DT
Nel 2018 è stata accertata la quarta cucciolata del branco della Morobbia
CANTONE
24.04.19 - 10:090

Grandi predatori: ci sono lupi e lince, ma non l’orso

Dal 2001 in Ticino sono stati identificati 33 esemplari del canide. Il rapporto dell'UCP conferma anche la presenza del felino, avvistato tra il 2017 e il 2018

BELLINZONA - Sono in tutto 33 gli esemplari di lupo identificati in Ticino dal gennaio del 2001 - momento della ricomparsa dell’animale sul suolo cantonale, a Monte Carasso - al mese di dicembre dello scorso anno. Lo rivela il “Rapporto grandi predatori 2018” dell’Ufficio caccia e pesca (UCP) pubblicato oggi.

La presenza in Ticino - Secondo il documento, in Ticino nel 2018 erano presenti 7 lupi (di cui 3 piccoli). Almeno tre sono invece gli esemplari che nel corso dei dodici mesi sono transitati sul territorio ticinese, ossia il noto M94 (autore di quattro dei cinque attacchi su bestiame d’allevamento avvenuti lo scorso anno, per un totale di 13 capi predati); l’individuo responsabile della predazione effettuata sull’Alpe di Lucendro (3 pecore) ed un ultimo accertato ad inizio anno tramite campione genetico.


DT
I luoghi delle predazioni (verde) e i luoghi dove sono stati prelevati dei campioni genetici (blu)

L'ultima cucciolata della Morobbia? - Nel 2018 è stata inoltre accertata la quarta cucciolata del branco della Morobbia. I tre piccoli - immortalati da alcune trappole fotografiche - sono presumibilmente figli degli esemplari M47 e F08. Quest’ultima - la prima e sinora unica femmina a riprodursi sul suolo ticinese - è stata trovata morta lo scorso 14 settembre a causa di un tumore alla mammella ulcerato.

Dal 2012, anno in cui F08 fece la sua comparsa, sono stati in tutto 8 gli individui appartenenti alla famiglia della Morobbia  identificati. L’ultimo di questi è M89, il cui ultimo riscontro risale allo scorso gennaio a Rossinière, nel canton Vaud. Ad inizio 2019 la famiglia è composta da almeno 3 esemplari (fotografati insieme).


DT
Lupa F08 ritrovata morta il 14 settembre 2018 dai Guardiacaccia dell’UCP

La lince sì, l’orso no - Tra i grandi predatori la cui presenza è accertata sul suolo ticinese troviamo poi la lince. Segnalato per la prima volta nel 1992, il felino si è fatto “notare” negli ultimi anni in Leventina. La presenza di un individuo è stata accertata nel comune di Faido nel giugno 2017 e nel gennaio del 2018. I tre monitoraggi effettuati nei mesi successivi non hanno però dato ulteriori riscontri positivi.

Nessun avvistamento invece per quanto riguarda gli orsi. Ad oggi - si legge nel rapporto - vi è un unico esemplare (M29) in Svizzera, che si sposta tra i Cantoni Uri, Vallese (dove probabilmente sta svernando) e Berna.

DT
Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
BELLINZONA
55 min

Non solo zanzare tigri: occhio alle liane che “ingoiano” gli scooter

L’albero che divora l’asfalto. Il gambero che distrugge la catena alimentare. Globalizzazione e cambio delle abitudini di viaggio alla base di un Ticino sempre più esotico. Parla l’esperto

FOTO E VIDEO
CUREGLIA
9 ore

Scontro a Cureglia, ferito un centauro

Avvenuto questa sera sulla cantonale, l'incidente ha coinvolto un'automobile e una moto

FOTO / VIDEO
FAIDO
12 ore

Le Cascate della Piumogna spiegate dai giovanissimi

Il nuovo sentiero didattico è stato inaugurato oggi in occasione del Festival della natura a Faido

MUZZANO
13 ore

«Licenziate due madri, e un padre di tre figli»

I sindacati contestano le misure adottate dal Corriere del Ticino. Syndicom e Atg: «Comportamento immorale»

LUGANO
15 ore

«Quante volte si fa sesso col partner solo per dovere coniugale»

Una donna su cinque in Svizzera afferma di subire violenza sessuale. Ma qual è il confine? La specialista Kathya Bonatti si interroga sul recente studio che sta facendo discutere tutto il Paese

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report