tipress
LUGANO-ROMA
18.02.19 - 15:490
Aggiornamento : 20:34

Il caso-Fogazzaro arriva fino al Parlamento italiano

Un'interrogazione è stata presentata a Montecitorio da 23 deputati del Movimento 5 Stelle

LUGANO/ROMA - Il Fogazzaro approda in aula a Montecitorio. Ne ha fatta di strada il caso dei "diplomi facili" scoperchiato l'estate scorsa da tio/20minuti. Dopo due interrogazioni al Consiglio di Stato e il recente servizio di Falò, ora la vicenda è arrivata nientemeno che sui banchi del Parlamento italiano. 

Domande in aula - Un'interrogazione parlamentare, presentata da 23 deputati del Movimento 5 Stelle settimana scorsa, chiede al Ministero dell'Istruzione della vicina Penisola di fare chiarezza sulla vicenda e, «ove i fatti vengano confermati», di prendere provvedimenti. A darne notizia è il settimanale Panorama.

Il caso - Al centro della polemica, che ha spinto il Decs ha proporre una modifica alla legge sulla scuola il mese scorso, c'è un istituto paritario di Pomigliano d'Arco in provincia di Napoli. È qui che, come riferito, si sarebbe diplomata la stragrande maggioranza degli allievi della scuola di Breganzona. Diversi di loro hanno raccontato di esami truccati, in cui le risposte erano fornite loro direttamente dai professori. 

«Urge una modifica» - «Su alcuni media locali ticinesi  è stata riportata la notizia che in realtà l'istituto Papi pare essere un vero e proprio diplomificio, che dietro il pagamento di una somma prestabilita rilascerebbe il diploma di maturità» si legge nell'interrogazione presentata in aula dalla deputata Virginia Villani (prima firmataria). «Le accuse lanciate dai media svizzeri, se confermate, dimostrano quanto il sistema scolastico italiano necessiti di una radicale modifica, soprattutto in relazione agli istituti paritari» continua il testo. 

Ecco l'interrogazione completa: 

Il liceo privato «Fogazzaro» di Breganzone, vicino Lugano in Svizzera, è un liceo privato svizzero che prepara gli studenti svizzeri e italiani al conseguimento della maturità italiana;

non essendo il liceo Fogazzaro una scuola parificata, deve inviare i propri studenti presso un altro istituto italiano, al fine di sostenere gli esami per il conseguimento del diploma di maturità da privatisti;

il Fogazzaro, a differenza di molti altri istituti limitrofi, invia i propri studenti presso l'istituto paritario «Papi» di Pomigliano D'Arco, in provincia di Napoli;

nei giorni scorsi su alcuni media locali ticinesi è stata riportata la notizia che in realtà l'istituto Papi pare sia essere un vero e proprio diplomificio, che dietro il pagamento di una somma prestabilita di circa 3000 euro, rilascerebbe il diploma di maturità;

nel corso di questo anno scolastico sono ben 54 i maturandi ticinesi iscritti da privatisti presso l'istituto Papi di Pomigliano D'Arco che devono sostenere l'esame di maturità;

negli ultimi anni sono state decine le segnalazioni e le inchieste, soprattutto nella provincia di Napoli, relative a diplomi a pagamento erogati da diversi istituti campani;

le accuse lanciate dai media svizzeri, se confermate, dimostrano quanto il sistema scolastico italiano necessiti di una radicale modifica, soprattutto in relazione agli istituti paritari –:

se il Ministro interrogato sia a conoscenza della problematica appena descritta e quali iniziative intenda intraprendere al fine di verificare e valutare eventuali violazioni commesse dal liceo Papi di Pomigliano D'Arco;

ove i fatti siano confermati, se non ritenga necessario adottare le iniziative di competenza per revocare la parità scolastica a causa della mancata osservanza dei requisiti previsti dalla legge n. 62 del 2000. 
(4-02249)

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE / SVIZZERA
7 ore
Lotto, vinti oltre 20 milioni. Forse in Ticino
La schedina vincente potrebbe essere stata giocata nel nostro cantone. I numeri estratti: 10, 19, 25, 29, 38, 40 e 2
FOTO
LUGANO
11 ore
Furgone distrutto dalle fiamme in un piazzale a Viganello
Il veicolo ha preso fuoco questo pomeriggio in via agli Orti. Sul posto pompieri e polizia
FOTO
MENDRISIO
16 ore
Bambini e alberi si abbracciano e crescono insieme
Questa mattina è stato ufficialmente presentato il progetto “Alberi della vita – Un albero per ogni bambino”. Obiettivo: «Regalare un futuro sostenibile per i nostri giovani»
VAUD / BELLINZONA
18 ore
Ha moglie e figlia in Ticino, ma l’espulsione è “giusta”
Permessi di dimora non concessi a causa di precedenti penali. Negli ultimi giorni il Tribunale federale ha dato una volta ragione e una torto alle autorità cantonali. Ecco le due storie
FOTO
LUGANO
20 ore
Cinque anni fa la frana che strappò due vite a Davesco
Erano da poco passate le 2.30 del mattino. La pioggia provocò il crollo di un muro di contenimento, che travolse una palazzina
FOTO E VIDEO
MINUSIO
1 gior
L'auto urta un muretto e finisce sul tetto
Nel veicolo, che circolava in direzione di Locarno, c'erano due persone, soccorse dal personale del Salva
CUGNASCO-GERRA
1 gior
In questi wc c'erano strani traffici: fermato un giovane
La polizia è intervenuta nella serata di martedì. Il ragazzo sarebbe stato trovato in possesso di stupefacenti. Coinvolti anche minorenni?
CANTONE
1 gior
I radar sbirciano ovunque... tranne che in Vallemaggia
Controlli della velocità previsti in quasi tutti i distretti la prossima settimana. Rilevamenti semi-stazionari a Golino e Agra
BELLINZONA
1 gior
Amianto killer, tutti uniti per la trasparenza
FFS, sindacati, commissione del personale e Suva in un gruppo di lavoro. «Apprensione e confusione nascono da termini troppo tecnici e la difficile traduzione dal tedesco»
CANTONE
1 gior
Bancomat manomessi, carte clonate e usate in Indonesia
Tre giorni fa è finito in manette un 38enne sul quale pendeva un mandato d'arresto internazionale. La banda colpiva in Ticino e in altri cantoni
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile