Tipress (archivio)
Il nostro cantone annovera 4-5 campeggi che fanno parte della Top Ten elvetica.
CANTONE
17.04.19 - 16:570

I campeggi ticinesi guardano al futuro con fiducia

Il presidente dell'Associazione Simone Patelli ha fornito i numeri della scorsa stagione: «Abbiamo registrato oltre un milione di pernottamenti e puntiamo ad investire decine di milioni nel 2019»

TENERO - Nuovi posti di lavoro e investimenti totali per oltre 10 milioni di franchi. Il settore dei campeggi ticinesi gode di ottima salute e i numeri sono lì a dimostrarlo. L’argomento è stato trattato di recente in occasione dell’assemblea annuale dell'Associazione campeggi ticinesi (ACT) dove il presidente Simo Patelli ha tracciato un bilancio del 2018 e proceduto alle nomine per il prossimo quadriennio.

4 campeggi nella Top Ten svizzera - Rispetto al 2017, anno straordinariamente positivo anche per i campeggi ticinesi, il 2018 ha registrato sì un calo di pernottamenti, ma in linea con le previsioni e con dei tassi di occupazione superiori ai risultati del 2016. «Con un totale di circa 1 milione di pernottamenti annui, Il Ticino continua a confermarsi un punto di riferimento per tutta la Svizzera in questo ambito – commenta Patelli –. Il nostro Cantone annovera fra le proprie strutture 4-5 campeggi che fanno parte della Top Ten elvetica».

Più di 10 milioni di investimenti - I posti di lavoro creati nel 2019 sono il risultato dei numerosi investimenti attuati negli scorsi anni. Come si prospetta il 2019? «Anche nell’anno in corso proprietari e gerenti hanno confermano la volontà di investire, complessivamente 10 milioni di franchi circa, che verranno distribuiti ad aziende locali». Simone Patelli ha infine rivolto un plauso agli operatori. «I gerenti delle strutture stanno dimostrando grande passione ed entusiasmo sia per quanto riguarda l’accoglienza dell’ospite che nella volontà di continuare a migliorare e rinnovare le strutture per offrire al turista una qualità sempre migliore».

«Ringraziamo tutti gli attori del settore» - Infine, il presidente ha espresso i propri ringraziamenti «a tutti gli attori del turismo ticinese, fondamentali per restare attrattivi, e alle associazioni di categoria Hotellerie e Gastro per l'ottima collaborazione. Senza dimenticare l’importanza del grande lavoro svolto da Ticino Turismo e dalle Organizzazioni turistiche regionali (quella del Lago Maggiore in particolare per la grande attenzione ai campeggi). Anche la politica ha svolto un ruolo di rilievo continuando a credere nel settore».

«Il secondo settore più importante» - Raggiunto a margine dell’Assemblea annuale, il Consigliere di Stato Christian Vitta, Direttore del DFE, ha espresso la sua soddisfazione per il buon andamento del settore, rilevando che «all’interno dell’industria ricettiva ticinese è il più importante, dopo quello alberghiero, in termini di pernottamenti. Inoltre, secondo uno studio presentato dal DFE nel 2015, genera un indotto economico sul territorio pari a 76 milioni di franchi».

Da citare infine che Tenero ha ospitato l’annuale Assemblea dei Delegati dell’Associazione Svizzera dei Campeggi, alla quale hanno partecipato rappresentati di Svizzera Turismo, Ticino Turismo ed Ascona-Locarno Turismo.

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
BELLINZONA / BIASCA
46 min

Rissa sul treno e volano bottiglie: «Abbiamo avuto paura»

La polizia conferma il ferimento di una persona sul treno tra Bellinzona e Biasca. Le indagini sono in corso per far luce sull'accaduto

CANTONE
1 ora

Addio ad Antonio Snider

L’avvocato locarnese è stato stroncato da un male incurabile a 96 anni

CANTONE
3 ore

Finanze cantonali in nero, il preconsuntivo fa ben sperare

Dal Consuntivo 2019 potrebbe risultare un avanzo di 73.3 milioni di franchi. Incidono (anche) i 9.6 milioni di franchi di restituzione da parte di AutoPostale

SANT'ANTONINO
6 ore

Doppio tentativo di furto a un bancomat, in manette un 35enne

L'uomo, che per due volte non è riuscito nel suo intento, si era dato alla fuga ma è stato arrestato dalla Polizia cantonale. Ancora latitanti i suoi complici

CANTONE
6 ore

Ricercato in Italia, pacificamente in Ticino: «Come mai?»

Fiorenzo Dadò e Giorgio Fonio interpellano il Governo sulla vicenda del 42enne italiano che nonostante un ordine di carcerazione pendente ha ricevuto per almeno 10 mesi l'assistenza nel nostro Cantone

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report