Depositphotos
LUGANO
06.03.19 - 06:000
Aggiornamento : 09:15

Il telelavoro in Città, senza distrazioni e con i documenti sottochiave

Il Municipio sta preparando un'ordinanza per l'introduzione dello smart working nell'amministrazione comunale. Inizialmente è previsto un periodo di prova di un anno

LUGANO - In tuta e con le pantofole ai piedi: presto anche i dipendenti dell’amministrazione comunale di Lugano potranno lavorare da casa grazie al telelavoro, così come già avviene in molte aziende private e in via sperimentale anche in Cantone. Il Municipio e i servizi cittadini stanno infatti preparando la relativa ordinanza, che verosimilmente entrerà in vigore ancora nel corso di quest’anno. «È un’esigenza che effettivamente riscontriamo da parte dei collaboratori» conferma il sindaco Marco Borradori. Quindi la ricerca di una maggiore flessibilità, anche per poter conciliare al meglio l’attività professionale con la vita privata.

Per tutti, ma non per tutti - Ma il cosiddetto smart working non sarà effettivamente a disposizione di tutti: il collaboratore che ne vorrà usufruire (saranno in ogni caso esclusi coloro che lavorano a turni e i docenti) dovrà infatti rispondere a tutta una serie di requisiti. Si parla in particolare di un elevato grado di autonomia e della presenza non indispensabile sul posto di lavoro. A casa l’attività del collaboratore dovrà inoltre essere priva di distrazioni.

Uno spazio dedicato - Bisogna poi considerare anche il rispetto del segreto d’ufficio. Al domicilio del collaboratore dovrà infatti essere allestito uno spazio da dedicare allo smart working, dove sia presente almeno un mobile in cui possano essere custoditi sottochiave i documenti professionali. La responsabilità sarà del collaboratore.

Evitare l'isolamento - L’ordinanza che la Città sta preparando parla del telelavoro come di un’attività da svolgere a cadenza regolare. E prevede che contro l’isolamento del collaboratore, il superiore debba assicurare un corretto flusso di informazioni con l’ufficio.

Più mobilità - Non si tratta comunque soltanto di lavoro da casa. L'ordinanza potrebbe infatti dare anche la possibilità di svolgere la propria attività da altre postazioni all'interno dell'amministrazione cittadina, favorendo quindi una certa mobilità dei collaboratori. «È una possibilità» ci dice infatti il sindaco Borradori.

Un periodo di prova - Inizialmente l’ordinanza relativa al telelavoro entrerà in vigore per un periodo di prova di un anno. Soltanto al termine di questa fase sperimentale l’Esecutivo comunale valuterà l’esperienza e deciderà se confermare lo smart working.

Il progetto del Cantone - Di recente anche l’amministrazione cantonale ha dato il via al telelavoro, anche in questo caso per un periodo di prova della durata di un anno (vedi articolo correlato). Il Consiglio di Stato ha così dato seguito a una mozione che chiedeva l’introduzione dello smart working per migliorare la conciliabilità tra lavoro e famiglia, ma anche per ridurre gli spostamenti sul territorio. Il progetto del Cantone coinvolge una cinquantina di collaboratori.

1 anno fa Sì del Cantone al lavoro da casa
Commenti
 
albertolupo 6 mesi fa su tio
La cosa di dover avere uno spazio fisico per i documenti di lavoro mi sembra contraria al principio stesso. Se puoi lavorare da casa è perché lo puoi fare esclusivamente online. Quindi al massimo lo spazio per un PC e per un piccolo fascicolo formato A4 con delle stampe esclusivamente di lavoro. Altrimenti succederà che fai la riunione con il funzionario (oppure lui l'avrà con i suoi capi) e dirà: "accidenti ho lasciato le cose a casa"...
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO
CANTONE
4 ore

La "Tetris Challenge" mania arriva in Ticino

Ecco i primi ticinesi che hanno raccolto la sfida lanciata dalla Polizia zurighese. Chi sarà il prossimo?

LUGANO
6 ore

Il giorno dopo la manifestazione: «L’autogestione? Una realtà viva»

Parla il consigliere comunale socialista Carlo Zoppi. Il sindaco Marco Borradori: «Ma ora ci vuole il confronto»

LUGANO
8 ore

A Lugano una notte tropicale da record

Dall'inizio delle misurazioni è la prima volta che accade a metà settembre. Le alte temperature ci accompagneranno ancora per qualche giorno

FOTO E VIDEO
SONOGNO
9 ore

Un Pentathlon del boscaiolo baciato dal sole

Claudio Groppengiesser è stato incoronato campione ticinese, mentre nella categoria a squadre hanno prevalso i "Wald Verzasca"

FOTO E VIDEO
LOCARNO
11 ore

Un'auto ed un quad si scontrano nella rotonda dell'aeroporto, un ferito

L'incidente è avvenuto questa mattina attorno alle 11.00. Sul posto i soccorritori del Salva e la polizia

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile