deposit
CHIASSO
26.03.19 - 07:310
Aggiornamento : 09:11

Nove infermiere raccontano le molestie sul lavoro

Pazienti, superiori e colleghi: come reagire alle attenzioni non desiderate? Per la prima volta in Ticino un corso rivolto al personale sanitario

CHIASSO - Qualcosa di strano e nuovo è successo settimana scorsa a Chiasso in via Simen. Nove donne hanno varcato la soglia dell'Asi-Skb, l'associazione svizzera infermieri, per un appuntamento sui generis: due giorni di formazione e confronto su come gestire le molestie subite o osservate sul lavoro.

Le operatrici sanitarie – provenienti da strutture pubbliche e private, grandi e piccole – non si conoscevano, ma piano piano hanno iniziato a raccontare. «Funziona così, una si confida e poi le altre seguono a ruota» racconta Vincenzo Santoro, lo psicologo che ha coordinato l'incontro. «È stato emozionante e, per loro, liberatorio».

È la prima volta che in Ticino viene organizzato un incontro di gruppo simile, in ambito sanitario. «È stato dato alle operatrici uno spazio per fare il punto sulla conoscenza del problema e disciplina normativa - spiega l'esperto - ma anche per comprendere i limiti dell'accettabile, e imparare a difendersi».

Negli ospedali del Cantone sono rari gli episodi conclamati di molestie, e pochissimi sono sfociati in denunce penali. Di recente anche il sindacato Vpod ha puntato i riflettori sul problema, che considera «in gran parte sommerso». Secondo un recente studio tedesco, due terzi delle infermiere riceverebbero “attenzioni sgradite” almeno una volta nella loro carriera. In Svizzera però i Tribunali cantonali si sono espressi solo 35 volte su casi di molestie sul lavoro, negli ultimi dieci anni. «In Ticino in particolare è diffusa la convinzione che denunciare non serva a niente, anzi. Le vittime temono di perdere il posto di lavoro». 

Nessuna o quasi sporge querela ma – come dimostrato a Chiasso – molte raccontano le proprie esperienze. È comunque un inizio. L'obiettivo «è farle sentire meno isolate» fornendo alle donne «informazioni sugli strumenti giuridici e di sostegno a disposizione» conclude Santoro. E l'associazione infermieri lancia un appello: introdurre dei moduli formativi sul tema nelle scuole socio-sanitarie, negli ospedali e nelle aziende in genere. Chissà che le cose non possano cambiare.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
28 min
Qualche fiocco in pianura, attenzione alle strade
Meteo Svizzera mette in allerta per nuove nevicate tra venerdì e sabato e per strade sdrucciolevoli
CANTONE
9 ore
Il salario minimo è legge
Sarà compreso tra i 19.75 e i 20.25 franchi l'ora. Il Gran Consiglio ha approvato così la norma che concretizza "Salviamo il lavoro in Ticino"
LUGANO
10 ore
Dopo la segnalazione arrivano i «massi contro i gradassi»
In via Ligaino sono comparse delle grosse pietre che impediscono i parcheggi selvaggi
VACALLO / NEGGIO
11 ore
Materiale di voto spedito in ritardo: «Il Cantone faccia coraggiosamente ammenda»
Neggio e Vacallo reagiscono alle accuse di essere responsabili dei problemi legati al voto degli svizzeri all'estero
LUGANO
12 ore
«Sommersi di telefonate, i dipendenti sono spaventati»
Licenziamenti alla EFG. Nella banca c'è un clima «di paura» per un possibile smantellamento. L'allarme dell'ASIB
CANTONE
14 ore
La difesa: «Ha reagito per rabbia e frustrazione»
Il legale del ventiquattrenne a processo per il delitto di Caslano si è battuto per una pena non superiore agli undici anni
CANTONE
15 ore
Uccise la nonna «per vendetta»
L’accusa ha chiesto una condanna di sedici anni, sospesa a favore di un trattamento stazionario, nei confronti dell'autore del delitto di Caslano
CANTONE
16 ore
Pronzini sbotta contro Gobbi: «Non si permetta di paragonarmi alla Stasi»
«Ribadisco a tutti di rimanere nei limiti del rispetto delle persone», ha detto Claudio Franscella rivolgendosi a entrambi e all'aula
FOTO E VIDEO
LUGANO
16 ore
I bambini davanti a un quadro di Van Gogh. Le loro reazioni
Stupore e incredulità dei più piccoli di fronte alla mostra virtuale che ha già registrato 10.000 visitatori. Le risposte più divertenti dei bimbi
FOTO E VIDEO
BELLINZONA/ANCONA
18 ore
Scontro burocratico al porto: resta a terra con la merce per i terremotati
Il viaggio umanitario di Besnik H., classe 1976, partito dal Ticino subisce una brusca frenata nelle Marche. Ecco il video che mostra ciò che è successo
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile