TiPress - foto d'archivio
MASSAGNO
14.05.19 - 12:420

Il Cinema Lux sarà ristrutturato

I lavori, con un investimento di 2,6 milioni di franchi, potrebbero iniziare già nel giugno del 2020

MASSAGNO - «Il Cinema Lux si riconosce in Massagno e Massagno si riconosce nel Cinema Lux». È un’affermazione che si è sentita più volte negli ultimi anni quando il Consiglio comunale si è espresso su dei provvedimenti concernenti la sala di proprietà del Comune. Ieri sera il Consiglio comunale ha accettato il progetto di riqualificazione dell’edificio della sala cinematografica, dopo aver proposto al Municipio delle modifiche ai piani iniziali, che comporteranno un investimento 2,6 milioni di franchi e permetteranno comunque di effettuare gli interventi «assolutamente necessari».

Da 2,99 a 2,6 milioni di franchi - Ieri sera il Legislativo di Massagno ha dato un’ulteriore prova della grande considerazione che nutre per questa struttura, esaminando in maniera minuziosa la richiesta di credito del Municipio per la riqualificazione del Cinema Lux e del Salone Cosmo, che è stata approvata con 18 favorevoli, 8 contrari e un astenuto. Rispetto alla richiesta di credito iniziale di 2,99 milioni di franchi, il Municipio ha accettato gran parte degli emendamenti presentati dai consiglieri comunali, i quali erano tutti concordi sulla necessità di effettuare degli interventi all’edificio, ma hanno espresso diverse riserve sulla sistemazione esterna che era stata proposta. Le modifiche approvate, con il benestare dell’Esecutivo, permetteranno comunque un investimento di 2,6 milioni di franchi, grazie al quale sarà possibile effettuare gli interventi indispensabili all’interno dell’edificio, inaugurato nel 1958, per adeguarlo alle normative attuali, nonché di procedere alla riqualificazione esterna limitatamente al lato ovest del Cinema Lux e dell’attuale piazzale antistante il salone Cosmo e in particolare all’edificazione di una scala a collegamento del cortile Cosmo e Via dei Platani.

Gli interventi stralciati - Come richiesto dal Consiglio comunale, sono stati stralciati dal messaggio votato ieri sera gli interventi sul lato est del cortile Cosmo e nelle adiacenze degli stabili dell’Azienda Elettrica di Massagno (AEM). Su quest’area adiacente si era discusso e votato non più tardi di tre anni fa, quando fu già proposto e accettato uno studio di fattibilità riguardante gli interventi di riqualificazione del Cinema Lux con la prospettiva dell’insediamento del Conservatorio Internazionale di Scienze Audiovisiva (CISA), che tuttavia non ha voluto proseguire nelle trattative con il Comune. Perciò, finché non saranno individuate nuove destinazioni per quella zona, il Consiglio comunale ha chiesto e ottenuto che non vengano effettuati interventi sul Cinema Lux che possano precludere nuovi scenari per lo stabile AEM.

Un compromesso soddisfacente - Il Municipio è soddisfatto per il compromesso che è stato raggiunto, grazie al quale i lavori potrebbero iniziare già nel giugno del 2020, dando ulteriore impulso alla nuova gestione della sala da parte di Joel Fioroni, il cui operato è stato lodato a più riprese anche dal Consiglio comunale. Al proposito si ricorda come di recente, nel 2012, la sala sia stata oggetto di un importante credito per l’ammodernamento degli impianti cinematografici, in particolare impianto di proiezione, luci ed audio, migliorie che ne hanno ulteriormente favorito il recupero.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE / ARGENTINA
36 min

Blackout in Argentina, ma non a... Ticino

L'interruzione di corrente nazionale non ha toccato la comunità nella provincia di Córdoba, villaggio fondato da due svizzeri nel 1911

BELLINZONA / BIASCA
6 ore

Rissa sul treno e volano bottiglie: «Abbiamo avuto paura»

La polizia conferma il ferimento di una persona sul treno tra Bellinzona e Biasca. Le indagini sono in corso per far luce sull'accaduto

CANTONE
7 ore

Addio ad Antonio Snider

L’avvocato locarnese è stato stroncato nella notte da un male incurabile. Aveva 96 anni

CANTONE
8 ore

Finanze cantonali in nero, il preconsuntivo fa ben sperare

Dal Consuntivo 2019 potrebbe risultare un avanzo di 73.3 milioni di franchi. Incidono (anche) i 9.6 milioni di franchi di restituzione da parte di AutoPostale

SANT'ANTONINO
11 ore

Doppio tentativo di furto a un bancomat, in manette un 35enne

L'uomo, che per due volte non è riuscito nel suo intento, si era dato alla fuga ma è stato arrestato dalla Polizia cantonale. Ancora latitanti i suoi complici

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report