tipress (archivio)
LUGANO
18.05.19 - 15:460

AIDA sul futuro dell'ex macello: «Ora c'è solo rabbia e frustrazione»

L'associazione in difesa dell'autogestione parla di disinformazione e punta il dito contro il Municipio: «Svilita l’esperienza socioculturale che da anni dà vita a quel luogo»

LUGANO - «Come associazione che difende il principio dell’autogestione non possiamo che biasimare il Municipio e la maggioranza del consiglio comunale per come stanno gestendo il futuro del sedime dell’ex macello!». Così Bruno Brughera, Portavoce di AIDA, associazione in difesa dell'autogestione.

«Hanno scelto di mettersi muro contro muro senza capire che questa contrapposizione farà male a tutti - prosegue Brughera in una nota stampa -. La fuga in avanti del sindaco Borradori, che ha annunciato l’imminente disdetta della convenzione, non fa che peggiorare le cose». Per AIDA infatti, se c’era un filo che teneva legate le due parti, ora non c’è più niente, «solo rabbia e frustrazione».

«Tempo fa - prosegue ancora Brughera -, il vicesindaco Bertini rassicurava i giovani liceali sulla volontà di dare loro l’opportunità di frequentare il centro autogestito». «Non sarà certo l’istituzione di una commissione speciale come quella annunciata a risolvere ora il problema - aggiunge -. È sconcertante che vi siano inseriti solo dipendenti del comune e rappresentanti del cantone (e dove la presenza di un poliziotto non ha ragione di esistere) senza cercare di coinvolgere gli attuali inquilini e contemplare la partecipazione di rappresentanti della società civile».

Per AIDA, inoltre, quanto fatto fino ad ora è stata solo disinformazione. «Si sono usati dei pretesti per denigrare la vera essenza di questa esperienza autonoma, facendo credere all’opinione pubblica che ci fosse una situazione di violazione permanente della legalità, che andava ripristinata il prima possibile. Sintomatica l’esternazione del vicesindaco che plaude all’esito della votazione in consiglio comunale dicendo: abbiamo ridato il macello ai luganesi! Già perché chi gestisce e frequenta sono degli usurpatori venuti da chissà dove...».

AIDA non nasconde che una parte delle argomentazioni del Municipio – lo stato fatiscente degli stabili e l’urgenza di un restauro – poggi su basi oggettive, «ma l’altra parte – la necessità di offrire ai cittadini nuovi spazi di carattere culturale e sociale escludendo però l’autogestione – svilisce e nega proprio l’esperienza socioculturale che da anni dà vita a quel luogo».

L'associazione si mette quindi a disposizione per mediare, ma teme che «il generale irrigidimento delle posizioni, inasprito dalla posizione assunta dalla città, non lasci veri spazi di manovra».

Commenti
 
volabas 1 mese fa su tio
vuoi autogestirti? ok va benissimo, paga pero' lo spazio del sedime che usi, dove sta' il problema! Tu municipio/ comune esigi l'affitto di quei mquadri a lugano, tu autogestito paghi
Tato50 1 mese fa su tio
Peccato che il cemento non brucia ;D
Tato50 1 mese fa su tio
@ Giulio Bellosi !! Tutti quelli intelligenti sono confinati li dentro ?
franco1956 1 mese fa su tio
leggete cosa hanno combinato a Berna i benemeriti autogestiti.ruspe e foo di ball.
francox 1 mese fa su tio
I miei figli e i loro coetanei, oramai cresciuti, non parlano assolutamente di legalità ma di spaccio. Inoltre, il minorenne scappato di casa qualche anno fa, è rimasto al macello per diversi giorni, mentre i genitori stavano impazzendo. Trovo tutte e due le cose vergognose. Se non fosse per questo, ben venga un centro giovanile.
Giulio Bellosi 1 mese fa su fb
Chi vuole leggere commenti di gente:Analfabeta, ignorante, sola, talmente ottusa da criticare una faccenda e un luogo in cui non ha mai messo piede, ipocriti e rosicanti del fatto che c’è ancora qualcuno che si diverte in questa utopia di silenzio che è il Ticino è benvenuto...qui c’è ne sono tanti.
sedelin 1 mese fa su tio
che livello i commenti qui sotto! salvini-trump style: vergognoso! su questo tema c'è tanto da dire, il problema é complesso e le due parti in conflitto hanno ciascuno il loro torto. con una mediazione intelligente si può trovare una soluzione intelligente, ma se si continua a polemizzare e a denigrare con tanto odio non si arriva a nulla!
OCP 1 mese fa su tio
@sedelin Il loro comportamento è voler fare quello che vogliono e come vogliono pretendendo dalle stesse autorità che non rispettano. Il fatto di fare eventi "socioculturali autogestiti" è un pretesto e vorrebbero farli senza avere dei piani di sicurezza (vie di fuga, impianti antincendio, servizi igienici adeguati, ecc. ecc.). Autogestiti o no per ogranizzare eventi ci sono anche delle regole di sicurezza da rispettare e non credo che l'ex Macello sia attrezzato adeguatamente. A mio parere, tutto sommato, stai difendendo l'indifendibile.
Tato50 1 mese fa su tio
@sedelin Dialogare come a Berna questa notte ?
OCP 1 mese fa su tio
@sedelin No te se ti che te capii nagott. Ci sono delle leggi che valgono per tutti, gli autogestiti non possono fare eccezione perché allora a questa stregua chiunque è legittimato a chiedere e fare quello che vuole. Oltretutto se non sei disposto nè a dialogare nè a scendere a compromessi... cosa evidente nella loro presa di posizione. È più chiaro detto così?
sedelin 1 mese fa su tio
@OCP te capii nagott da chel che u dii!
OCP 1 mese fa su tio
Autogestione? Non hanno rispetto per le leggi e le istituzioni ma da queste stesse istituzioni pretendono rispetto. Questo non è essere autogestiti ma essere rifiuti sociali fancazzisti... che è molto diverso. A proposito di esperienze socioculturali? Per chi? Forse mi sbaglio ma non ho mai visto la fila di gente per entrare in quella bidonville dell'ex Macello per assistere a qualche manifestazione.
Nicola Plüto Meroni 1 mese fa su fb
ahh ma produrre..vendere..e usare canapa è un esperienza socioculturale..!?..non lo sapevo..anche imbrattare la città di manifesti con frasi vaneggianti e senza senso..!? ahhh buono a sapersi..
Tatiana Morelli-Fagetti 1 mese fa su fb
Esperienza socioculturale ??? Ma per favore 😳😳😳😳😳
Ivano Bettinsoli 1 mese fa su fb
🔥
seo56 1 mese fa su tio
Ruspe e lavori forzati!! Questi sì che sono per il bene della comunità......
LAMIA 1 mese fa su tio
Andate con un battello in mezzo al lago, gettate le ancore e fate tutte le esperienze socioculturali che volete senza inquinare!
Evry 1 mese fa su tio
@LAMIA Proposta da sostenere, grazie
dan007 1 mese fa su tio
Quel luogo dovrebbe diventare un posto dove creare socialità nel rispetto delle regole ristrutturato potrebbe essere anche destinato per creare spazi di cooworking arte e tanto altro
Febo Cattani 1 mese fa su fb
Piantala e foo di ball!
Alessandro Milani 1 mese fa su fb
Va bene l'autogestione ma...nn si occupa abusivamente e sopratutto si paga luce acqua e affitto o solo gli altri devono pagare?!
tirannosaurosex 1 mese fa su tio
Leggo solo blabla ... Hanno ricevuto la disdetta? Allora è ora di rispettare la legge! Posso consigliare il più potente spray anti parassiti per lo sgombero?
Evry 1 mese fa su tio
@tirannosaurosex condivido
Luca Mer 1 mese fa su fb
Rabbia e frustrazione. Esatto, non si potrebbe meglio definire quegli ambienti. Aggiungerei magari anche prepotenza e fanatismo, per fare poker.
Nicklugano 1 mese fa su tio
Creata una commissione senza coinvolgere gli attuali inquilini ???? Mi sembra che per essere considerati degli inquilini si pagano degli affitti…. senza considerare l'abbellimento esterno a cura di questi "inquilini".
Mattiatr 1 mese fa su tio
@Nicklugano Bello sapere che se occupo una struttura automaticamente sono un inquilino. Quando la faranno sù a nuovo paciugheranno anche quella?
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
2 ore

Ben 350mila franchi per la TI 7851. Ma è un errore

La Sezione della Circolazione si è mostrata comprensiva con l'offerente. E la targa ritornerà all'asta

CANTONE / FRANCIA
5 ore

Ticinesi bloccati in Corsica: «Nella notte se le sono date di santa ragione»

Incubo finito dopo 24 ore bloccati sul traghetto. «Questa mattina siamo ripartiti. Ma che esperienza...»

CANTONE
6 ore

Un esercito di ticinesi indebitati

I numeri di Caritas Ticino: in quattro anni le richieste d'aiuto sono decuplicate. «E non riguardano solo giovani o disoccupati»

CANTONE
8 ore

Dal licenziamento a 50 anni alla rinascita. Passando per una tragedia

La storia di Giovanni Ardemagni che dalla sua esperienza ha tratto il romanzo “Un momento fa, forse”: «Un racconto a tinte giallo noir che pesca dalla realtà, ma in grado di far riflettere»

CANTONE
9 ore

Allievi difficili e vacanze estive: «In Ticino non è prevista la scuola speciale»

A differenza di Zurigo, la presa a carico avviene tramite il Sostegno pedagogico. E non si interrompe con le ferie, spiega la responsabile

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report