SANT'ANTONINO
01.02.19 - 11:440

Marco Bassi presidente del Gruppo d'interesse pomodoro

Per evitare gli sprechi, è stato raggiunto l'accordo sul taglio mirato di alcuni fiori sulle piante, limitando la quantità di produzione durante il periodo delle vacanze estive

SANT'ANTONINO - Marco Bassi è il nuovo presidente del Gruppo d’interesse pomodoro (GIT). La nomina dell’attuale direttore della FOFT e TIOR SA (Federazione ortofrutticola ticinese e della relativa società commerciale TIOR SA) è avvenuta durante l’Assemblea Federale tenutasi mercoledì a Sant’Antonino; una nomina che dimostra quanto il Ticino sia importante a livello svizzero per la produzione del pomodoro.

Da una parte, infatti, Marco Bassi succede a un altro ticinese, Paolo Bassetti, direttore uscente di FOFT e TIOR SA; dall’altra, l’assemblea si è svolta per la prima volta in Ticino, con la presenza di oltre una trentina di delegati.

GIT raggruppa la maggior parte dei produttori svizzeri di pomodoro; produttori che, assieme, rappresentano l’80% circa della produzione indigena di questo ortaggio. 

L’associazione - fondata 4 anni fa - ha l’obiettivo di monitorare la produzione e i processi di mercato alfine di aumentare l’efficienza del settore. Altro compito è quello di coordinare i produttori di pomodori, promuovendo la freschezza e la qualità del prodotto, evitando inoltre gli sprechi alimentari.

«In questo senso - spiega il neopresidente Marco Bassi - durante l’assemblea si è raggiunto un importante accordo per evitare il famoso ‘food-waste’. In base alle positive esperienze di alcuni membri del GIT che, grazie al taglio mirato di un certo numero di fiori sulle piante di pomodori, hanno limitato la quantità durante il periodo delle vacanze; periodo durante il quale, per tradizione, il mercato è caratterizzato da una debole richiesta e un’offerta eccessiva. Questo permette in modo concreto di contenere lo spreco alimentare dovuto a quantitativi invenduti. Visto il successo riscontrato con questa pratica, l’assemblea ha convinto i produttori, che si sono detti d’accordo a generalizzare questo sistema nelle proprie colture, così da evitare sprechi durante il 2019».

TOP NEWS Ticino
LUGANO
54 min
Mettono in scena un incidente per truffare l'assicurazione
Quattro persone sono finite in manette. Una di loro deve rispondere pure di falsità in documenti
CANTONE
2 ore
I divorzi sono in aumento, soprattutto in Ticino
È quanto si evince dai dati provvisori per il 2019 dell'Ufficio federale di statistica
FOTO
ITALIA / CONFINE
3 ore
Coronavirus, quarto morto in Italia
Scaffali dei supermercati di nuovo pieni, ma latitano i disinfettanti. E c'è chi manifesta in dogana
LUGANO
5 ore
Le trappole del finanziamento facile
La trappola delle cauzioni per ottenere denaro che non arriverà mai.
FOTO
BELLINZONA
16 ore
Un corteo da record: oltre 25.000 spettatori
La tradizionale sfilata, cuore del carnevale Rabadan, è stata baciata dal sole. Podio tutto biaschese tra i carri
LUGANO
19 ore
La paura dei treni affollati. «Io lavorerò da casa»
L’effetto Coronavirus si fa sentire anche in alcune aziende ticinesi.
FOTO E VIDEO
BELLINZONA
21 ore
È iniziato il mitico corteo del 157esimo Rabadan
Fra Guggen, gruppi e carri un pomeriggio di festa (e baciato dal sole) in quel di Bellinzona
BELLINZONA
22 ore
Quanta adrenalina, prima del super corteo
È il momento clou del carnevale Rabadan. Il backstage delle ore che lo hanno preceduto
CANTONE
22 ore
Coronavirus: «Nessun caso sospetto in Ticino. Ma siamo pronti»
Lo riferisce il DSS. Domani il gruppo di coordinamento allargato deciderà se attivare nuove misure
CHIASSO
1 gior
Volevano entrare in Svizzera con 225 chili di hashish. Arrestati
Le manette sono scattate per due cittadini stranieri. Entrambi residenti all'estero
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile