deposit
CHIASSO
26.03.19 - 07:310
Aggiornamento : 09:11

Nove infermiere raccontano le molestie sul lavoro

Pazienti, superiori e colleghi: come reagire alle attenzioni non desiderate? Per la prima volta in Ticino un corso rivolto al personale sanitario

CHIASSO - Qualcosa di strano e nuovo è successo settimana scorsa a Chiasso in via Simen. Nove donne hanno varcato la soglia dell'Asi-Skb, l'associazione svizzera infermieri, per un appuntamento sui generis: due giorni di formazione e confronto su come gestire le molestie subite o osservate sul lavoro.

Le operatrici sanitarie – provenienti da strutture pubbliche e private, grandi e piccole – non si conoscevano, ma piano piano hanno iniziato a raccontare. «Funziona così, una si confida e poi le altre seguono a ruota» racconta Vincenzo Santoro, lo psicologo che ha coordinato l'incontro. «È stato emozionante e, per loro, liberatorio».

È la prima volta che in Ticino viene organizzato un incontro di gruppo simile, in ambito sanitario. «È stato dato alle operatrici uno spazio per fare il punto sulla conoscenza del problema e disciplina normativa - spiega l'esperto - ma anche per comprendere i limiti dell'accettabile, e imparare a difendersi».

Negli ospedali del Cantone sono rari gli episodi conclamati di molestie, e pochissimi sono sfociati in denunce penali. Di recente anche il sindacato Vpod ha puntato i riflettori sul problema, che considera «in gran parte sommerso». Secondo un recente studio tedesco, due terzi delle infermiere riceverebbero “attenzioni sgradite” almeno una volta nella loro carriera. In Svizzera però i Tribunali cantonali si sono espressi solo 35 volte su casi di molestie sul lavoro, negli ultimi dieci anni. «In Ticino in particolare è diffusa la convinzione che denunciare non serva a niente, anzi. Le vittime temono di perdere il posto di lavoro». 

Nessuna o quasi sporge querela ma – come dimostrato a Chiasso – molte raccontano le proprie esperienze. È comunque un inizio. L'obiettivo «è farle sentire meno isolate» fornendo alle donne «informazioni sugli strumenti giuridici e di sostegno a disposizione» conclude Santoro. E l'associazione infermieri lancia un appello: introdurre dei moduli formativi sul tema nelle scuole socio-sanitarie, negli ospedali e nelle aziende in genere. Chissà che le cose non possano cambiare.

6 mesi fa «Ehi infermiera, vieni un po' a sdraiarti con me sul lettino...»
6 mesi fa I pazienti allungano le mani: «Lo sappiamo tutte»
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
51 min

La vie en rose di Plein a Milano con citazione finale in Pretura a Lugano

La Barzanò & Zanardo, società leader nella tutela dei marchi, reclama dallo stilista oltre 400mila franchi per fatture non saldate. Si presenterà? «Il personaggio è imprevedibile» dicono

CANTONE
1 ora

Tutto il Ticino sotto l'occhio vigile dei radar

Nessun distretto sarà escluso dei controlli della velocità mobili e semi-stazionari della prossima settimana

FOTO E VIDEO
CANTONE
2 ore

Evacuata l'Ikea di Grancia

Sul posto 4 veicoli del Pompieri. L'allarme è rientrato dopo una manciata di minuti

LUGANO
3 ore

Un'altra pioggia di domande sulle rive del Ceresio

Un’interrogazione di Tiziano Galeazzi (primo firmatario) chiede chiarimenti sui casi della spiaggia abusiva di Caprino e della banchina in Riva Vela

LUGANO
7 ore

Lugano Airport, e se fosse una straordinaria opportunità?

Un gruppo di esperti in innovazione traccia un quadro a tinte decisamente meno fosche rispetto alle cronache più recenti: «Occorre tuttavia avere il coraggio di scelte radicali»

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile