Tipress (archivio)
LOCARNO
07.05.19 - 06:550
Aggiornamento : 07:10

Il trio di picchiatori vuole redimersi

I tre giovani del Locarnese - alla sbarra per diverse aggressioni, furti, danneggiamenti e droga - si dicono pentiti e dopo il carcere vogliono cambiar vita

LOCARNO - Nella regione erano diventati tristemente noti come Il trio dei "picchiatori del Locarnese". Loro sono un 19enne e un 20enne - cresciuti insieme in zona -  e un 22enne di passaporto tedesco, ma residente da tempo nella regione. Il terzetto è comparso ieri davanti alla Corte delle Assise criminali di Lugano per una lunghissima serie di reati commessi tra aprile 2017 e l'estate del 2018. Nel loro poco invidiabile Curriculum Vitae troviamo furti (anche in chiesa), aggressioni (con colpi alla testa che avrebbero potuto essere fatali alle vittime), consumo e spaccio di droga e guida senza licenza.

Accanto a loro anche una ragazzina con meno di 16 anni che ha intrattenuto rapporti sessuali (consenzienti) con due dei componenti del terzetto. Per questo motivo i due giovani maggiorenni si sono visti appioppare anche l'accusa di atti sessuali con fanciulli. 

I continui reati hanno portato all'arresto dei giovani. E i successivi giorni trascorsi in carcere (in regime di espiazione anticipata della pena) li hanno indotti a riflettere sui loro comportamenti. I tre, insomma, si dicono pentiti delle loro gesta e vogliono redimersi. Vogliono vivere (finalmente) una vita diversa e trovarsi un lavoro. I giovani - come ricordato ieri in aula e riportato dai media ticinesi - sono usciti da situazioni familiari molto complicate e hanno avuto un percorso scolastico parecchio difficoltoso con apprendistati iniziati e poi abbandonati.

Il processo, iniziato ieri, continuerà oggi con la requisitoria della procuratrice pubblica Pamela Pedretti e l'arringa degli avvocati difensori dei tre giovani picchiatori.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile