tipress
CANTONE
22.02.19 - 11:350
Aggiornamento : 15:31

Polveri fini, Mendrisiotto da bollino rosso

PM10 da diversi giorni sopra i limiti consentiti. Livelli elevati registrati anche nel Luganese

MENDRISIO - È un Mendrisiotto da bollino rosso per quanto concerne il livello di polveri fini nell'aria.

Come predetto a inizio settimana, il bel tempo e l'assenza di precipitazioni non hanno favorito un ricambio d'aria tale da riportare il PM10 sotto i limiti OIAt di 50 µg/m3.

È da lunedì che i grafici mostrano un aumento esponenziale di polveri sottili che a Mendrisio hanno raggiunto un picco di 81 µg/m3 nella giornata di ieri. Il dato odierno, non ancora rilevato, potrebbe essere anche più alto.

I livelli hanno ormai sforato i limiti anche nel Luganese dove, sulla mappa dell'Osservatorio Ambientale della Svizzera Italiana (OASI) si possono notare, sparsi, bollini gialli e arancioni.

Le previsioni per i prossimi giorni non promettono condizioni tali da favorire una pulizia dell'aria per cui è prevedibile che, nel breve periodo, saranno messe in atto le classiche misure del caso, come potrebbero essere gli 80km/h imposti in autostrada.

La polveri sottili - Le particelle di polveri fini sono una miscela complessa di inquinanti. Sono composte da:

  • particelle primarie, emesse direttamente durante i processi di combustione (p. es motori diesel, impianti di riscaldamento a legna), generate in seguito all'abrasione meccanica di pneumatici e freni, alla pavimentazione stradale e alla messa in sospensione delle polveri fini, oppure riconducibili a fonti naturali.
  • particelle secondarie, che si formano nell'aria a partire da precursori gassosi (diossido di zolfo, ossidi di azoto, ammoniaca, composti organici volatili).

Gravi conseguenze sulla salute - Sono denominate PM10 le particelle con diametro inferiore a 10 micrometri e PM2.5 quelle con un diametro inferiore a 2.5 micrometri. Date le loro minuscole dimensioni, esse possono penetrare anche nelle ramificazioni più sottili dei polmoni, per poi raggiungere, in parte, i vasi linfatici e sanguigni. La loro struttura frastagliata favorisce inoltre il deposito di altre sostanze tossiche.

Questa miscela di inquinanti è costituita da numerosi composti chimici, alcuni dei quali con effetti cancerogeni, p. es. la fuliggine. Genera infiammazioni locali alle vie respiratorie e può pertanto avere gravi conseguenze sulla salute quali tosse, dispnea, bronchite e attacchi di asma in bambini e adulti; affezioni del sistema respiratorio e cardiocircolatorio, talvolta con necessità di ricovero in ospedale; cancro ai polmoni e morti premature.

Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report