A me no», sostiene un signore. 

C’è chi la prende con filosofia – In effetti il Consorzio strada forestale Paudo-Monti di Ravecchia-Monti di Artore in data 22 maggio aveva diramato sia un comunicato stampa, sia un avviso all'utenza. «Certo che se ce lo dicevano un po' prima non ci avrebbe dato fastidio – ironizza la vice gerente del Grotto Rosetta, esercizio situato sui Monti di Ravecchia –. In qualche modo ci adegueremo, non facciamo troppe storie». «I disagi riguardano soprattutto coloro che si devono recare sul piano per lavoro o per fare commissioni», aggiunge un altro residente. 

La sicurezza non era più garantita – Federico Rossini, responsabile del consorzio, spiega la situazione dal punto di vista di chi opera al fronte. «Abbiamo ricevuto delle lamentele sulla tempistica da parte di una famiglia in particolare – conferma –. Avremmo voluto effettivamente avvisare le persone coinvolte con maggiore anticipo. Il problema è che questi lavori sono urgenti, sta cedendo la strada e la sicurezza non era più garantita. Volevamo intervenire tempestivamente, prima dell'inizio delle vacanze estive. A quel punto ci sarebbe stato più traffico e i rischi sarebbero aumentati».

Gesti di solidarietà verso la popolazione – I lavori dureranno tre settimane. E Rossini evidenzia come il consorzio abbia deciso di venire incontro alla popolazione, in tutti i modi. «Riapriremo la strada ogni sera. E anche nei weekend. Non è evidente. Per la famiglia che si è lamentata direttamente con noi, abbiamo messo a disposizione un'auto del cantiere per consentirle di raggiungere il luogo in cui abita. In particolare pensando ai figli in età scolastica. Comprendiamo i disagi. Stiamo facendo l’impossibile per ridurli».

Allegati
Commenti
 
gabola 8 mesi fa su tio
Si chiama manutenzione,alcune persone preferiscono vedere un disastro e poi sono i primi ancora a lamentarsi della mancanza di manutenzione
GI 8 mesi fa su tio
quando eventi naturali o meno.....causano scoscendimenti .....e la strada viene TOTALMENTE sbarrata, è ben peggio....quindi porta pazienza !
TOP NEWS Ticino
FOTO E VIDEO
LUGANO
1 ora
«Serve un nuovo Skate Park, altre pezze non hanno senso»
Le anime di ieri, Yari Copt, e di oggi, Daniele Stamerra, evidenziano i pesanti acciacchi della struttura. Alla Città, da sempre collaborativa, gli skater chiedono una nuova "area street"
FOTO
LUGANO
3 ore
Lacrime ed emozioni: fiaccolata per Matteo
Un momento di riflessione per il trentacinquenne ucciso lo scorso 17 dicembre alla pensione La Santa di Viganello. Diverse le persone presenti
LUGANO
3 ore
«Nella sezione PPD di Lugano c’è maretta»
Si è dimesso Luca Campana, membro dell’Ufficio presidenziale e responsabile comunicazione
CANTONE
6 ore
La gestione alla Cinque Fonti entra in aula con il Gran Consiglio
Raffaele De Rosa risponde alle domande dell'interpellanza di Matteo Pronzini sulla casa anziani. Ma il Parlamento rifiuta di aprire una discussione generale
CANTONE
6 ore
Dalla seconda alla prima classe? Solo se te lo dice il controllore
Il diritto di avere un posto a sedere non esiste. Anche quando i treni sono sovraffollati la valutazione spetta al personale delle FFS. Ma per chi sgarra non sempre è prevista una multa
CEVIO
10 ore
Infortunio sul lavoro, ferite gravi per un 51enne
L'uomo stava assicurando con delle cinghie alcuni tubi in pvc sul cassone di un camion, quando è caduto da un'altezza di circa tre metri
CANTONE
10 ore
Supporto allo studio e false scuole: «Come si è attivato il DECS?»
Lara Filippini e cofirmatari interrogano il Consiglio di Stato sulle prestazioni offerte dalla Clinical Pedagogy International Sagl
FOTO E VIDEO
LUGANO
14 ore
Fumo in Piazza Cioccaro, arrivano i pompieri
Nel palazzo sono in corso dei lavori di ristrutturazione
BIASCA
17 ore
«Io, perseguitato da Berna, fuggo dal Ticino»
È stato accusato di essere un trafficante d'armi. Poi l'accusa è caduta. È stato in carcere. Ora chiede giustizia. Ma qualcuno oltre Gottardo continua a legargli le mani. È la storia di Arnaldo La Scala, ticinese scambiato per siciliano.
BELLINZONA
19 ore
«I nostri giardini allagati ogni volta che piove forte»
La singolare situazione di un 44enne di Camorino e dei suoi vicini: «Il terreno da cui proviene l’acqua è comunale. Eppure da mesi nessuno fa niente». Le autorità: «Ci attiveremo»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile