Deposit Photos
MENDRISIO
21.02.19 - 19:450
Aggiornamento : 20:12

Docente nella bufera: ecco il libro sotto accusa

Apparentemente innocuo, il testo conterrebbe allusioni e riferimenti a persone e fatti reali. Ma è davvero così?

MENDRISIO – Non si placa la bufera sulla docente di tedesco che insegna alle scuole medie di Mendrisio e di Morbio Inferiore. A sollevarla è il deputato leghista Massimiliano Robbiani con un’interrogazione indirizzata al Governo. L’insegnante, stando al testo, si assenterebbe spesso per promuovere il suo libro, pubblicato nel 2017, trascurando così gli allievi che sarebbero rimasti indietro col programma. Non solo. Il libro conterrebbe dettagli riconducibili ad allievi o a famiglie, senza che i diretti interessati fossero stati interpellati o avvisati. A Robbiani si unisce anche il comitato dell’assemblea dei genitori della scuola media di Mendrisio che ha diramato un comunicato stampa sulla vicenda.

Se ne parla pubblicamente solo ora – Il libro in questione è "Noi" (Armando Dadò Editore), pubblicato nel 2017 dall’insegnante, di nazionalità italiana e residente oltre confine, dopo averlo realizzato a quattro mani con il giornalista ticinese Marco Jeitziner. Perché se ne parla solo ora? I problemi sul contenuto del testo e sul presunto atteggiamento dell’insegnante sarebbero stati segnalati già mesi addietro al Cantone. L’insegnante, precedentemente attiva solo a Mendrisio, dallo scorso settembre è stata parzialmente spostata anche alla sede di Morbio.

Duetto transfrontaliero – Il testo, apparentemente innocuo e simpatico, gioca su un duetto transfrontaliero italo-svizzero. Da una parte c’è un’insegnante italiana che ogni giorno passa il confine per insegnare tedesco in una scuola media della Svizzera italiana. Dall’altra c’è un giornalista svizzero che racconta il suo rapporto con l’Italia.

La donna ha avuto un problema in famiglia – Stando a Robbiani e ad alcuni genitori, il libro conterrebbe allusioni a fatti e persone reali. Ad esempio, sminuirebbe i ragazzi costretti a seguire i livelli B rispetto a chi segue i livelli A. Il Dipartimento dell’educazione della cultura e dello sport (DECS) al momento non ha ancora elaborato una risposta ufficiale sulla questione. Quello che si sa è che alcune assenze della docente sono da ricondurre a un problema avuto in famiglia. Altre a uscite con le classi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
BISSONE
30 min
Operaio ferito questa mattina a Bissone
Sarebbe stato schiacciato dal materiale usato per i lavori.
CANTONE
1 ora
Contagi sotto la decina nel weekend
Colpisce il numero delle ospedalizzazioni: il 50% di coloro che sono stati trovati positivi
LOCARNO
3 ore
Stalkerizzata dalla ditta di incasso
Vicenda surreale per una giovane, dopo un acquisto online. Regolarmente pagato. I retroscena.
CANTONE
5 ore
Giovani in ansia durante il Covid
Pro Juventute ha potenziato il suo 147 con la chat: «Siamo stati contattati da ragazzi sofferenti per i lutti da Covid»
PURA
11 ore
«Il mio viaggio di 23mila km, senza prendere un aereo»
Una giovane donna ticinese ha scelto di percorrerli da sola per mettersi in gioco e superare i suoi limiti
CANTONE
13 ore
Rientro a scuola: ecco i tre scenari
Il Decs sta studiando un piano per settembre. Bertoli: «Gli istituti dovranno essere pronti»
CANTONE
13 ore
«Per battere il Covid, un treno ogni 15 minuti»
L'associazione dei passeggeri Astuti fa una serie di proposte alle FFS. «In Ticino si può osare di più»
GORDOLA
13 ore
Scomparso e ritrovato: «Soffre di problemi psichici»
I familiari del 34enne disperso sui Monti Motti raccontano alcuni dettagli
CANTONE
15 ore
Tamponamento tra un'auto e una moto a Lumino
Il giovane centauro è stato trasportato in ospedale per i controlli del caso
VERZASCA
15 ore
La Verzasca come in tangenziale
Il turismo interno congestiona le valli. I residenti: «Ostaggio dei turisti, basta». C'è chi pensa di dosare gli ingressi
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile