Depositphotos/Facebook
LUGANO
14.03.19 - 08:000
Aggiornamento : 11:35

Criptovalute bulgare nella bufera: guai anche per i ticinesi?

Konstantin Ignatov, uno dei padri dell’OneCoin, è finito in manette. Il suo sarebbe un sistema piramidale. E la valuta sarebbe praticamente inesistente. A Lugano c’era chi la promuoveva

LUGANO – Fa discutere anche nella Svizzera italiana l’arresto da parte delle autorità americane di Konstantin Ignatov, uno dei padri dell’OneCoin. E questo perché anche in Ticino alcuni avrebbero acquistato, negli scorsi mesi, la criptovaluta bulgara fondata nel 2014. Si teme che OneCoin sia più uno schema piramidale che una vera e propria valuta. Senza nemmeno una base legale vera e propria.

Marketing non sostenibile – Mentre Ignatov è finito in manette con l’accusa di cospirazione per frode telematica, sua sorella, Ruja Ignatova, è stata incriminata per riciclaggio di denaro sporco e frode telematica e di titoli. Cosa accadrà dunque a chi ha effettuato determinati investimenti? Il sistema piramidale è un modello di marketing giudicato non sostenibile in diversi paesi, anche in Svizzera. Soprattutto perché presuppone il continuo arruolamento di nuovi soci nel modello, chiedendo loro un importante investimento finanziario iniziale. Proprio su questi investimenti, guadagnerebbe chi sta ai piani più alti della piramide.

Consigli per gli acquisti – Nel Luganese c’è un “imprenditore” che da oltre un anno promuove la criptomoneta bulgara. Non facciamo il suo nome per questioni di privacy. Da fonti certe sappiamo che da diversi mesi l’uomo cerca di “convincere” i ticinesi a sposare la causa della criptovaluta dell’est. A lui abbiamo chiesto cosa devono fare i ticinesi che, a suo tempo o di recente, hanno acquistato OneCoin. Perderanno il denaro investito?

Una risposta che spiazza – La risposta dello “specialista” è piuttosto spiazzante. «Non ho mai fatto consulenza a nessuno – afferma – ho semplicemente fatto, privatamente, degli investimenti su questa criptovaluta. Ma non ho mai fatto alcuna propaganda. Assolutamente. Non so da chi l’avete sentito».

Estraneo a ogni fatto – Eppure, fonti certe riportano che almeno tre persone sono state contattate di recente dall’uomo. Altre avrebbero acquistato criptovalute su suo suggerimento. Possibile che non abbia nulla da dire? «No. Non c’entro niente io – ribadisce – e non sono nemmeno preoccupato per il mio, di investimento. Ogni nazione ha diritto di fare le indagini che vuole. Certe cose, poi, in America funzionano così».

Lo schema della piramide – Resta scettico Sergio Rossi, economista, già grande nemico dei Bitcoin. «One Coin – dice – è uno schema piramidale, simile alla piramide di Ponzi. Chi arriva per primo prende i soldi di chi arriva dopo. Meglio stare alla larga da questo tipo di speculazioni per evitare fallimenti a catena».

Come bambini – Critico, seppure con altre sfumature, anche il “collega” Paolo Pamini. «Purtroppo – sostiene – le crescenti garanzie dello Stato, in vari ambiti, non ci fanno bene. Infantilizzano il cittadino, che crede sempre di essere protetto, in qualsiasi settore. Invece, proprio in un contesto così mobile, servirebbe una presa di coscienza maggiore da parte di tutti. Uno dovrebbe addentrarsi in certi campi con diligenza, solo dopo avere capito davvero cosa sta dietro a determinate operazioni».

Autorità mosse in ritardo – «OneCoin è uno schema Ponzi fatto e finito – aggiunge Filippo Moor, Ceo di una società attiva nel settore – , che non ha nulla a che vedere con il settore serio e trasparente della blockchain, settore in forte crescita nel quale lavorano molte persone in Svizzera e in tutto il mondo . È dal 2014-15 che gli addetti ai lavori sanno che si tratta di una truffa e non capisco come le autorità si siano mosse solo ora».

Commenti
 
Andrea Pennesi 2 mesi fa su fb
sono solo accuse hanno passato tutte le indagini tedesche e di altri paesi
GI 2 mesi fa su tio
Nell'aria fritta pare siano in tanti a credere....
lo spiaggiato 2 mesi fa su tio
Cito quanto detto dal Pamini: "Uno dovrebbe addentrarsi in certi campi con diligenza"... ma allora lui che ci fa in politica??????... :-))))))
SuperGigio 2 mesi fa su tio
Già che Pamini ha un bel coraggio, riesce ad attribuire alle "crescenti garanzie date dallo Stato" il fallimento d'investimento ad alto rischio intrapreso dal privato. Ma dov'è finita la tanto acclamata libertà del cittadino?
Maury Bernasconi 2 mesi fa su fb
Guardate che è dal 2016 che si sa. Ne aveva anche parlato PattiChiari dettagliatamente...
jena 2 mesi fa su tio
giusta punizione per gli "ignoranti" !!!! si chiama selezione naturale!!!
marco17 2 mesi fa su tio
Che queste cripto valute siano un sistema truffaldino lo capisce anche un bambino dell'asilo. Il solo a non volerlo capire è il Pamini, secondo il quale la colpa sarebbe dello Stato che infantilizzerebbe i cittadini. E c'è chi vota un tipo simile?
Nicklugano 2 mesi fa su tio
@marco17 Speriamo di no !
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
ASTANO
2 ore

Moltiplicatore al 110%: «Accettarlo garantirà il 145%»

Andrea Genola e Fabio Manfrini smentiscono la missiva che il Municipio ha trasmesso ai cittadini venerdì. «Gli astanesi devono bocciare il 110%»

FOTO
CANTONE
16 ore

Soccorritori e sub si esercitano in vista dell'estate

Alla giornata organizzata in val Verzasca hanno partecipato circa 25 soccorritori

LUGANO
23 ore

Nuda e in stato confusionale sul lungolago

La donna è stata fermata e coperta da alcuni militari

FOTO E VIDEO
AIROLO
1 gior

Incidente sull'A2, feriti due occupanti del bus

L'autista e una passeggera 74enne, entrambi inglesi, non sarebbero in gravi condizioni

AIROLO
1 gior

Incidente in autostrada, coinvolto un bus

Gli automobilisti sono invitati a prestare attenzione tra la galleria di Stalvedro e il tunnel del San Gottardo. Potrebbero esserci diversi feriti

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report