CANTONE
25.04.19 - 06:000

«Al Ticino serve solo una mentalità imprenditoriale diversa»

Intervista a Abouzar Rahmani, Ceo di un gruppo agroalimentare internazionale che ha deciso di trasferire alcune attività nel nostro Cantone

LUGANO - Cos’hanno in comune ghiaccio e cioccolato? Un binomio tipicamente svizzero rappresentato però da un uomo con un nome straniero. Stiamo parlando di Abouzar Rahmani, Ceo della Mani International SA, il cui marchio Mani dallo scorso settembre è “Silver Sponsor” dell’Hockey Club Lugano. Fondatore del Gruppo ZHAR, che controlla alcuni marchi alimentari noti da noi come CimaNorma, Rahmani è un imprenditore di esperienza che ha già operato in diversi mercati come Belgio, Olanda, Inghilterra, Ginevra, ed ora Lugano.

Ma cosa l’ha spinto a trasferire parte delle sue attività in Ticino? «Al di là degli aspetti privati - il clima, la cultura e pure mia moglie - ad avermi convinto come imprenditore è il mix fra Svizzera e Mediterraneo. In Ticino si può infatti trovare la qualità e l’organizzazione tipicamente svizzere combinate alla famosa cultura alimentare mediterranea. Per una società che fa del cibo sano una missione come la nostra è quindi un luogo ideale e che non si può trovare altrove», spiega Rahmani.

Ticino terra di talenti - La sua visione di imprenditore è chiara: «Creare aziende e società legate al territorio, dare alla luce qualcosa di valore per la società nel suo insieme». Ma c’è dell’altro, perché secondo il nostro interlocutore il Ticino non solo è terreno fertile per i prodotti di qualità, ma è pure un cantone ricco di risorse. Non parliamo di materie prime, naturalmente. Noci, frutta e cacao vengono infatti importate dai quattro angoli del mondo. Ma di talenti. «È stata una piacevole sorpresa. Il successo di un’attività, almeno per il 50%, è dato dalle persone che vi lavorano. E qui - assicura - ho trovato collaboratori ticinesi, svizzeri e internazionali decisamente affidabili e con parecchia esperienza nel settore agroalimentare».

Le banche danno, le banche tolgono - Il restante 50% riguarda invece l’organizzazione del lavoro, le infrastrutture - uno stabilimento produttivo si trova a Rancate, con una ventina di dipendenti, e chissà che non ne arrivi un altro a breve… - e la mentalità imprenditoriale. Ed è questo probabilmente il tasto dolente della nostra economia secondo Rahmani: «Il Ticino ha un potenziale enorme, specie nell’industria dei beni di consumo di qualità, ma le imprese locali spesso non vengono sostenute a sufficienza. Le banche, ad esempio, dovrebbero essere più attive e sostenere maggiormente le piccole-medie imprese, non essere passive limitandosi ad attività di private banking o investment banking all’estero, come negli Stati Uniti». Un paradosso se si pensa che fino a qualche anno fa erano proprio le banche la locomotiva del nostro cantone.

Soddisfatti dell’HCL malgrado la stagione - Nonostante sia una compagnia con ramificazioni un po’ in tutto il mondo, la ZHAR SA (e di riflesso i marchi a lei affiliati) alle nostre latitudini è ancora poco conosciuta. Proprio per questo è nata la collaborazione con l’HCL. «Non è un approccio nuovo per noi, l’abbiamo già fatto in altri Paesi, come in Olanda e in Belgio. Proprio perché siamo presenti sul mercato degli alimenti naturali e sani, lo sport è un ottimo veicolo per i nostri prodotti. Per il momento siamo soddisfatti della partnership con l’HCL», spiega Rahmani. Nonostante i risultati piuttosto deludenti di questa stagione? «Certo (sorride). Chiaramente più la stagione è lunga e più la visibilità è maggiore. Ma sosteniamo il team a prescindere dal risultato».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
GRAVESANO
3 min

Operazioni fasulle, la prima segnalazione in febbraio

Il medico cantonale aveva scritto alla magistratura, che all’Ars Medica aveva assicurato: «Nessun pericolo per i pazienti». E le finte operazioni sono diventate quattro

MURALTO
15 ore

«Vorremmo tenere aperto fino a mezzanotte, ma ce lo vietano»

Il negozietto di fronte alla stazione torna a fare discutere. Il giovane responsabile: «L’estate per noi è il momento degli affari». Il sindaco: «Prolungamento degli orari inopportuno»

BELLINZONA
20 ore

Il cedro aveva 200 anni, «era sanissimo»

Tuto Rossi posta su Facebook l'immagine di un albero abbattuto. «Poi arrivano sei municipali che aspirano solo alla loro rielezione e approvano la demolizione»

AIROLO / URI
20 ore

Ancora rientri, ancora traffico

Alle 12.30 erano otto i chilometri davanti alla galleria del San Gottardo in direzione nord. Ma c'è anche chi è in partenza

LOCARNO
23 ore

Più barche di quanto permesso

Da alcuni controlli sarebbe emerso il sovraffollamento del sovrautilizzo del molo presso il cantiere nautico Di Domenico

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile