Ti-Press (archivio)
La misura secondo Chiesa avrebbe un «impatto enorme» sul Paese
CANTONE / SVIZZERA
20.03.19 - 09:120
Aggiornamento : 10:15

Indennità dei frontalieri: «Pagheremo noi?»

Due atti parlamentari depositati oggi da Marco Chiesa chiedono chiarezza al Consiglio federale. E sui ristorni: «La Confederazione è disposta a collaborare col Canton Ticino?»

BERNA / LUGANO - Indennità e ristorni dei frontalieri sono al centro di due atti parlamentari depositati questa mattina a Berna dal Consigliere nazionale Marco Chiesa, preoccupato in particolare dalla «concreta» possibilità che un domani la Svizzera possa essere «chiamata alla cassa».

Una fattura sostanziosa - «A quanto ammonterebbe la fattura per il nostro Paese se questo compromesso giungesse in porto?», chiede il deputato UDC, preavvisando che la misura avrebbe «un impatto enorme» per il Paese. «La Svizzera potrebbe decidere liberamente di non accettare questa normativa europea?», prosegue Chiesa, chiedendo inoltre al Consiglio federale se il popolo «sarebbe chiamato ad esprimersi in proposito» e se sia o meno «plausibile prevedere rappresaglie europee» in caso di rifiuto.

L'accordo congelato - Per quanto riguarda la situazione dei ristorni - sempre d’attualità a causa dell’impasse sulla sottoscrizione dell’accordo con la vicina Penisola - il consigliere nazionale UDC chiede se la Confederazione «é disposta a collaborare col Canton Ticino per mettere pressione sulla controparte al fine di assicurare l'utilizzo di questi importi per progetti di interesse comune».

Indennità frontalieri, pagheremo noi?

  • A quanto ammonterebbe la fattura per il nostro Paese se questo compromesso giungesse in porto?
  • La Svizzera potrebbe decidere liberamente di non accettare questa normativa europea?
  • Il popolo svizzero sarebbe chiamato ad esprimersi in proposito?
  • È plausibile prevedere delle rappresaglie europee nel caso in cui dovessimo rifiutare l'adozione di queste regole?
  • L'accordo istituzionale in consultazione ci obbligherebbe a riprendere queste regole? In caso contrario subiremmo delle misure compensatorie, o di ritorsione, certe e quantificabili?
  • Nell'accordo istituzionale é previsto che sia il diritto europeo a mezzo delle decisioni della Corte di giustizia europea a dettare legge in Svizzera e a determinare le decisioni del tribunale arbitrale?
  • In questo caso, non accettando la ripresa di queste regole, saremmo conseguentemente sanzionati questa volta avendo noi stessi firmato la nostra condanna?

Ristorni dei frontalieri, quale ruolo gioca la Confederazione?

  • Nella continua tensione tra il Canton Ticino e la vicina penisola, alla luce della evidente volontà di non sottoscrivere il nuovo accordo sui frontalieri, qualora il Governo ticinese dovesse decidere di bloccare i ristorni delle imposte alla fonte il prossimo 30 giugno 2019, la Confederazione, essendo lei parte attrice dell’accordo del 1974 sui lavoratori frontalieri, assicurerà il versamento dell'importo dei ristorni all'Italia al posto del Canton Ticino?
  • La Confederazione é disposta a collaborare col Canton Ticino per mettere pressione sulla controparte al fine di assicurare l'utilizzo di questi importi per progetti di interesse comune?
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
1 ora

Abusi al Dss: la nomina fa discutere

Il governo propone ai vertici dell'Azienda cantonale dei rifiuti un ex funzionario coinvolto in uno scandalo sessuale. Dadò invoca un'inchiesta parlamentare

FOTO
CANTONE
3 ore

Fungiatt dispersi in valle Morobbia, ma è un'esercitazione

Positiva la collaborazione tra la colonna di soccorso di Bellinzona e l'unità cinofila SAS

CONFINE / SVIZZERA
5 ore

Svizzero truffato. Il falso intermediario sparisce con la provvigione per lo chalet

L'anziano è rimasto con in mano un pugno di mosche, e una valigetta piena di denaro falso

BELLINZONA
7 ore

Schiume sul Lago Maggiore: «Un fenomeno naturale»

Numerose segnalazioni tra Muralto e Brissago. Il Dipartimento del territorio tranquillizza: «Non si tratta di inquinamento, ma di alghe che risalgono in superficie»

LUGANO
9 ore

«Mio figlio parla solo tramite video»

Il mutismo selettivo è un problema per (almeno) una ventina di bambini in Ticino. L'associazione Atimuse: «Abbiamo fatto passi avanti»

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile