TIO/20M/GIORDANO
LUGANO
14.05.19 - 18:290
Aggiornamento : 15.05.19 - 09:33

Con la videocamera all'ex Macello: bocche cucite tra gli "alternativi"

Stop all'autogestione. Dopo la decisione delle autorità, nessuno vuole parlare. Il vice sindaco Michele Bertini: «Non potevamo continuare così».  

LUGANO – Stop all'autogestione dell'ex Macello di Lugano. A sancirlo, lunedì sera, è stato il consiglio comunale. Nei prossimi mesi scatterà la disdetta per gli autogestiti. Intanto, Città e Cantone studieranno soluzioni per il futuro. Polemiche da parte della sinistra, che ha giudicato grave la scelta adottata dalle autorità luganesi. Soprattutto basandosi sul fatto che le proposte culturali e ricreative dell'ex Macello sono aperte a persone di ogni fascia sociale, a prezzi abbordabili. 

Silenzio assordante – Tio/ 20 Minuti si è recato in Viale Cassarate, presso la sede dell'ex Macello, per cercare di parlare con gli autogestiti. Come si intuisce dal video, nessuno ha voluto rilasciare dichiarazioni. Anzi, i presenti si sono tutti defilati. «Se passate più tardi, magari c'è uno dei responsabili», ci dice un ragazzo. «Io però non parlo. Non posso», aggiunge. Sul posto troviamo anche alcuni ragazzi italiani, ospiti del centro. «Veniamo qui ogni tanto. Non tocca a noi esprimerci», sostiene uno di loro. D'altra parte, da sempre, i frequentatori dell'ex Macello non sono particolarmente aperti ai media. E neanche stavolta fanno eccezione. Lasciamo addirittura un nostro numero di telefono. Nessuno ci richiama.    

La voce della Città – Insomma, porte chiuse all'ex Macello. Intanto, la Città mette i puntini sulle "i". «Non posso negare che alcune proposte culturali e ricreative fatte dall'ex Macello siano interessanti – evidenzia il vice sindaco Michele Bertini, da noi raggiunto –. Però va specificato che quel sedime è bloccato da anni a causa del nodo dell'autogestione. Qualcosa andava fatto. La politica cittadina vuole riqualificare questo terreno. È necessario un intervento pubblico. L'autogestione? Così come la conosciamo oggi, non avrà più spazio». Sui musi lunghi trovati all'ex Macello, Bertini è esplicito. «Siamo aperti al dialogo. Lo abbiamo sempre detto».  
 

TIO/20M/GIORDANO
Guarda le 2 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Giorgio Nikola Rigas Nenadov 10 mesi fa su fb
GLI FA GOLA IL TERRENO SAI QUANTA ROBA SI PUO COSTRUIRE LI dai soliti famiglioni e i soliti noti
ni_na 10 mesi fa su tio
Forza ragazzi del Molino! Avete tutto il mio sostegno e la mia stima. Tutti coloro che rivendicano lo stabile pensino a quanti stabili vuoti e lasciati marcire ci sono in tutto il Cantone. Voglio vedervi protestare anche per quello, ma si sa già che la presa di posizione vostra è unicamente politica! Oppure dettata dall'ignoranza. Chi dice che lo spazio è imbrattato o lasciato andare non ci è mai realmente entrato, chi ignora il valore della produzione culturale che viene portata avanti non ci ha sicuramente mai messo piede. Ma abbiate un po' di rispetto perché lì ci sono persone che ci mettono idee, tempo e cuore e portano avanti qualcosa in cui credono e che molti, moltissimi apprezzano.
francox 10 mesi fa su tio
@ni_na O non ci sei mai stato oppure sei un frequentatore assiduo....
pulp 10 mesi fa su tio
@ni_na Sai quante associazioni ci sono in Ticino, dove c'è gente che ci mette l'anima e il cuore per proporre attività di ogni genere? In alcuni casi si riceve un contributo dal comune, in altri neanche quello - eppure si cerca di coinvolgere i propri soci e si raccimola quanto basta per tirare avanti e proporre cose su più livelli. Ecco, come fanno quindi centinaia di presidenti di associazioni le più disparate, facciano anche questi "autogestiti".... Trovano uno spazio, fanno le loro proposte "culturali", pagano l'affitto e quanto è necessario pagare per far andare avanti la propria "attività" e tutti saranno felici e contenti. No invece a regali incomprensibili che sono uno sfregio proprio per tutti gli altri che fanno un sacco di belle cose - dal calcio alle associazioni micologiche, passando per quelle di pesca e ai gruppi in difesa degli animali ecc. ecc.
Sergio Lorenzon 10 mesi fa su fb
... Ma lasciateli vivere!!!
Max Bartolini 10 mesi fa su fb
Ci mancherebbe che dicano qualcosa... hanno fatto one volevano per 20 anni, coi soldi e infrastrutture della città che alla fine sono di proprietà dei cittadini... quindi li abbiamo mantenuti noi
max0920 10 mesi fa su tio
era ora
Bacaude 10 mesi fa su tio
La decisione era nell'aria. Ora la stessa solerzia nell'obbligare sedicenti imprenditori a smantellare le strutture fatiscenti che deturpano e inquinano il territorio e l'esproprio coatto di case signorili, letteralmente lasciate a marcire, in giro per il Cantone (senza che i proprietari, spesso irraggiungibili, paghino in cts.) Solo così le isituzioni saranno credibili.
lügan81 10 mesi fa su tio
Ma prendere esempio dall'Usine di Ginevra?? Saranno 20 anni e più che l'Usine va benissimo, autogestiti CON il comune gestiscono lo spazio in modo fantastico, ristorante, shop, sala concerti ecc... Dopo tutti questi anni ne il comune ne gli autogestiti hanno preso spunto... Eppure l esempio é in Svizzera mica in Australia...
jena 10 mesi fa su tio
@lügan81 ... mi sa che qui vogliono prendere esempio dalla vicina penisola...
Evry 10 mesi fa su tio
Questa sruttura assolutamente fuori da qiualsiasi norma d'abitabilità è stata tollerata da anni solo perchè i politici non volevano conpromettersi la loro carriera in quanto il tema scottava e a tutt'oggi è rovente, tollerando l'agire scorretto e prepotente dei Molinari. Ora si è costretti ad adottare dei correttivi con la zampa d'elefante. Questo è la conseguenza quando i politici trascinano da anni le cose meno gradevoli alfine di salvaguardare la propria faccia ed i propüri interessi. L'abero è cresciutro e le radici si sono rafforzatre.....
Matteo Ulfara 10 mesi fa su fb
Era ora
dan007 10 mesi fa su tio
Non condivido questo scempio ma bisogna costruire alloggi a pigioni moderate manca l’approccio sociale per i residenti svizzeri è deplorevole
ni_na 10 mesi fa su tio
@dan007 Ma quale scempio? Mi sembrate mio nonno, che vedendo uno con l'orecchino e i tatuaggi reagiva scandalizzato.
centauro 10 mesi fa su tio
Appetitoso sedime per un palazzo uso uffici e appartamenti di lusso!!!
Pietro Rezzonico 10 mesi fa su fb
il Ps sta facendo speculazioni, sicuramente convinti che uno spazio unicamente di sinistra porti poi dei voti in casa loro senza però rendersi conto che per quei signorini sono dei fascisti !
Luca Magnate 10 mesi fa su fb
persino città di sinistra come Locarno non ha centri sociali perchè cavolo lo deve avere Lugano, che migrino al centro stupri di Berna!
francox 10 mesi fa su tio
Autogestiti? Vorrebbe dire che dovrebbero cavano da soli ma non è così. Fumano canne alla faccia nostra e con le nostre tasse. Oggi si può fumare dappertutto e nessuno dice niente, non serve avere un tetto. Arrangiatevi, lazzaroni.
francox 10 mesi fa su tio
@francox Errata corrige. Dovrebbero cavarsela.
ni_na 10 mesi fa su tio
@francox come se per tenere insieme una programmazione regolare e variegata non ci volessero tempo e risorse e la capacità di gestirle. Basta con questi luoghi comuni, dimostrate solo la vostra ignoranza.
francox 10 mesi fa su tio
@ni_na Autogestione vuol dire cavarsela da soli, non farsi mantenere. A proposito di ignoranza, consulta il dizionario.
Mattiatr 10 mesi fa su tio
@ni_na Non so nemmeno chi siano, non mi interessa. So che autogestiti è plurale, quindi immagino siano più di uno. Potrebbero fare come fanno tutti, formare un gruppetto serio e affittare un magazzino, un garage o altro. Ho dei soci che fanno così, affittano garage che a breve verranno demoliti e per due anni hanno un luogo dove passare il tempo libero a basso costo. Io che non ho bisogno di spazio ho visto diversi annunci per spazi lavorativi a 1000-1200 franchi al mese. Se sono almeno 10 persone il costo non sarebbe così fuori di testa. Mi chiedo perché per loro debba esser concesso spazio gratuito (che da quanto vedo dalle foto hanno pure maltrattato) mentre altri devono pagare.
Giuliana Tengattini 10 mesi fa su fb
16 anni ... e ancora ai piedi della scala ! Come sempre cantone e comune forte con i deboli e deboli con ... i forti
Sandrini Sirio 10 mesi fa su fb
Ho io il lavoro in montagna a spostare borse e strappare ceppi per questi autogestiti
Romy Ribi 10 mesi fa su fb
Bravo Municipio di Lugano, era ora! Ma poi pagavano l'affitto sti autogestiti?
Violet Barrow 10 mesi fa su fb
no
Romy Ribi 10 mesi fa su fb
Violet Barrow Come mai?
Alessandro Milani 10 mesi fa su fb
Come mai?sai quanti figli di politici e ex politici ci stavano dentro?!
Caroline Meyer 10 mesi fa su fb
Romy Ribi non hanno mai pagato nulla in 17 anni e passa! Mai un affitto, mai una bolletta.. Vogliono vogliono senza pagare niente! Troppo comodo cosi.
Romy Ribi 10 mesi fa su fb
Caroline Meyer, Ma come mai non pagano come ogni comune mortale? E proprio ora che le buttano fuori. Eppure ci sono persone nella politica che le difende.... Mancherebbe che le ridano un posto dove non devono pagare, sarebbe una ingiustizia per quelli che lavorano e pagano affitto!
La Fuvi 10 mesi fa su fb
Era ora!
Tarok 10 mesi fa su tio
se volete vengoadarviunamanoperiltrasloco
Dioneus 10 mesi fa su tio
@Tarok Impiega il tempo per qualcosa di più utile e gradito;)
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
1 ora
«Senza misure niente deroga»
L’OCST controllerà l’applicazione rigorosa delle norme a protezione della salute dei lavoratori
CANTONE
1 ora
Disinfettanti prodotti “in casa” e gratis
Paolo Rezzonico utilizza il suo birrificio per produrre etanolo a partire da tre semplici ingredienti
CANTONE
3 ore
Le reclute di Losone «pronte per un'eventuale chiamata»
I neoformati del corso di sanitari d'unità «potranno entrare in servizio se necessario» a partire dal prossimo 3 aprile
CANTONE
4 ore
Tutto chiuso fino al 5 aprile
Il presidente del Consiglio di Stato chiarisce l'ok arrivato da Berna allo stop delle attività commerciali e produttive.
BERNA
7 ore
Limitazioni o cessazione delle attività, arriva l'ok da Berna
L'autorizzazione può essere prorogata fino al 5 aprile
CANTONE
9 ore
Pronzini: «Aziende che lavorano... grazie agli amici?»
Il deputato Mps solleva ulteriori interrogativi sui trasporti di ghiaia in Val Bavona
CANTONE
9 ore
I contagi aumentano ancora, ma un po' meno: altri 39 casi
Nelle ultime ventiquattro ore i malati sono arrivati a quota 1'727. E i morti complessivi legati al Covid-19 sono 87
CANTONE
11 ore
Colpo di coda dell'inverno
Sono stati giorni con temperature che normalmente si registrano a fine gennaio.
GRIGIONI
19 ore
Cantieri ancora aperti nel Moesano: «Ora basta, governo grigionese!»
Per Nicoletta Noi-Togni, è il «paradosso di essere praticamente ticinesi»: «Dovremo interrogarci e fare una scelta».
SONDAGGIO
CANTONE
21 ore
Quarantena: arriva il consultorio per la coppia ticinese che scoppia
Risponderà da Locarno e Mendrisio e promette un aiuto per affrontare la convivenza forzata.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile