CANTONE
27.02.19 - 08:300
Aggiornamento : 10:44

Ritratto di un cantone che vede nero: «Manca la positività di Zurigo»

In Ticino i decessi superano le nascite e il turismo langue. L’imprenditore Stefano Artioli striglia la politica: «Mancano programmi. Coi santini e gli aperitivi non si genera ricchezza»

LUGANO - È una sberla statistica che fa male perché rafforza la percezione di un cantone che ha smarrito la fiducia nel domani. Non ci sono molti dubbi sull’interpretazione delle cifre sul movimento naturale della popolazione diffuse ieri dall’Ufficio federale di statistica. Quei numeri dicono che in Ticino morire è una certezza, nascere più che altrove una scommessa. E difatti siamo ultimi in Svizzera con un saldo negativo tra nascite e decessi consistente, costante e con una tendenza al peggioramento: nel 2018 si sono contate 2.478 culle contro 3.134 lutti (saldo meno 656). Il Paese, intanto, marcia in tutt’altra direzione con 85.253 nati e 66.654 morti. Una fossa più che un fossato si spalanca tra sud e nord delle Alpi.

Meno attrattivi  - Altri numeri arrivano dal turismo e ci inchiodano anch’essi all’ultimo banco della classe: mentre tutto il Paese brinda all’esplosione dei pernottamenti alberghieri, noi soli l’anno scorso abbiamo registrato un netto calo. Due spie rosse, tra le molte (come gli indici di povertà, tanto per dire).

Una somma di incertezze - Quali i mali che hanno provocato questa paralisi? Stefano Artioli, 58 anni, che con la sua Artisa Holding è impegnato in una miriade di cantieri in tutto il Paese, non si stupisce di questi dati negativi: «Questo è un cantone che somma incertezze su incertezze e i giovani se ne guardano bene dal far figli. Se in una coppia non lavorano in due non sbarchi il lunario. Ma soprattutto in Ticino si parla sempre di negatività, dall’immobiliare all’economia. In altre realtà come Zurigo percepisci invece l’odore del futuro, la positività e la vitalità grazie all’arrivo di nuove aziende».

La generazione assente - Per ripartire cosa occorre? «Ci vuole una profonda riflessione da parte della società. Si addossano colpe alla politica, che però è figlia di questa realtà. Ancora oggi e lo si tocca con mano in queste elezioni, si cerca di raccogliere voti con santini e aperitivi. I grandi assenti sono i programmi. Basta girare qualche appuntamento coi candidati per osservare settantenni famelici attratti solo dal buffet. Grande assente la generazione dai 20 ai 40 anni. Il partito degli astensionisti  disilluso perché i politici non sanno proporre soluzioni per le difficoltà di tutti i giorni: dall’affitto, alla casse malati, al lavoro… La metà della società è stufa delle ideologie, vuole programmi che permettano di generare ricchezza e ridistribuirla. Tutto il resto è fumo».

Un’ente turistico autonomo - Ma le parole più dure Artioli le riserva al turismo: «È in crisi? Ma ci si rende conto che una buona parte degli alberghi è fatiscente? Oggi abbiamo infrastrutture vecchie in città che offrono poco. Questo è un paese dormitorio, dove dalle 17 in avanti tutto inizia a spegnersi. Spendiamo milioni per fare quattro feste in centro a Lugano. E il guaio è che si autocelebrano anche. Questo è un disastro annunciato». Destinato, secondo l’imprenditore, a peggiorare: «Gli albergatori hanno capito che c’è Booking? Il problema è il prodotto Paese che non funziona. Non tanto Ticino Turismo che comunque non dovrebbe essere comandato dalla politica. È un sistema vecchio. L’ente turistico deve essere un’organizzazione autonoma e imprenditoriale. Una Sa che guadagna in base ai risultati».

4 mesi fa Record per il turismo svizzero, anno nero per il Ticino
4 mesi fa Meno matrimoni, meno nascite, più divorzi
Commenti
 
anndo 4 mesi fa su tio
e sopratutto se non si attirano, furbamente, come fanno molti paesi europei ( irlanda, malta, bulgaria etc ) investimenti esteri non si crea ne ricchezza ne lavoro e relativo indotto economico, sia per la collettivita' che per l'individuo. ma probabilmente a Bellinzona guardano solo gli interessi personali. Qui c'e' piu' omerta' che nel sud italia...finiamola di coprirci gli occhi.
anndo 4 mesi fa su tio
4- il Ticinese residente ( e non parlo di etnie, anzi credo che i peggiori siano i miei connazionali "naturalizzati ) non e' abituato al lavoro, o meglio, vuole fare le 8 h e pretendere salari elevati ( dovuti giustamente al costo della vita assurdo per questo cantone morto e vecchio ) 5- Non si offre nulla ne al residente che al turista. Voi scrivete che lugano e' morta la domenica? e' morta tutti i giorni, citta' fantasma/dormitorio. Puoi trovare baretti ( come a Mendrisio ) in cui i nostri giovani vanno a rimbambirsi bevendo ( non avendo altro se non la disperazione ). Vogliamo parlare poi di chiasso o mendrisio ? meglio evitare. 6- la cultura del ticinese e' vecchia, ha paura delle novita' e cambiamenti, se non ci fossero 70mila frontalieri ( tra cui la maggioranza di medici, infermieri etcetc) saremmo gia' morti e sepolti. per ultimo, basta guardare e capire, solo a chiasso le banche hanno costruito interi "villaggi" per anziani ( per spolpargli gli ultimi averi prima del trapasso ) e furbamente li affittano ( tanto il ricambio abbonda ) e non li vendono. Se non si scende realmente in piazza con idee e non si comprende che il mondo e' cambiato e il lavoro facile etc non esiste piu' allora diventera' il cantone del buon ritiro per anziani.
anndo 4 mesi fa su tio
premesso che vivo in Ticino dal 1986 vorrei sottolineare alcune cose, amio avviso , che purtroppo rispecchiano cio' che viene scritto nell'articolo. 1- l'occasione di firmare ( per ogni tipo di lavoro ) un salario minimo non e' stata voluta ( e questo fa' gioco ai disonesti imprenditori che sottopagano anche il frontaliere ) 2- in Ticino si e' vissuto con le "vacche grasse" fino a che ( Italani in particolare ) portavano il nero sottratto al fisco del proprio paese alle banche ticinesi e al loro indotto ( fiduciare, ristoranti , hotel etcetc) senza pensare minimamente al lavoro VERO e al fatto che prima o poi la musica finiva ( tanto e' vero che tra fiduciari arrestati per ammanchi nelle gestioni patrimoniali, piuttosto che quelli che non hanno piu' "lavoro" a causa dei nuovi accordi sono falliti in molti ) 3- si piange sempre e si "vive" di sussidi e piccole truffe assicurative ( e non negatelo perche' i casi ecclatanti degli ultimi anni sono stati ampiamente messi sui media )
anndo 4 mesi fa su tio
tutto vero...
Led Swan 4 mesi fa su fb
Magari con massice dosi di LSD potrei pure vedere la positività di Zurigo...
Anna Witschi-Schurter 4 mesi fa su fb
Eine gewisse Professionalität fehlt im Tessin im Gegensatz zu Zürich. Man wird nicht aufmerksam bedient. Man merkt nicht wenn ein Kunde Platz nimmt. Man braucht viel Geduld bis ein Kellner merkt, dass man bezahlen möchte. Der Service ist an vielen Orten ohne Motivation. Viele Orte sind kalt und nicht gemütlich eingerichtet. Nebst dem Radio (lautes Geplärre) läuft noch der Fernseher. Die Tische sind dem Durchzug ausgesetzt usw. Es käme keinen Rappen teurer, auf die Bedürfnisse des Kunden einzugehen. Mehr Professionalität und Wissen könnte die Attraktivität der wunderschönen Gegend steigern. Man sieht an den erfolgreichen Restaurants was noch fehlt. Selbst ein Warenhausrestaurant unterscheidet sich im Angebot massiv von der Deutschschweiz. Zu oft sehe ich potenzielle Kunden, die, weil sie lange nicht bedient werden, das Lokal verlassen. Solange man als unerwünscht wahrgenommen wird und mit Minimalismus bedient wird, kommt man kein zweites Mal.
Juri Blum 4 mesi fa su fb
Ciola con la negatività che c è...
Sara Boris 4 mesi fa su fb
Dopo tanti anni passati a Zurich è da molto che dico questo è la risposta è quasi sempre..zuchittt..qua non si ha la ben minima voglia di evolversi dì mentalità..
Gio Ber 4 mesi fa su fb
In un cantone dove hai uno stipendio medio di 3000.- se riesci ad averli, la cassa malati più alta, gli affitti più alti, le targhe più alte della Svizzera, i negozi chiudono alle 19.00, la vita notturna equivale a zero e i mezzi di trasporto pubblico sono costosi, le imposte che ti erodono il poco stipendio che ti rimane, gli assegni famigliari che vengono dimezzati, come si fa a dire ai giovani di restare in Ticino e fare figli ? Io dico loro che fanno bene ad andarsene e stare meglio da un’altra parte. Tutto questo non è altro che il riflesso della politica e delle leggi che da qualche anno infliggono il cantone.
Dada Plus 4 mesi fa su fb
Tutto vero, peccato che al ticinese medio vada bene cosi' dato che fa troppo freddo/caldo per andare in piazza....ad eccezione per il carnevale....
Natyna La Sicaria 4 mesi fa su fb
E come pretendete che in Ticino la gente si metta a far figli quando ci sono stati i tagli in primis su assegni famigliari, e aiuti vari a famiglie etc etc..!!! Iniziate ad offrire certezze come posti di lavoro, dei luoghi di ritrovo per madri e padri con bambini al seguito, qualcosa da fare insomma. C'è più vita e allegria nel deserto del sahara che qui 😐
Dada Plus 4 mesi fa su fb
Le certezze ormai non ci sono piu', bisogna lottare andando in piazza come fanno nel resto del mondo, altrimenti ritorneremo ad emigrare....
Natyna La Sicaria 4 mesi fa su fb
Dada Plus faccio prima ad emigrare qua nessuno va in piazza purtroppo😅
Mauro Ballerini 4 mesi fa su fb
Per quanto riguarda il turismo c'è l'ex direttore del Turismo candidato al consiglio di stato, speriamo che non vinca altrimenti concia il Ticino come il turismo, perchè se il turismo è peggiorato è anche colpa sua (nomine politiche)
Dada Plus 4 mesi fa su fb
A Lugano abbiamo il sindaco che vorrebbe Lugano più attrattiva, peccato che da quando e' sindaco nulla è cambiato. Perché? Ricordo poi che e' stato anni e anni a Bellinzona come capo del Territorio, peccato che siamo invasi dal traffico per vie di decisioni non prese allora. Altro che turismo!!
Lara Pazzi 4 mesi fa su fb
Ticino, un cantone piccolo e chiuso su se stesso, che ha costantemente paura dell’”altro”, del “diverso”, un cantone che non vuole evolvere, ricordando sempre il passato e combattendo il futuro. Un cantone che imploderà su se stesso, se non comincerà ad aprirsi e prendere esempio dagli altri!
Giuliano Forlini 4 mesi fa su fb
Lara Pazzi è anche questo, esatto. Tutti si sono evoluti, il Ticino no. L'esempio sugli aperitivi è maledettamente vero
Mark Bee 4 mesi fa su fb
Giuliano Forlini Si dovrebbe davvero prendere esempio almeno da Zurigo se Milano è troppo. Piazzare qualche starbucks, estendere l'orario d'apertura dei locali/pub/bar, domeniche con tutto aperto. Due tre Seven Eleven aperti 24h. Lasciar aperto il Moijto a Lugano per più di 2 mesi ecc ecc....si pensa troppo a nn dare fastidio alla popolazione "anziana"🙄
Dada Plus 4 mesi fa su fb
Gli orari dei locali sono già stati estesi durante il weekend con l'iniziativa promossa dal ppd "bar aperti fino alle 3"
Akın Şeker 4 mesi fa su fb
Piano piano cade tutto a pezzi
miba 4 mesi fa su tio
Condivido in pieno le considerazioni di Stefano Artioli. Forse per questioni di spazio è stato omesso che questo è il cantone degli intrallazzi, dell'omertà e dei paciughi nel quale chi ha potere decisionale guarda prima al pro-sacocia che alla collettività ed inoltre mi spiace a dirlo ma il Ticino è diventato un elefante in un negozio di porcellana per eccellenza quando si tratta di proporre qualcosa di nuovo (e mi riferisco ad opposizioni, ricorsi, correnti politiche, correnti ambientaliste, ecc ecc) motivo per il quale chi magari investirebbe qualcosa è dissuaso in partenza dal farlo optando per altri lidi
Luca Civelli 4 mesi fa su fb
Povero Artioli,è disperato perché non sa più cosa fare per sbolognare gli appartamenti nei casermoni che ha costruito in previsione dell’arrivo in massa dì svizzeri tedeschi in Ticino grazie ad Alptransit. L’immobiliare in Ticino è al collasso perché si è costruito troppo,inutile prendersela con il Cantone.
Elena Melone 4 mesi fa su fb
Luca Civelli e ancora continuano a costruire come i pazzi, anche a Locarno.
Luca Civelli 4 mesi fa su fb
Elena Melone cronaca di un disastro annunciato.
Siro Turba 4 mesi fa su fb
Abbiamo perso il treno, e anche l’aereo!!!!!
Giorgio Caverzasio 4 mesi fa su fb
Facile parlare quando si ha la sede fiscale dell'azienda a Zugo mentre si fanno o milioni con la speculazione immobiliare da noi 😂 il problema del Ticino sono i furbi e gli imprenditori fuffa che pensano ancora di fare i brillanti. Ma per favore almeno la decenza di stare nel proprio brodo
Max Bartolini 4 mesi fa su fb
perfettamente d'accordo e me ne sto accorgendo in questi mesi... proposte su proposte e progetti che darebbero una mano.... ma niente. Il Ticinese di base si lamenta ma resta chiuso nel suo fossato, altri invece cercano di risalirlo arrancando e alcuni ne escono, ma sonio pochi... Mancano eventi e progetti sia nelle singole città del Ticino ma anche a livello Cantonale... sembra che sia abbia paura ad osare, non c'è lungimiranza nei progetti, o si guadagna subito oppure non si fa, invece bisogna vedere le cose a lungo termine, deve essere un investimento che va visto su piu anni...
Dada Plus 4 mesi fa su fb
Per forza, Lugano ha 1 miliardo chf di debiti.....1 miliardo!!!!
Giuseppe Rossi 4 mesi fa su fb
Fateci venire noi italiani e Lugano diventa il posto piu' bello della Svizzera....lo sarebbe gia'
Mario Gabella 4 mesi fa su fb
Giuseppe Rossi, sono parzialmente d’accordo. Guardate l’Italia...il paese più ricco al mondo per varietà di paesaggi, cucine, cultura...e come sta messa l’Italia...? Mi sembra che da parecchi decenni le cose stiano costantemente peggiorando.
Luca Riboni 4 mesi fa su fb
penso che ne facciano volentieri a meno, a ragione.
Maurizio Roggero 4 mesi fa su fb
Perfetto, ora manca solo l’annessione automatica all’Italia.... Belle le lamentele di un personaggio che va a braccetto con i personaggi che hanno ridotto così questo cantone.... 🤦🏼‍♂️
comp61 4 mesi fa su tio
Si dice 1/4 a Zurigo sia milionario. Ecco la differenza. Anche io sarei più positivo nel presente e tranquillo per il futuro!!
Dada Plus 4 mesi fa su fb
La verita' e' che senza negozi alla portata di tutti con articoli diversi dai classici manor e coop, il centro citta' non offre nulla. Mettiamoci poi come detto da Artioli la mentalita' chiusa dei ticinesi, contrari all'apertura prolungata dei negozi, ma che poi vanno oltreconfine a fare spesa la domenica, ed il conto torna. Qui bisogna ancora decidere se veramente vogliamo essere turistici oppure basta un laghetto e vedere se i turisti si accontentano, magari pagando 25 CHF per un piatto di pasta in un ristorante sotto il municipio
Giuseppe Rossi 4 mesi fa su fb
COME CAZZO CI PENSATE AI TURISTI SE FATE PAGARE A PESO D'ORO TUTTO....CI SONO VENUTO E MANCO IL CAFFE' MI SONO POTUTO PRENDERE.
Gabriele Tuccio 4 mesi fa su fb
Sì ma il capslock
Karmen Goy 4 mesi fa su fb
Ma prima imparare l'italiano no?
Giuseppe Rossi 4 mesi fa su fb
Karmen Goy dimmi dove vedi errori....tu pensa a sapere il tedesco
Lucilla Ferrara 4 mesi fa su fb
Giuseppe Rossi ti sfugge che il costo della vita in Svizzera non è esattamente quello italiano. D’altronde i frontalieri mica sputano su stipendi da morti di fame per i residenti ma assai più pingui di quelli percepiti in Italia e nemmeno a parità di professione, visto che in fabbrica qui guadagni di più che a scuola di là...
Gianluca Serbelloni 4 mesi fa su fb
Con Milano (ho DETTO MILANO... ) e l'Italia a 2 passi...
Alan Galbiati 4 mesi fa su fb
La positività e la droga dei poveri
Ramon Colombrino 4 mesi fa su fb
Aggiungo anche che il cantone dovrebbe incentivare proposte e idee innovative. Fare bandi di concorso ecc.....
Ramon Colombrino 4 mesi fa su fb
Certo che guardiamo al futuro con forti preoccupazioni. I contratti di lavoro non valgono nulla. Le banche non sono disposte ad investire. Chiedi un mutuo e ti rimbalzano, chiedi un leasing e guadagni poco. Che futuro daremo ai nostri figli? Pochi avranno la possibilità di acquistare un domani una casa e lasciarla ai propri figli.
Natyna La Sicaria 4 mesi fa su fb
Ramon Colombrino e con quello che ti tassano per aver casa propria, non conviene...😅 futuro mooolto incerto per tutti
Mario Gabella 4 mesi fa su fb
Ramon Colombrino capisco il problema, ma a che pro comprare una casa in un cantone con un futuro così incerto? Spendere un sacco di soldi per una casa che varrà sempre meno...visto il deterioramento delle condizioni.
roma 4 mesi fa su tio
...è vero che ci sono più decessi che nascite, è vero che il turismo langue, è vero che c'è negatività, è vero che i santini e il resto non aiutano e, anzi rompono pure le balle, è vero che in questo sfigatissimo cantone non sono nemmeno riusciti a mettersi d'accordo per un salario minimo...MA VUOI METTERE la fortuna che abbiamo con 70'000 frontalieri regolari, un numero imprecisato di frontalieri in nero (vedi ad esempio donne di pulizie), padroncini a go-go che entrano quotidianamente nel nostro cantone? No, dico...vuoi mettere?
Massimo D'Onofrio 4 mesi fa su fb
Teniamo conto che dal 2002 i nuovi bilaterali hanno inginocchiato l'intera economia. Quando usciremo da Schengen torneranno anche i turisti!
Matteo Carlo Angelo Giuffrida 4 mesi fa su fb
Cominciamo a controllare meglio il mercato immobiliare e lavorativo.... Se siamo tutti pedine mobili condannati all instabilità del lavoro come possiamo pensare di piazzarci stabilmente da qualche parte? Per contro se per illuderci si poter un giorno comprare casa (forse ora della pensione ma magari nemmeno, tanto si rischia di rimanere solo affittuari di banche anziché di privati) dobbiamo continuare a cercare e cercare di "migliorare" il nostro status professionale che poi alla fine evapora solo in spese indispensabil (tasse cassa malati affitti telefonia mobilità) quando mai potremmo trovar pace? E quando mai potremmo far figli? A me per trovare questa pace sono obbligato passare ancora anni oltre Gottardo con mia moglie in Ticino che per gli stessi motivi professionali è legata al nostro cantone... E poi? Meravigliati che non si riesce a fare figli? Ma per piacere...
Antonio Firreri 4 mesi fa su fb
Si sono isolati da soli , hanno rinunciato alle aziende che volevano venire in Ticino , quelle che ci sono spesso se ne vanno , troppa arroganza verso chi creava ricchezza (compreso i frontalieri) , porterà i Ticinesi indietro a qualche trentennio fa .
Anto Ferrari 4 mesi fa su fb
Antonio Firreri, sì, tornare inditro di trent'anni...per il contrario di tutto quello che ha scritto
Michela Ceriani 4 mesi fa su fb
Ah certo perché avere aziende che sfruttano il territorio, sfruttano frontalieri e residenti ci è utile. Non servono aziende così. Servono aziende con un etica morale giusta, le giuste paghe portano i giusti soldi da poter spendere e far girare l'economia locale. Così non gira nulla, se non le nostre balle.
Antonio Firreri 4 mesi fa su fb
Michela Ceriani le ricordo che le aziende sfruttano perchè i vostri governanti lo permettono , non riescono a mettersi d'accordo neanche sul salario minimo .
Michela Ceriani 4 mesi fa su fb
I nostri "governanti" sono anche titolari di aziende... Spero nelle prossime votazioni, che si dia un cambio in Governo.
Bacche80 4 mesi fa su tio
In Ticino vivono tanti anziani. Quanto influisce sul dato dei decessi? Sarebbe interessante capire se i decessi in più sono dovuti a una maggior percentuale di anziani sulla popolazione totale. Idem per le nascite: è vero che i giovani fanno meno figli oppure ci sono meno giovani in Ticino?
Etinha Ana Carvalho 4 mesi fa su fb
La colpa non è solo della politica ma anche della mentalità locale, delle condizioni economiche locali. Cantone carissimo che offre poco al turista. Fate un giro a piedi la domenica sera in centro.. Un mortorio. Perché un turista deve spendere tanto per avere poco? La gente non fa più figli? Ovvio! È tutto caro e il lavoro scarseggia..
LAMIA 4 mesi fa su tio
I politicanti fanno i loro interessi e quelli delle caste che li foraggiano! Del popolo, dopo il santino e il bicchier di vino se ne infischiano e continuano a mangiare fra di loro. Leggi Cdt di ieri.. PIÙ ANZIANI SUL LASTRICO.. grazie a chi??
Giuseppe LD Minafra 4 mesi fa su fb
effettivamente Lugano è una città un po' sonnacchiosa; per non parlare poi di Bellinzona 😴
Nico Guercio 4 mesi fa su fb
In che senso sonnacchiosa che non c'è movimento e tutto morto
Luca Riboni 4 mesi fa su fb
voi del centro sud non capite la mentalità svizzera.
streciadalbüter 4 mesi fa su tio
Egregio Sig. Realini,é un cantone fatto per le pompe funebri.Anch`io sono contro i vecchi:bisognerebbe eliminarli gia`da piccoli.
Eli Boccia 4 mesi fa su fb
Te credo, a Lugano la vita mondana è pari a zero. Mettono un barettino carino nel periodo estivo e sono solo capaci di farlo chiudere. Cosa c'è di attrattivo per i giovani?! Io non mi meraviglio, il Ticino è diventata meta per vecchi
Klime Jakimov 4 mesi fa su fb
Eli Boccia e te credo sì, una bibita ti costa 10-15 franchi e chiude perchè non ci va nessuno..
Raffaella Norsa 4 mesi fa su fb
Klime Jakimov ma per favore era sempre stra pieno
Klime Jakimov 4 mesi fa su fb
Raffaella Norsa a me viene in mente il baretto di fianco alla rotonda dove ce il Lac e il baretto nel prato di fianco al Casinò, mai visti pieni anzi
Eli Boccia 4 mesi fa su fb
Ma in tutti i posti i drink costano così
Klime Jakimov 4 mesi fa su fb
Appunto, 4 persone e 2 bibite a testa abbiamo pagato sui 70 franchi, la gente preferisce andare a cena con quei soldi quindi via tutti in italia e ci lamentiamo che qua ce crisi e la città è morta. Si guadagna meno rispetto agli altri cantoni e tutto costa sempre di più!
Eli Boccia 4 mesi fa su fb
😪 va beh, morale: sarebbe bello navigare nell'oro
streciadalbüter 4 mesi fa su tio
Il canton Ticino é intasato:meno gente circola,meglio é per i residenti
Kurt Cattani 4 mesi fa su fb
Fortuna che c'è chi lo dice.
GI 4 mesi fa su tio
ovvio che se mettono una foto "notturna", per quanto bella, difficile vedere la luce....
Giuliano Forlini 4 mesi fa su fb
Ma si vede che a Lugano mancano determinate cose, specialmente se fai un giro nel resto della Svizzera :( Come fai ad attrarre ricchezza se mancano professionalità, innovazione e creatività? Dopo aver vissuto due anni a Lugano e due a Zurigo, certe differenze le vedi...non sono gli zucchini ad essere cattivi con il Ticino. Politici ed imprenditori dovrebbero farsi un'esamino di coscienza e vedere/capire perchè "di qua" fanno meglio
bimbogimbo 4 mesi fa su tio
Fintanto che gli imprenditori Ticinesi avranno la possibilità di sfruttare manodopera a basso costo proveniente da oltre confine, il potere di acquisto dei Ticinesi difficilmente migliorerà. E di conseguenza un Ticinese ci pensa bene prima di fare figli e poi non poterli allevare degnamente. (purtroppo ci sono altri che invece fanno figli e poi chiedono i sussidi)
bimbogimbo 4 mesi fa su tio
Come incidono sul tasso di mortalità in Ticino, i pensionati degli altri cantoni che vengono nel nostro cantone a godersi la meritata pensione? Ecco perché mortalità molto piu alta delle nascite. Fate sempre attenzione nella lettura dei dati statistici...
Pat Novo 4 mesi fa su fb
Cantone sfigatissimo.
Bruno Realini 4 mesi fa su fb
da cantone per vecchi a cantone per morti il passo è breve
Toad MisterToad 4 mesi fa su fb
articolo interessante ed e innegabile che Artioli abbia centrato il punto.
Flo Flo 4 mesi fa su fb
Toad MisterToad con aperitivi e santini non si va da nessuna parte !! (Cit.) hahahah
Ben8 4 mesi fa su tio
Mi piace!
Alessandro Crippa 4 mesi fa su fb
Nemmeno con imprenditori che pagano stipendi da fame
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
VIDEO
LOCARNO
3 min

Gallagher: autentico e genuino rock'n'roller

Autentico e genuino, Liam Gallagher, nella sua prima performance in territorio ticinese. Ovvero nel sesto appuntamento di Moon&Stars 2019

INTERVISTA
LOCARNO
1 ora

«Ho lavorato notte e giorno, ma sono felice di presentarvi il mio Festival»

Oggi sono stati svelati i nomi degli ospiti della 72esima edizione del Locarno Film Festival. La neo direttrice artistica racconta il "suo" primo Pardo

RIAZZINO
3 ore

Altra vincita da sballo con "Subito!": 250.000 franchi

Dopo il caso di Cugnasco-Gerra, ecco un altro fortunatissimo nel Locarnese. Stavolta è un cliente del Bar Piccadilly Centro Leoni

FOTO E VIDEO
CRESCIANO
3 ore

Furgone militare si scontra con un'auto, diversi feriti

Per almeno quattro persone si è reso necessario il trasposto all’ospedale

FOTO
CANTONE
5 ore

Due incidenti e un incendio: traffico in tilt sull’A2

Fortissimi disagi alla circolazione in direzione sud. Colonne dal Ceneri fino alla galleria di San Nicolao

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report