LUGANO
30.01.19 - 09:150

Fare impresa: il sostegno di Cantone e Comuni

Un'ottantina di persone hanno partecipato all'evento, di categorie professionali differenti, ascoltando i suggerimenti

LUGANO - Si è svolta ieri sera la conferenza pubblica “Avviare un’attività in proprio: atto di coraggio o spirito imprenditoriale?”, organizzata dal Servizio interdipartimentale del Dipartimento delle finanze e dell’economia (DFE) e del Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport (DECS) Fondounimpresa, in collaborazione con la Città di Lugano e LuganoNetWork.

Dopo il successo riscosso, lo scorso 16 gennaio a Locarno, dall’evento “Fare impresa, un’impresa possibile”, la folta partecipazione alla conferenza di ieri sera a Lugano “Avviare un’attività in proprio: atto di coraggio o spirito imprenditoriale?” ha confermato il forte interesse per il tema dell’auto-imprenditorialità. Al Palazzo dei Congressi di Lugano, infatti, si sono presentate circa 80 persone, di categorie professionali differenti, che con grande interesse hanno ascoltato i suggerimenti degli esperti in materia, rivolti a chi sta valutando l’ipotesi di avviare una propria attività imprenditoriale.

Il Consigliere di Stato Christian Vitta ha ricordato l’importanza, per il DFE e per il Cantone, del tema del sostegno a chi fa impresa e a chi desidera avviare una propria attività indipendente, testimoniato anche dalla significativa offerta del Servizio interdipartimentale DFE-DECS Fondounimpresa (www.fondounimpresa.ch), da oltre un decennio l’attore di riferimento ticinese nell’ambito dell’autoimprenditorialità. Ricordando in seguito che le numerose misure a sostegno delle varie tipologie di imprenditorialità sono riassunte sul Portale dell’innovazione e dell’imprenditorialità www.ti.ch/portaleimpresa, il Consigliere di Stato è tornato ad evidenziare alcune cifre importanti – ottenute anche grazie ai collaboratori del Servizio Fondounimpresa – e relative soprattutto al successo dei corsi offerti (a cui partecipano, in media, un centinaio di persone all’anno) e delle attività di coaching e consulenza (circa 300 imprenditori seguiti annualmente) e al tasso di sopravvivenza delle aziende.

A questo proposito, secondo un’indagine condotta annualmente tra i beneficiari degli aiuti concessi con la L-rilocc, si attesta che oltre il 75% delle imprese sono ancora attive a tre anni dal loro avvio. A loro volta, esse permettono di «generare nuova occupazione, grazie alle diverse decine di posti di lavoro creati» (nel 2017 47 aziende hanno assunto 91 dipendenti, di cui 23 erano disoccupati). Si crea così «un circolo virtuoso a beneficio dell’occupazione, dell’economia e della valorizzazione delle professionalità e delle competenze presenti in Ticino».

Durante la conferenza sono intervenuti pure il Municipale della Città di Lugano, Lorenzo Quadri, il Capoufficio dell’Ufficio della formazione continua e dell’innovazione, Furio Bednarz, i consulenti di LuganoNetWork e i consulenti del Servizio Fondounimpresa.

Secondo il Municipale della Città di Lugano, Lorenzo Quadri, il sostegno dell’occupazione è parte integrante delle Linee di sviluppo 2018-2028 emanate dal Municipio e l’obiettivo esplicitato di una Città attenta all’occupazione – che promuove una politica di sostegno alle persone alla ricerca di impiego e di accompagnamento nel recupero formativo per giovani – si traduce in un orientamento strategico finalizzato allo sviluppo sostenibile della città stessa. «Offrendo misure di conciliabilità tra famiglia e lavoro, come i nidi d’infanzia comunali e le strutture extrascolastiche (asili ad orario prolungato, mensa e doposcuola), promuovendo l’integrazione professionale e incrementando la disponibilità di programmi occupazionali (AUP), il Municipio persegue una politica economicamente e socialmente responsabile». In particolare, con il servizio LuganoNetWork, la Città intende favorire una crescita economica inclusiva collaborando con molte aziende del territorio, perché «lavorare in rete con i partner locali evidenzia una cultura comune condivisa a partire dalla quale anche l’ente pubblico può proporre strategie, misure attive e interventi a sostegno dell'occupazione».

TOP NEWS Ticino
FOTO E VIDEO
MINUSIO
5 ore
L'auto urta un muretto e finisce sul tetto
Nel veicolo, che circolava in direzione di Locarno, c'erano due persone, soccorse dal personale del Salva
CUGNASCO-GERRA
7 ore
In questi wc c'erano strani traffici: fermato un giovane
La polizia è intervenuta nella serata di martedì. Il ragazzo sarebbe stato trovato in possesso di stupefacenti. Coinvolti anche minorenni?
CANTONE
9 ore
I radar sbirciano ovunque... tranne che in Vallemaggia
Controlli della velocità previsti in quasi tutti i distretti la prossima settimana. Rilevamenti semi-stazionari a Golino e Agra
BELLINZONA
10 ore
Amianto killer, tutti uniti per la trasparenza
FFS, sindacati, commissione del personale e Suva in un gruppo di lavoro. «Apprensione e confusione nascono da termini troppo tecnici e la difficile traduzione dal tedesco»
CANTONE
11 ore
Bancomat manomessi, carte clonate e usate in Indonesia
Tre giorni fa è finito in manette un 38enne sul quale pendeva un mandato d'arresto internazionale. La banda colpiva in Ticino e in altri cantoni
CANTONE
12 ore
È record di castagne, non succedeva da 13 anni
Era il 2006 l’ultimo anno in cui si sono superate le 50 tonnellate. L'incubo del cinipide è stato ufficialmente superato
CANTONE / SVIZZERA
14 ore
Neve: meno del previsto in Ticino, ma oltre Gottardo...
Paesaggi invernali nel Grigioni e nel Vallese
COLDRERIO
17 ore
Ferite troppo gravi, lo scooterista non ce l'ha fatta
Il 43enne, vittima dell'incidente avvenuto lo scorso 10 novembre in via San Gottardo, è deceduto in ospedale
LUGANO
17 ore
In manette un membro della "gang" di Youtube
Si esibiva con una pistola in un discusso video trap. È stato arrestato in un'inchiesta su armi e droga. Denunciato anche un secondo ragazzo
LUGANO
18 ore
Il PLRT fa i conti in tasca a Lorenzo Quadri: «Guadagna 200.000 franchi all’anno»
Il duro attacco del PLRT contro il direttore del Mattino: «Ha un interesse personale nel continuare con la sua verità perchè vive di politica e quindi difende la sua pagnotta»
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile