CONFINE
31.01.19 - 22:360

Furti, aggressioni, rapine e vandalismo per la "baby gang"

Secondo le indagini la banda nel giro di quattro mesi, tra luglio e ottobre scorsi, aveva colpito una quarantina di volte creando un notevole allarme nella cittadina e in provincia

COMO - Cominceranno lunedì prossimo gli interrogatori di garanzia per i 17 minorenni della "Baby gang di Como" ai quali ieri sono stati notificati provvedimenti cautelari in quanto ritenuti responsabili, a vario titolo, di almeno dieci rapine, un'estorsione, 17 furti aggravati, cinque ricettazioni e una serie di episodi di resistenza a pubblico ufficiale e lesioni.

La giudice per le indagini preliminari (gip) minorile milanese Marina Zelante, su richiesta del pubblico ministero (pm) Annamaria Fiorillo, ha disposto il carcere per cinque, gli arresti domiciliari per altri cinque e la collocazione in una comunità per sette. Si tratta di dodici italiani e cinque stranieri, tutti all'epoca dei fatti tra i quattordici e i 17 anni, e ora due di loro da poco maggiorenni, che, come è emerso dalle indagini, provengono per lo più da contesti familiari problematici, privi di modelli educativi di riferimento. In più il loro andamento scolastico sarebbe stato irregolare.

Secondo le indagini, svolte dalla polizia e dai carabinieri della cittadina lariana coordinate dalla Procura dei minorenni di Milano, la banda nel giro di quattro mesi, tra luglio e ottobre scorsi, aveva colpito una quarantina di volte creando un notevole allarme nella cittadina e in provincia.

Tra i reati contestati ci sono furti in negozi del centro di Como, dove talvolta entravano in dieci o più creando confusione e arraffando quello che potevano, aggressioni e rapine a coetanei, ai quali prendevano soldi o il cellulare, furti di biciclette e alcolici fino alla devastazione di un appartamento di una compagna di classe. Sono stati identificati grazie ai controlli incrociati delle telecamere, testimonianze, ma anche attraverso i profili sui social network.

TOP NEWS Ticino
LUGANO
12 min
A Carona ciak con Roger Federer
L'amato tennista elvetico si trova nel quartiere luganese per le riprese di uno spot
CANTONE
1 ora
Regole chiare per chi vuole lavorare da casa
Il Governo ha approvato il nuovo regolamento sul telelavoro nell'Amministrazione cantonale.
CANTONE
1 ora
Otto nuovi contagi, una persona in ospedale
I casi registrati nel nostro cantone dall'inizio dell'emergenza salgono a 3'363. I decessi restano 350.
MENDRISIO
2 ore
Erbe aromatiche self-service a Mendrisio
La città ha lanciato un nuovo progetto didattico e sociale che strizza l'occhio al verde.
FOTO E VIDEO
CASTIONE
4 ore
Tamponamento a catena tra quattro veicoli, un ferito
Chiusa la corsia in direzione nord, il traffico viene deviato. Sul posto polizia e ambulanza
CANTONE
5 ore
Case di lusso: il lockdown non ferma gli italiani
La gestione della pandemia da parte della Confederazione piace ai compratori della penisola
CANTONE
7 ore
Trasferirsi in Ticino? C'è chi ti aiuta psicologicamente
Dalle pratiche burocratiche, alla scuola dei figli. Fino a toccare la sfera affettiva. C'è chi si occupa di tutto
CANTONE
7 ore
Il lockdown è finito, ma il cielo resta (ancora) blu
Anche a luglio la qualità dell'aria continua a beneficiare del calo del traffico durante il lockdown
FOCUS
16 ore
Viaggio nell'inferno delle torture siriane
Benvenuti a Coblenza, nel primo processo della storia per crimini contro l’umanità in Siria
AGNO
18 ore
Dopo tanta paura vera, i brividi del Luna Park
L'estate luganese non rinuncia al divertimento all'aperto
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile