Tipress
CANTONE
17.04.19 - 07:070
Aggiornamento : 08:08

Più di quaranta cantieri, l'estate Ffs sarà calda

I lavori per il completamento della galleria del Ceneri procedono nei tempi previsti. Ma il gran numero di cantieri potrà creare qualche disagio ai viaggiatori

LUGANO - Tutti gli occhi sono puntati sulla galleria di base del Ceneri, dove i lavori procedono spediti verso la messa in esercizio nel marzo 2020 (e i primi treni passeggeri sono previsti nel dicembre successivo). Spediti, ma con qualche inciampo, come ha riferito ieri il rapporto annuale dell’Ufficio federale dei trasporti (Uft) il Ticino è la regione più confrontata con ritardi. La colpa? L’imponente ampliamento dell’infrastruttura ferroviaria concentrato in un territorio ristretto. «In questo momento a Sud delle Alpi ci sono più di quaranta cantieri aperti» conferma la portavoce di Ffs Roberta Trevisan.

La buona notizia è che la tempistica è rispettata quasi ovunque. Di recente i riflettori si sono accesi sulla demolizione della galleria Dragonato e sempre da Bellinzona si sta procedendo con il “binario 36”, il terzo binario in direzione di Giubiasco. Solo a Biasca una serie di opposizioni al progetto per degli scambi supplementari ha fatto slittare la messa in servizio a fine 2020. Altro nodo critico il programma per l’intensificazione della successione dei treni tra Vezia e Chiasso che ha richiesto approfondimenti. Pure problematico l’aumento delle prestazioni sempre nella cittadina di confine. «Secondo programma» è però il mantra che l’Uft ripete per la maggior parte dei cantieri. «Stiamo lavorando alacremente affinché tutti i cantieri necessari all’apertura del Ceneri siano ultimati nei tempi previsti. E in questo momento procediamo secondo programma»

Un po’ diversa la percezione del viaggiatore, talvolta confrontato con i ritardi o le soppressioni più fastidiose, quelle di viaggio. «L’enorme quantità di cantieri può comportare disagi per la clientela - dice Trevisan -. Ci sono stati, ad esempio, problemi tecnici mattutini da Lugano a Bellinzona  per il ristabilimento dell’esercizio dopo un cantiere notturno. E a causa di cantieri potranno esserci soppressioni  di treni serali». L’imminente periodo estivo, col calo dei pendolari, potrebbe essere ulteriormente sfruttato per intensificare i lavori. La parola d’ordine, pazienza.

Commenti
 
ctu67 10 mesi fa su tio
Terzo mondo. Almeno li non costa 3000 franchi un generale!!!! Grandi pianificatori du cantieri. Un baffo agli antichi egizi
hcap76 10 mesi fa su tio
@ctu67 Se pensa di poter far meglio si accomodi..bravi sempre a criticare e basta!!!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
BELLINZONA-BERNA
LIVE
Il contagiato è un 70enne ticinese
Nuovi dettagli sul primo caso di coronavirus in Svizzera. L'uomo è ricoverato in isolamento, ma «sta bene»
SVIZZERA
1 ora
Coronavirus: c'è un primo caso, ed è in Ticino
Lo ha comunicato l'Ufficio federale della Sanità. A breve comunicazioni dal medico cantonale
CANTONE
2 ore
Niente acqua benedetta, né scambio della pace
La Diocesi di Lugano ha deciso di adottare alcune drastiche misure per evitare il propagarsi del coronavirus
CANTONE
2 ore
«Siamo sommersi dalle chiamate dal Ticino»
Isteria coronavirus. La helpline attivata da Berna è sotto assedio. E Aldi intanto prepara le scorte
LOCARNO
2 ore
Città più pulita del solito con la Stranociada senza usa e getta
Oltre 5'000 presenze al carnevale locarnese che ha avuto luogo lo scorso weekend
CANTONE
6 ore
Vento e una spruzzata di neve in arrivo
Allerta meteo per la giornata di domani con correnti che in pianura potranno raggiungere gli 80 km/h
SONDAGGIO
CANTONE
7 ore
In treno attraverso l'Europa? «Ci vuole un solo biglietto elettronico»
La prenotazione di un collegamento ferroviario che passa da più paesi «è complicato». L'ATA lancia una petizione
FOTO E VIDEO
LUGANO
8 ore
Sbanda e si scontra con un camion, chiusa la Vedeggio-Cassarate
Un SUV con un rimorchio carico di legname si è rovesciato nel tunnel, che è rimasto chiuso per oltre due ore
MENDRISIO
11 ore
La maestra resta... anzi no
Dietrofront dell'asilo per la docente accusata di maniere brusche. Non potrà rientrare fino a indagini concluse
LUGANO
11 ore
«Mediaset addio, e ora mi do ai fumetti in Ticino»
Luca Tiraboschi, per 13 anni direttore di Italia 1, ha scelto la Svizzera per ripartire: «Ora mi godo la famiglia»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile