FVR/Franjo
CENTOVALLI
24.05.19 - 11:160

Un errore umano la causa del frontale di Corcapolo

Nell'aprile di tre anni fa cinque persone rimasero ferite nell'incidente. Il SISI ha pubblicato oggi il rapporto finale dell'inchiesta

BERNA - La collisione frontale tra due treni regionali avvenuta nell'aprile del 2016 tra le stazioni di Corcapolo e Intragna, nelle Centovalli, che aveva provocato il ferimento leggero di cinque persone, è stata causata da un errato intervento sul sistema di sicurezza. È quanto emerge dal rapporto finale del Servizio d'inchiesta svizzero sulla sicurezza (SISI) pubblicato oggi.

L'incidente ferroviario si è verificato il 26 aprile 2016 poco dopo le 08.30 su una tratta aperta tra le due stazioni delle Centovalli. Quella mattina erano in corso lavori di riparazione sulla linea. Stando al SISI, «quando è stato effettuato l'intervento sul sistema di sicurezza, non era stata chiarita precedentemente la posizione dei treni e non era stato commutato l'impianto sul funzionamento locale da parte del capomovimento».

Di conseguenza, «il sistema automatico dell'apparato centrale, a causa dell'impostazione manuale (...) errata, impostava il segnale di uscita a Corcapolo su "via libera", lasciando così transitare un treno su un tratto di linea sul quale era già in viaggio, in direzione opposta, un altro convoglio», precisa il rapporto. Il fatto che i due segnali fossero verdi nelle due direzioni ha quindi provocato lo scontro frontale.

Stando al SISI, il fatto, poi, che i montatori del servizio guasti non fossero provvisti di una radio ricetrasmittente, come avrebbe dovuto essere, e che una volta accortisi del pericolo non abbiano potuto comunicare ai macchinisti di fermarsi, non è stata la causa del sinistro, ma non ha neppure consentito di evitarlo.

Una volta constatato che di due treni circolavano sullo stesso binario a una velocità di 30 chilometri orari, i due macchinisti avevano tentato invano di frenare.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
BELLINZONA
3 ore
Il personal shopper si sposta on line e ti veste sui social
Reinventarsi in un mestiere tradizionale attraverso la tecnologia. Una sfida vinta durante la pandemia
LUGANO
6 ore
Scarcerato don Chiappini
Il giudice dei provvedimenti coercitivi non ha convalidato il fermo. Il sacerdote torna a piede libero
FOTO E VIDEO
MAROGGIA
9 ore
Enorme incendio al Mulino Maroggia, ci sono intossicati
Pompieri e Polizia sono sul posto, ma il loro intervento è reso difficile dalla "forza" del rogo.
CANTONE
9 ore
Messaggi di Ermani: «Non luogo a procedere»
Per il Procuratore generale sostituto la segnalazione di Pronzini non ha aggiunto nulla a quanto già di dominio pubblico
CANTONE
10 ore
Da Bedano a Balerna altri contagi in casa anziani
Piccolo focolaio in un reparto della Stella Maris. Cinque residenti isolati al quarto piano. Altri casi a Ca' Rezzonico
TAVERNE
11 ore
Incidente in A2, disagi
Tra Taverne e il monte Ceneri si segnala un sinistro in direzione nord
CANTONE
11 ore
Lockdown 2: cineasti ticinesi fatevi avanti
«Mai prima di questa primavera era stato realizzato un progetto a livello nazionale in così poco tempo»
FOTO
BELLINZONA
14 ore
Le rotonde di Camorino sono (infine) pronte
Dopo mesi di cantiere e qualche polemica, le nuove rotatorie sono entrate in servizio negli scorsi giorni.
CANTONE
16 ore
Altri 140 casi e 5 nuovi decessi in Ticino
Nelle ultime 24 ore 23 persone sono state ricoverate in ospedale, mentre 11 lo hanno lasciato.
CANTONE
19 ore
I ticinesi che portano le bollette alla Caritas
L'associazione benefica ha ricevuto oltre 700 richieste d'aiuto in più da marzo. Ecco chi sono i nuovi poveri del Covid
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile