LOCARNO
13.05.19 - 09:540

«Ecco la verità sul progetto Monte Brè»

L’associazione Salva Monte Brè invia al Municipio la documentazione del progetto maxi-resort distribuita dai promotori: «Le differenze? È la loro strategia di dissimulazione».

LOCARNO - Ecco «la verità sul progetto e zona di pianificazione a Brè-Cardada». L’associazione Salva Monte Brè mette le carte in tavola e in una lettera, inviata stamane al Municipio, informa l’esecutivo su quelle che sarebbero le vere intenzioni della Augur Invest per il progetto di maxi-resort. Intenzioni che differirebbero significativamente rispetto a quanto presentato nell’incontro dello scorso 16 aprile. A sostegno delle proprie parole l’associazione allega la documentazione che la Augur ha distribuito nell’ambito di due convegni oltralpe.

«Le differenze non ci sorprendono più di tanto - scrive Marco Ricca, presidente della Salva Monte Brè -. Questa modalità s’inserisce perfettamente nella strategia della dissimulazione e delle menzogne delle quali è stata vittima la popolazione di Brè da diversi anni. Sin dall’inizio i terreni sono stati acquisiti attraverso la mediazione di un “finto” principe che aveva proposto scenari rassicuranti di sviluppo (...). Tutto ciò senza dimenticare l’utilizzo abusivo del nome del sindaco Alain Scherrer nella pubblicità rivolta agli investitori».

Secondo la Salva Monte Brè «l’ultima disinformazione è quella secondo cui il Municipio si esporrebbe al rischio di richieste di mega indennizzi da parte dei promotori se decretasse una zona di pianificazione del comparto Brè/Cardada. Queste sono affermazioni assolutamente fuorvianti, in particolare tenendo conto che vi è stata sottoposta un’iniziativa popolare che chiede espressamente l’entrata in materia».

Quali che siano le intenzioni dei promotori, secondo chi si oppone al progetto, «il loro “concetto ridotto” rimane assolutamente sproporzionato». La realizzazione di 60 aparthotel e di un hotel 5 stelle deluxe «appare tanto più irresponsabile se teniamo conto delle recenti vicende più o meno fallimentari che hanno accompagnato diversi progetti nella regione». «Non va sottaciuto nemmeno - prosegue Ricca - che la Augur è in situazione di elevato indebitamento. Tutto lascia intendere che, se anche ottenesse tutte le autorizzazioni del caso, è molto probabile che il progetto venga poi abbandonato in corso d’opera».

In conclusione l’associazione Salva Brè ricorda al Muncipio le 1800 firme valide raccolte dall’iniziativa in poco più di tre settimane: «Un’azione di squadra che vi ha portato nei pressi dell’area di rigore avversaria, ora sta a voi effettuare il tiro che finalizza il gioco».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
1 ora
Vanno solo alle elementari e hanno già lo Smartphone
Si abbassa sempre di più l’età in cui i ragazzini hanno il primo approccio con le nuove tecnologie. “Colpa” anche delle cattive abitudini dei genitori? L’analisi dell’esperta Eleonora Benecchi
FOTO E VIDEO
LUGANO
3 ore
Studente espulso: i compagni protestano fuori dal carcere
Il rimpatrio forzato di un 19enne - da ieri alla Stampa - ha innescato una manifestazione di solidarietà da parte degli allievi della Csia
CANTONE
3 ore
Mensa obbligatoria negli asili, il tamtam diventa mediatico
L’Aripe, associazione che critica l’impostazione ticinese, si sta muovendo con una serie di articoli sulle testate d’oltralpe per segnalare «in negativo l’unicum del nostro cantone».  
FOTO
BEDRETTO
4 ore
Veicolo in fiamme sulla Novena, lievi ustioni per il conducente
Sul posto sono intervenuti i Pompieri dell'Alta Leventina, la Polizia, e un'ambulanza che ha prestato i primi soccorsi al ferito e l'ha trasportato in ospedale
CANTONE
6 ore
Ecco Lu, il nuovo agente a 4 zampe della Polizia cantonale
Il nuovo collega della sezione cinofila è stato presentato oggi sulla pagina Instagram del corpo
GIUBIASCO
7 ore
Col furgoncino nel fiume, arrestato il guidatore-ladro
Il veicolo, di proprietà di una ditta di pompe funebri, era rubato. Dopo due incidenti l'automobilista aveva tentato la fuga. Invano
LOCARNO
8 ore
Un’immobiliare contro il venditore ambulante: «Chiamate la polizia»
La Assofide Sa mette in guardia gli inquilini: «Non l'abbiamo mandato noi e neppure il Cantone». Lui si difende: «Diffamazione e violazione della privacy»
TICINO / VENEZUELA
12 ore
Un prete rivoluzionario, da Curio al Venezuela
Don Angelo Treccani fa il missionario in un paese allo sbando: serve più di mille pasti al giorno ai bisognosi, grazie alla generosità ticinese
VIDEO
CANTONE
13 ore
L’amianto che dorme nelle case: «Prima di svegliarlo fate una perizia»
Il materiale è tornato d’attualità, ma i più ignorano le potenziali “bombe” che si trovano nelle abitazioni costruite prima del 1991. L’esperto: «Il Ticino, purtroppo, è fanalino di coda in materia».
FOTO
BELLINZONA
14 ore
Col furgoncino vola nel riale
Sul posto Polizia e Pompieri, oltre alla Scientifica. Non sono note le condizioni del conducente
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile