Nuova indagine di terreno a Bellinzona-Giubiasco
BELLINZONA / GIUBIASCO
14.05.19 - 17:240

Il nucleo storico del Palasio riportato alla luce

Il sito rinvenuto ha un alto potenziale archeologico. Le ricerche proseguiranno nelle prossime settimane

BELLINZONA - Da un paio di mesi, il Servizio archeologia dell’Ufficio dei beni culturali del Dipartimento del Territorio, è impegnato in una nuova indagine di terreno a Bellinzona-Giubiasco.

Le ricerche – dirette da Giorgio Nogara - stanno riportando alla luce le fondamenta di edifici che dovevano costituire l’antico nucleo dell’odierna frazione denominata Palasio. Il nucleo si affacciava sulla strada di campagna o mulattiera, di cui
sono ancora visibili alcune tratte, inserite dell’Inventario delle vie di comunicazione storiche della Svizzera (IVS).

Le ricerche sono state avviate a seguito del progetto immobiliare della Residenza Villa Rusconi, che prevede il restauro della grande villa di campagna fatta erigere tra la fine del XVIII e l’inizio del XIX secolo dal colonnello Giuseppe Antonio Rusconi, e la costruzione di due edifici inseriti all’interno del vasto giardino cintato, che caratterizzava il signorile edificio.

Le indagini ancora in corso permettono di rilevare perimetri di case tardomedievali (di cui una ipotizzabile come Sosta), muri di contenimento del torrente sovrastante, resti di materiali edilizi in cotto, frammenti di ceramica invetriata e di maiolica policroma.

Il sedime oggetto della ricerca - inserito a Piano regolatore nel Perimetro di interesse archeologico denominato Giubiasco-Palasio e pertanto tutelato ai sensi della Legge sulla protezione dei beni culturali – si trova a poche decine di metri in linea d’aria dal terreno in cui nel 2013 venne riportata alla luce una necropoli con una trentina di sepolture da riferire all’età del Ferro.

Visto l’alto potenziale archeologico dell’area, il Servizio archeologia del DT è intervenuto prima della nuova edificazione per documentare e salvaguardare le preziose testimonianze ancora conservate nel sottosuolo.

Le ricerche proseguiranno nelle prossime settimane; smontando gli antichi muri non si esclude il ritrovamento di attestazioni precedenti il Medioevo.

Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO E VIDEO
LUGANO
1 ora

Grande successo per la nuotata popolare nel lago

I primi a tagliare il traguardo dopo avere attraversato i 2'500 metri che separano Caprino dal Lido sono stati Pierandrea Titta e Maria Fernanda Stornetta

CANTONE
1 ora

Dalla canicola alla neve, quando l’allerta corre sul filo dei social

La bacheca degli Amici di MeteoLocarno è seguita da oltre 17mila persone. La pagina ora cambia nome. Ma cambierà anche il resto? Lo abbiamo chiesto a Nicola Gobbi

FOTO
MINUSIO
3 ore

La barca va giù, sei giorni dopo il recupero

Sono state laboriose le operazioni effettuate dai pompieri di Locarno in collaborazione con un cantiere nautico della zona

GRAVESANO
5 ore

Operazioni fasulle, la prima segnalazione in febbraio

Il medico cantonale aveva scritto alla magistratura di un «possibile pericolo per la salute pubblica». Ma all’Ars Medica la procura aveva assicurato: «Nessun pericolo per i pazienti»

MURALTO
21 ore

«Vorremmo tenere aperto fino a mezzanotte, ma ce lo vietano»

Il negozietto di fronte alla stazione torna a fare discutere. Il giovane responsabile: «L’estate per noi è il momento degli affari». Il sindaco: «Prolungamento degli orari inopportuno»

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile