La raffica di scatti
CANTONE
10.05.19 - 06:060
Aggiornamento : 08:50

La foto esplosiva: «Stop ai kalashnikov di casa nostra»

L'avvocato Paolo Bernasconi in posa con un'arma da guerra per denunciare «il supermercato svizzero delle armi». Assieme ad altri ex magistrati sostiene il Sì al tema in votazione il 19 maggio

VOTAZIONE FEDERALE

Caricamento in corso ...
Questi sondaggi non hanno, ovviamente, un valore statistico. Si tratta di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi l'unico scopo di permettere ai lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità.

LUGANO - Di fronte alla richiesta, l'armaiolo lo guarda quasi rassegnato: «Me lo chiedono tanti turisti di farsi scattare una foto con un kalashnikov. Tutti basiti che in tutta la Svizzera fucili mitragliatori e altre armi da guerra in vetrina siano anche in vendita». E allora prende dalla scansia l'arma che Bin Laden teneva sempre accanto, come un marchio di fabbrica, e la porge all'avvocato Paolo Bernasconi.

Ufficiale di fanteria, fucile e pistola Bernasconi li aveva in casa. Ma è come procuratore pubblico che ha toccato con mano il lato oscuro del mercato delle armi: «Ne ho visti tanti di fucili simili, negli arsenali di mafiosi, riforniti in Svizzera e sequestrati nei Paesi vicini. Ecco perché ho votato sì, perché nemmeno un solo poliziotto o guardia di confine sia vittima di fucili da guerra venduti in negozi di casa nostra». Negli scorsi giorni assieme una nutrita schiera di ex magistrati ticinesi, in passato suoi colleghi di trincea, si era apertamente pronunciato a favore della "Trasposizione nel diritto svizzero di una modifica della direttiva UE sulle armi". Il tema caldo in votazione il prossimo 19 maggio. «Siamo liberi perché abbiamo il coraggio di disarmare criminali che si servono nel supermercato svizzero delle armi» dice l'avvocato. Che, sia detto, per inciso, alla fine il kalashnikov l'ha lasciato nel negozio.

Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
BALERNA
16 min
Chi ha visto quest'uomo?
Il 45enne è scomparso la mattina del 30 maggio da Balerna.
ARBEDO-CASTIONE
1 ora
Camion bloccato in un sottopasso
È successo attorno alle 16 in territorio di Arbedo
CANTONE / CONFINE
1 ora
Turismo degli acquisti, primi furbetti pizzicati in dogana
Registrato un aumento del 20% del traffico transfrontaliero
CANTONE
2 ore
«Dopo 93 giorni mia figlia ha riabbracciato il papà e i nonni»
Il racconto di una mamma: «Il bene di mia figlia è più forte delle incomprensioni fra genitori». E anche del coronavirus
CANTONE
4 ore
«Aveva perso la fiducia di tutti»
L'ex comandante Antonini sconfessato dal Tribunale amministrativo federale. Confermata la sospensione
CANTONE
5 ore
Il ballottaggio per il Consiglio degli Stati è valido
Lo ha stabilito il TRAM, che ha respinto il ricorso presentato lo scorso novembre dall'avvocato Gianluca Padlina
CANTONE/CONFINE
5 ore
Ticinese fermato in dogana, rischia la multa per un giornale
Nel caso specifico si è chiuso un occhio. Niente multa, ma l'acquisto è stato lasciato oltre confine.
CANTONE/BERNA
6 ore
Non chiamateli omicidi "passionali"
Femminicidio: le deputate ticinesi Gysin e Carobbio chiedono una svolta linguistica (ma non solo) nel codice penale
CANTONE
7 ore
Covid: un positivo e zero decessi
Dall'arrivo del coronavirus nel nostro cantone si registrano complessivamente 3'316 contagi
CAMORINO
8 ore
Danni e sporcizia alla Capanna Cremorasco
Atti di vandalismo da parte di alcuni ignoti. Il Patriziato di Camorino ha sporto denuncia.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile