Keystone (archivio)
La situazione di Bondo un anno dopo la terribile frana.
BREGAGLIA (GR)
02.04.19 - 11:520

Oltre 14 milioni per Bondo

La colletta avviata per aiutare la popolazione colpita dalle colate detritiche nell'agosto del 2017 è stata un successo. «Finora sono stati distribuiti 2.1 milioni»

BREGAGLIA - Oltre 14 milioni di franchi sono stati raccolti nell'ambito della colletta avviata in tutta la Svizzera per aiutare le persone danneggiate dalle colate detritiche abbattutesi nell'agosto 2017 sul villaggio di Bondo e sui vicini abitati di Spino e Sottoponte, in Valle Bregaglia. Finora ne sono stati distribuiti 2,1 milioni, indica oggi in una nota l'Ufficio per i comuni grigionese, che pubblica un rapporto intermedio.

La Catena della solidarietà ha raccolto 5,9 milioni, il conto donazioni del Comune di Bregaglia 4,8 milioni, il Patronato svizzero per i comuni di montagna 2,4 milioni, Caritas Svizzera 1,3 milioni.

Queste donazioni - indica una nota dell'Ufficio per i comuni - vengono impiegate in via sussidiaria. Vale a dire che dapprima vengono erogate sovvenzioni di enti pubblici e le prestazioni da parte di assicurazioni.

Commissione ad hoc - Le donazioni saranno distribuite soltanto in una seconda fase. A tale fine è stata istituita una commissione ad hoc composta da rappresentanti degli enti assistenziali, del Comune, dell'Assicurazione fabbricati e del Cantone. Questa commissione valuta le domande di sostegno degli interessati, garantisce «una distribuzione equa» delle donazioni e documenta l'impiego dei fondi.

Gli accertamenti effettuati dalla commissione e l'esame delle domande richiedono molto tempo, si rileva nel comunicato. Le donazioni - che in parte sono a destinazione vincolata - vengono impiegate in primo luogo per garantire il sostentamento o in caso di oneri straordinariamente elevati.

Finora il Comune di Bregaglia ha investito circa 15 milioni di franchi per misure immediate e per il ripristino delle proprie infrastrutture. Le sovvenzioni di Confederazione e Cantone ammontano a 9,9 milioni di franchi. L'assicurazione privata del Comune e l'Assicurazione fabbricati dei Grigioni hanno versato 2,9 milioni. Le donazioni possono essere impiegate anche per coprire i costi residui a carico del Comune.

Costi effettivi non ancora noti - I costi effettivi causati dall'evento naturale e dalle sue conseguenze non sono tuttora noti in via definitiva, poiché dipendono dall'andamento della ricostruzione a Bondo. Nel periodo 2019-2023 il Comune dovrà far fronte a costi stimati in circa 30 milioni di franchi per la ricostruzione delle infrastrutture, per le misure di protezione, nonché per nuovi ponti, strade e sentieri escursionistici. I costi saranno sovvenzionati da Confederazione e Cantone. Le donazioni saranno impiegate in via complementare per attenuare il carico dovuto ai costi residui.

Il 23 agosto 2017, tre milioni di metri cubi di roccia si erano staccati dal Pizzo Cengalo ed erano rovinati nella sottostante Val Bondasca che sfocia a Bondo. La frana, una delle più massicce avvenute in Svizzera negli ultimi 130 anni, aveva causato la morte di otto persone in escursione nella valle, mentre le colate di detriti e fango che erano seguite alla frana hanno provocato ingenti danni e gravi disagi al villaggio di Bondo e ai vicini abitati di Spino e Sottoponte. I danni alle costruzioni sono stati successivamente valutati a circa 41 milioni di franchi.

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
BELLINZONA
9 min

Il cedro aveva 200 anni, «era sanissimo»

Tuto Rossi posta su Facebook l'immagine di un albero abbattuto. «Poi arrivano sei municipali che aspirano solo alla loro rielezione e approvano la demolizione»

AIROLO / URI
20 min

Ancora rientri, ancora traffico

Alle 12.30 sono otto i chilometri davanti alla galleria del San Gottardo in direzione nord. Ma c'è anche chi è in partenza

LOCARNO
3 ore

Più barche di quanto permesso

Da alcuni controlli sarebbe emerso il sovraffollamento del sovrautilizzo del molo presso il cantiere nautico Di Domenico

CANTONE / VAUD
15 ore

Espulso per traffico di auto rubate, graziato dal Tribunale federale

Per i giudici la Segreteria di Stato della migrazione non ha considerato il fatto che l’uomo, un cittadino italiano allontanato per 10 anni dalla Svizzera, ha cambiato mestiere e atteggiamento

FOTO / VIDEO
CAPRIASCA
16 ore

Veicolo agricolo avvolto dalle fiamme

Il conducente si è messo in salvo e ha subito allarmato i pompieri

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile