tipress
BELLINZONA
01.02.19 - 09:100
Aggiornamento : 12:44

Le chiedono di pagare, ma non ha neanche l’auto

Ancora confusione attorno all’autostrada Pedemontana Lombarda. I gestori: «Gli errori capitano». Intanto, chi non paga rischia multe salate. Il TCS: «Giusto adeguarsi»

BELLINZONA – Le hanno chiesto di pagare il passaggio lungo la Pedemontana. Ma lei, una 71enne del Bellinzonese, non aveva neanche più quella macchina. Le targhe, come confermato da un documento della Sezione della circolazione di Camorino, le aveva consegnate da un anno. È solo uno dei tanti curiosi aneddoti inerenti il tratto autostradale lombardo, molto frequentato dai ticinesi che si recano a Malpensa ad esempio. C’è anche chi, come un 36enne locarnese, ha ricevuto da pagare il passaggio per giorni in cui la sua auto era nell’officina di un garage. Un altro ragazzo di Camorino, invece, si trovava a Ibiza, al momento del presunto passaggio della sua macchina dalla Pedemontana.

Una seccatura da posticipare – Quello che a noi sembra fantascienza in realtà è un sistema adottato già da tempo in Stati come il Portogallo o la Nuova Zelanda. Attraversi la Pedemontana. I rilevatori automatici riprendono il tuo numero di targa. E poi ti arriva la fattura del passaggio da pagare. Ma se vai in posta, ti tocca aggiungere 5 euro di spese. Meglio dunque pagare online. Per molti, soprattutto in una nazione abituata alla vignetta autostradale, una seccatura spesso posticipata. Finché arriva il richiamo, con relative spese amministrative.

Il giro di vite – La free flow lombarda continua a mietere vittime in Svizzera. E dallo scorso giugno c’è pure stato un giro di vite. Se uno non paga, il suo nominativo viene segnalato alla polizia e rischia sanzioni pesanti. La multa può variare da 85 a 338 euro. E, in casi eccezionali, si può arrivare anche al ritiro della patente. Intanto, c’è chi mugugna. Di recente una signora del Luganese ha raccontato al periodico “L’inchiesta” di avere ricevuto parecchi solleciti per non avere pagato, per tempo, la Pedemontana. Ogni volta con spese aggiuntive significative.

La targa può essere sporca – Da quando, nel 2015, la Pedemontana è diventata a pagamento le lamentele si sono moltiplicate. Anna Tino, collaboratrice della Nivi Credit, società che gestisce e recupera i crediti per il tratto autostradale in questione, fa il punto della situazione. «Gli errori possono capitare. E quando ci vengono dimostrati, ovviamente non facciamo pagare il passaggio all’automobilista. I sistemi di rilevamento sono automatici. Può accadere, ad esempio, che la targa sia un po’ sporca e dunque poco visibile. Su milioni di veicoli di passaggio ci sta che ci sia qualche errore».   

I miglioramenti ci sono – Tino non si nasconde. «Ci sono stati dei problemi. Però ci sono stati anche tanti miglioramenti. Ad esempio, a livello di segnaletica. Non sono solo gli stranieri ad avere avuto difficoltà con la Pedemontana, ma anche gli italiani. È un sistema che necessita di tempo per essere assimilato. La nostra azienda, comunque, è a fine mandato».

La nuova gestione – Nel frattempo, infatti, il timone è passato alla Ge. Ri. Srl. «Effettivamente – ammette Silvia Massaro, addetta alla comunicazione – nel tempo a livello di informazioni ci sono state delle mancanze. In Svizzera poi capita che un’auto usata venga venduta a qualcun altro con il numero di targa. E quindi, in linea teorica, può capitare che la fattura da pagare arrivi al vecchio proprietario. Così come per ragioni del sistema informatico può accadere che la data del passaggio segnalata sulla richiesta di pagamento non corrisponda alla data effettiva. Sono tutti dettagli che si sta cercando di migliorare».  

Ritardatari non giustificati – Renato Gazzola, portavoce del Touring Club Svizzero, ha un’opinione ben chiara. «Che ci siano degli errori è comprensibile. In Svizzera, tra l’altro, abbiamo numeri di targa delle auto che sono identici a quelli delle moto. Può esserci anche un simile disguido dunque. Questo non giustifica, tuttavia, chi rimanda continuamente il pagamento del tratto autostradale. I ticinesi lo usano spesso per andare all’aeroporto di Malpensa. È giusto che si informino e che si adeguino. Inutile criticare gli italiani e il loro sistema. Anche noi abbiamo la vignetta e non piace di certo a tutti».

Ecco cosa devono fare i ticinesi – Gazzola è categorico. «Adesso ci sono un sacco di mezzi per pagare, per tempo, la Pedemontana. Sia attraverso il sito online, sia con l’applicazione per cellulari. Oppure anche annunciandosi presso la sede del TCS di Rivera. Non ci sono scuse. Non è possibile che ci sia ancora gente che si fa rincorrere dai responsabili della Pedemontana. Il problema è che non ci si informa abbastanza. Se si vorrà continuare a viaggiare in Italia, occorrerà farlo. I caselli li tengono in piedi perché ci sono posti di lavoro in ballo. Ma il futuro sta nel sistema free flow».

Commenti
 
chiodone50 10 mesi fa su tio
Il tempoé denaro, mi costa meno pagare il noleggio del Telepass ( che mi fà evitare anche parecchie file ai caselli ) che passare ore al computer a pagare i pedaggi, mi risulta anche che l'Italia abbia tempo un anno per intimare il pagamento della multa tramite le agenzie di riscossione, certo é che con questo sistema si risparmia sui casellanti alla faccia della disoccupazione !
francox 10 mesi fa su tio
Ma che cavolo di sistema a zone hanno inventato? Neanche in Uganda....
Pulentaebrasaa 10 mesi fa su tio
Poche balle, io la Pedemontana la uso correntemente ed il sistema di pagamento online funziona BENISSIMO! Quindi che la si percorra una volta all'anno o dieci volte al mese, i mezzi per pagare ci sono e funzionano a dovere.
SosPettOso 10 mesi fa su tio
@Pulentaebrasaa @Pulentaebrasaa: ah, "...il pagamento online funziona BENISSIMO!...". L'articolo parla di una signora che non ha più l'auto, di uno che era a Ibiza e l'altro che aveva l'auto in officina...
dudo 10 mesi fa su tio
L'ho fatta un paio di volte all'inizio, con i relativi problemi di pagamento. Ho risolto: non la faccio più e per andare a Malpensa torno sulla Laghi e pago al casello. Il tempo che ci s'impiega non cambia poi di molto ed evito seccature.
Jampi 10 mesi fa su tio
Vi rvelo un segreto per evitare queste seccature come faccio io. Da almeno 5 anni non vado più in Italia .
lügan81 10 mesi fa su tio
chiesto a piu riprese di pagare il passaggio che ho fatto 2 anni fa perche sono arrivato al tcs a pagare al 15 giorno ma non si poteva gia piu pagare.... mi hanno detto che arriverà il richiamo..lo sto ancora aspettando...
SosPettOso 10 mesi fa su tio
Per chi la percorre una volta l'anno 5.-fr di spese sono un'inezia che non valgono il tempo che si perde fermandosi al TCS di Rivera. Problematico però è che sembrano aumentare gli errori, che "il sistema" rilevi la targa ma "sbagli" i giorni,... affibbiando i costi al detentore sbagliato. Si corre il rischio di "targare" un veicolo e vederselo sequestrare appena fuori dalla dogana per colpa del precedente detentore delle targhe.....e del sistema italiano che sbaglia le date!
chiodone50 10 mesi fa su tio
Telepass noleggiato dal TCS comodissimo, evita colonne, evita di perdere tempo a pagare i pedaggi, Fr. 70.00 ben spesi, certo se si percorre la Pedemontana 1 volta l'anno non é il caso
sedelin 10 mesi fa su tio
se utulizzassero il casello classico, impiegherebbero manodopera e non esisterebbero questi problemi.
sedelin 10 mesi fa su tio
@sedelin *utilizzassero
GI 10 mesi fa su tio
stupisco sempre quando "sgorgano" lamentele sulla Pedemontana....ho fatto un conto targa al momento della messa in esercizio dei rilevatori.....non ho MAI avuto problemi....eppure frequento questa autostrada abbastanza regolarmente.....sarò un'eccezione che conferma una regola ??
sedelin 10 mesi fa su tio
@GI pare di sì...
Pulentaebrasaa 10 mesi fa su tio
@GI No, non sei l'unico e confermo in toto. E' ora di finirla di lamentarsi sempre, in modo gratuito con tanti bla bla bla di chi la Pedemontana non la usa mai. Vedi anche mio commento sopra.
Bandito976 10 mesi fa su tio
Oggi non son piú capaci di lavorare, il computer vomita la fattura e nessuno controlla, in busta e via. E posso affermare che d'appertutto é cosí.
Diablo 10 mesi fa su tio
nel 2019 assurdo dove perdere tempo dopo a cercare, perche fino a poco tempo fa era un impresa di pagare la Pedemontana.....sistema da terzo mondo..anche se non é una giustificazione per non pagare ..e chi non lo fa va sanzionato....
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
1 min
«Sommersi di telefonate, i dipendenti sono spaventati»
Licenziamenti alla EFG. Nella banca c'è un clima «di paura» per un possibile smantellamento. L'allarme dell'ASIB
CANTONE
1 ora
La difesa: «Ha reagito per rabbia e frustrazione»
Il legale del ventiquattrenne a processo per il delitto di Caslano si è battuto per una pena non superiore agli undici anni
CANTONE
3 ore
Uccise la nonna «per vendetta»
L’accusa ha chiesto una condanna di sedici anni, sospesa a favore di un trattamento stazionario, nei confronti dell'autore del delitto di Caslano
CANTONE
3 ore
Pronzini sbotta contro Gobbi: «Non si permetta di paragonarmi alla Stasi»
«Ribadisco a tutti di rimanere nei limiti del rispetto delle persone», ha detto Claudio Franscella rivolgendosi a entrambi e all'aula
FOTO E VIDEO
LUGANO
4 ore
I bambini davanti a un quadro di Van Gogh. Le loro reazioni
Stupore e incredulità dei più piccoli di fronte alla mostra virtuale che ha già registrato 10.000 visitatori. Le risposte più divertenti dei bimbi
FOTO E VIDEO
BELLINZONA/ANCONA
6 ore
Scontro burocratico al porto: resta a terra con la merce per i terremotati
Il viaggio umanitario di Besnik H., classe 1976, partito dal Ticino subisce una brusca frenata nelle Marche. Ecco il video che mostra ciò che è successo
CANTONE / BERNA
6 ore
Il Governo ticinese si congratula con Cassis
«L’auspicio è che la sua presenza continui ad aiutare a comprendere meglio le sfide alle quali è confrontato il Ticino e porti un contributo alla coesione nazionale»
CANTONE
7 ore
«L'avanzata dei Verdi non stravolge la formula magica»
IL PLRT applaude la conferma di Cassis e critica Verdi e socialisti per aver «voltato le spalle all’unico rappresentante della Svizzera che parla e pensa in italiano»
CANTONE
8 ore
Il nipote che uccise la nonna: «Volevo solo minacciarla, ma poi l’ho colpita»
Si è aperto il processo per il delitto di Caslano del luglio 2018. Fu un gesto premeditato?
CANTONE
10 ore
Ogni giorno da Novazzano a Milano «pur di lavorare»
Architetti in fuga dal Ticino. La storia di Chiara Bernasconi, 33enne di Novazzano, è il simbolo di un settore in affanno
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile