deposit/foto d'archivio
LUGANO
04.03.19 - 09:000
Aggiornamento : 12:18

Il vino “mafioso” nei ristoranti ticinesi: «Ma nessuno denuncia»

Un clan della 'ndrangheta ha commerciato bottiglie fino al 2017, anche in Ticino. Ma sembrano sparite nel nulla. Parla il produttore calabrese

LUGANO - L'etichetta è scura, con disegnata la sagoma di un contadino. Il nome “Zu Lorenzu” dice poco ai clienti dei ristoranti ticinesi dove la bottiglia è stata venduta fino al 2017. Ma in Calabria “zio Lorenzo” è il capostipite di una nota famiglia 'ndranghetista. I suoi discendenti andranno a processo oggi a Catanzaro: sono accusati – tra molte altre cose – di avere smerciato il vino “mafioso” facendo ai ristoratori delle offerte che «non potevano rifiutare». 

Un milione di bottiglie - Nelle intercettazioni telefoniche gli 'ndranghetisti parlano di «un milione di bottiglie» vendute tra Italia, Svizzera e Germania. E di alcuni viaggi a Chiasso e a Lugano, dove avrebbero «portato un cofano di vino giusto per regalarlo» e per mostrare il prodotto «a uno che lo ha assaggiato».

16 ristoranti - Nelle carte dell'inchiesta visionate da tio/20minuti si parla anche di «sedici locali» controllati dal clan su suolo elvetico. I nomi restano sconosciuti: la Procura federale fa sapere di avere «visionato gli elementi in possesso degli inquirenti italiani» ma precisa di non avere aperto procedimenti. Due enologi ticinesi interpellati affermano di non essersi mai imbattuti nel vino in questione.

Nessuna denuncia - Ma se le bottiglie sono circolate in Ticino, perché nessun ristoratore ha sporto denuncia? Lo chiediamo a Vincenzo Zito, viticoltore di Cirò Marina (Crotone) da poco uscito di prigione. È stato lui a produrre il vino “Zu Lorenzu” per conto del clan, ma secondo i giudici era una vittima e non un complice.

Il racconto del produttore - «Sono venuti nella mia cantina due personaggi con noti precedenti penali, chiedendomi delle forniture di vino da rivendere con una loro etichetta – racconta al telefono –. Ero in una posizione di debolezza, ho accettato a malincuore». Il viticoltore afferma di avere subìto un danno d'immagine ed economico dalla vicenda: «Il vino mi veniva pagato poco e non sempre» dice. «Capisco la situazione dei ristoratori che come me non se la sono sentita di dire di no. A questa gente, di solito, non occorre nemmeno minacciare. E nessuno denuncia». 

Le mani su ristoranti e cantieri - Il discorso, evidentemente, vale anche in Ticino: qui (ma anche in altri Cantoni) la 'ndrangheta è attiva «con l'insediamento di persone o strutture operative con fini di riciclaggio di denaro» e pronta «a cogliere occasioni favorevoli» spiegano dalla Procura federale. La ristorazione è uno dei settori dove i clan «investono di più, in cerca di vantaggi economici o materiali»

Leggi qui il nostro approfondimento sulla mafia in Svizzera

1 anno fa La ‘ndrangheta in Ticino passa tra armi e vino
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO / MILANO
6 ore

19enne anarchico di Lugano si consegna alla Polizia

Il giovane farebbe parte del gruppo che lo scorso 9 febbraio a Torino, durante un corteo, mise a ferro e fuoco la città

CANTONE
7 ore

Si cerca Danial Tekinov

Classe 2005, il ragazzo è scomparso durante il tragitto casa/scuola

LUGANO
8 ore

La vie en rose di Plein a Milano con citazione finale in Pretura a Lugano

La Barzanò & Zanardo, società leader nella tutela dei marchi, reclama dallo stilista oltre 400mila franchi per fatture non saldate. Si presenterà? «Il personaggio è imprevedibile» dicono

CANTONE
9 ore

Tutto il Ticino sotto l'occhio vigile dei radar

Nessun distretto sarà escluso dei controlli della velocità mobili e semi-stazionari della prossima settimana

FOTO E VIDEO
CANTONE
10 ore

Evacuata l'Ikea di Grancia

Sul posto 4 veicoli del Pompieri. L'allarme è rientrato dopo una manciata di minuti

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile