tipress
foto d'archivio
CANTONE
18.04.19 - 07:550
Aggiornamento : 16:32

Il kebabbaro chiude, e sparisce nel nulla

Doveva affrontare un processo, e saldare i debiti della sua attività. Invece è sparito con i soldi di un'associazione turca

BELLINZONA - Non c'è stata una denuncia di scomparsa, ma lui è letteralmente sparito da mesi. «Non risponde al telefono, non sappiamo dove sia» ripetono le persone che – per un verso o l'altro – hanno avuto a che fare con un uomo sulla cinquantina, originario della Turchia,  gestore - fino a poco tempo fa - di un ristorante kebab nel Sopraceneri. 

Fuga dai problemi? - Il locale ha chiuso i battenti a dicembre, e da allora il gestore lo cercano in tanti: il padrone di casa, la giustizia ticinese e l'associazione turca di cui era tesoriere. Ad alcuni l'assenza inizia a sembrare una fuga. Anche tio/20minuti si è messo sulle sue tracce da tre settimane, ma senza successo. 

Tentato assassinio - La serranda del ristorante - oggi abbassata - è finita sotto la lente della Procura già un anno fa: nei boschi di Giornico un profugo pakistano venne trovato in fin di vita, con un colpo di pistola alla testa. Le indagini risalirono a un cittadino croato, poi condannato per tentato assassinio. Il cittadino turco invece è accusato dalla Procura di avere organizzato l'incontro tra i due: nei prossimi mesi avrebbe dovuto affrontare il processo. 


foto FVR

«All'inizio accampava scuse» - Ma nel frattempo il ristoratore ha lasciato il Ticino, forse l'Europa. Le ultime notizie risalgono a dicembre: ai guai giudiziari si sono aggiunti quelli finanziari, con precetti esecutivi e 11 mesi di affitti arretrati. «All'inizio accampava scuse per tenerci buoni» raccontano i padroni dello stabile dove sorgeva il ristorante: settimana scorsa si sono rivolti a un avvocato per far scattare i sigilli. «Quando ha smesso di rispondere al telefono abbiamo capito che eravamo stati presi in giro». 

Associazione beffata - Non sono i soli, comunque. Assieme all'uomo è sparita anche la cassa di un'associazione culturale turca di cui lui era membro attivo. Le donazioni versate mensilmente dalla comunità (un'ottantina di famiglie) erano state affidate a lui come cassiere.

16mila franchi spariti - «Nessuno conosceva le sue pendenze giudiziarie e i suoi problemi economici» spiegano dal comitato direttivo dell'associazione, che ha «provveduto ad avvisare tutti i membri della comunità» e sta valutando una denuncia. Il maltolto ammonterebbe a 16mila franchi. «La situazione ci mette in difficoltà e imbarazzo, e abbiamo cercato di risolverla bonariamente. Ma in questi cinque mesi ha smesso di rispondere anche a noi». Stando ad ulteriori ricerche a seguito della pubblicazione dell'articolo, sembrerebbe che l'uomo abbia seri problemi di salute e sia imposssibilitato a rientrare in Svizzera per una questione di permessi. 

foto FVR
Ingrandisci l'immagine
9 mesi fa Giornico, 9 anni per tentato assassinio al 68enne croato
1 anno fa Soldi non restituiti dietro alle pallottole di Giornico. Arrestato un croato
1 anno fa 29enne ferito al collo con un'arma da fuoco
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
BELLINZONA
57 min

Il cedro aveva 200 anni, «era sanissimo»

Tuto Rossi posta su Facebook l'immagine di un albero abbattuto. «Poi arrivano sei municipali che aspirano solo alla loro rielezione e approvano la demolizione»

AIROLO / URI
1 ora

Ancora rientri, ancora traffico

Alle 12.30 sono otto i chilometri davanti alla galleria del San Gottardo in direzione nord. Ma c'è anche chi è in partenza

LOCARNO
4 ore

Più barche di quanto permesso

Da alcuni controlli sarebbe emerso il sovraffollamento del sovrautilizzo del molo presso il cantiere nautico Di Domenico

CANTONE / VAUD
15 ore

Espulso per traffico di auto rubate, graziato dal Tribunale federale

Per i giudici la Segreteria di Stato della migrazione non ha considerato il fatto che l’uomo, un cittadino italiano allontanato per 10 anni dalla Svizzera, ha cambiato mestiere e atteggiamento

FOTO / VIDEO
CAPRIASCA
17 ore

Veicolo agricolo avvolto dalle fiamme

Il conducente si è messo in salvo e ha subito allarmato i pompieri

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile