Tio.ch / 20 minuti
+6
CANTONE
23.01.19 - 12:430
Aggiornamento : 17:02

«I visitatori arrivano chiacchierando, se ne vanno in silenzio»

A conclusione di “Lugano città aperta”, l’Usi ha ospitato stamattina il direttore del Museo di Auschwitz-Birkenau Piotr Cwyiński

LUGANO - «Il nostro non è un museo storico, ma fenomenologico. Non vogliamo dare risposte, quello che dobbiamo garantire è l’inquietudine morale sui tempi contemporanei». Sono alcune delle parole usate da Piotr M.A. Cywiński, Direttore dell’Auschwitz-Birkenau State Museum, che stamattina ha tenuto una conferenza all’Usi.

Il tristemente noto campo di concentramento e di sterminio degli ebrei provenienti da tutta Europa oggi accoglie milioni di visitatori ogni anno. L’intento del museo non è solo quello di mostrar loro ciò che successe durante la II Guerra mondiale - «chi viene da noi conosce già la storia» - ma di educarli. Grazie anche a 320 guide, in 20 lingue diverse: «Non credo esista un altro museo al mondo con questi numeri».

Ad Auschwitz non si rivive dunque solo la storia, ma si vive l’autenticità del posto, «un elemento centrale da proteggere». Autenticità e educazione, per non dimenticare. Per evitare tragedie come il genocidio che ha avuto luogo in Birmania l’anno scorso, «nel silenzio più completo del mondo». «Se non si fece nulla 80 anni fa, in tempo di guerra, come è possibile che non si faccia nulla ora in tempo di pace?» ha chiesto retoricamente ai presenti.

Per chi visita il museo - ha spiegato ancora Cywiński - si tratta di un rito di passaggio: «La gente entra chiacchierando e sorridendo ed esce in silenzio, spesso piangendo. E quando succede abbiamo raggiunto l’obiettivo».

Tradizione umanitaria ticinese - Ma se il piattoforte della mattinata era la conferenza del direttore del Museo di Auschwitz-Birkenau, c’è stata anche l’occasione per fare un bilancio di “Lugano città aperta”, una serie di eventi organizzati negli ultimi dodici mesi «per valorizzare la tradizione umanitaria di Lugano e della Svizzera italiana verso chi ha subito l’oppressione politica, la persecuzione razziale e religiosa e la negazione della libertà».

Sembra passata una vita da quando - era gennaio 2009 - il Garni S. Carlo di via Nassa veniva sgomberato dai profughi, ospiti da un paio di mesi della struttura. Donne e bambini dovettero lasciare l’hotel a seguito di quello che venne definito «un ultimatum» o «un diktat» del Municipio.

«Lugano oggi è una città aperta» - Esattamente dieci anni dopo «Lugano è una città aperta. Non a parole, con i fatti», ha detto con un certo orgoglio Marco Borradori. «Quando mi hanno proposto l’idea di questi appuntamenti mai avrei pensato che si sarebbe aperto davanti a me un mondo che non conoscevo e che mi ha arricchito», ha aggiunto il sindaco di Lugano parlando degli atti di altruismo compiuti da persone comuni - i Giusti, omaggiati con un giardino inserito nel Parco Ciani - «che non hanno avuto timore nel dare una risposta al male che vedevano».

L’importanza della memoria - Fra le varie autorità presenti, è intervenuto anche il direttore del Dipartimento delle Istituzioni Norman Gobbi, il quale ha posto l’accento sull’importanza della memoria: «Ricordare è faticoso, ma è utile perché ci mette di fronte al nostro passato e ci aiuta a comprendere il presente e a responsabilizzarci per il futuro». I Professori Stefano Prandi e Giacomo Jori (USI) e il direttore dell’Archivio storico della Città Pietro Montorfani hanno invece presentato gli Atti di “Lugano città aperta”, che ripercorrono il progetto arricchiti dai contributi dei Giusti luganesi: Francesco Alberti, Carlo Sommaruga, Anna Maria Valagussa e Guido Rivoir.

Tio.ch / 20 minuti
Guarda tutte le 10 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Hardy 1 anno fa su tio
Ci sono stato di recente, e ho in programma di ritornarci in compagnia di alcuni amici che desiderano visitarlo. È un'esperienza profondamente diversa dalle visite turistiche che usualmente si fanno, e io ne sono rimasto parecchio colpito. Una volta visitato Auschwitz stentavo a credere che l'umanità fosse arrivata a tanto, per giunta piuttosto di recente.
KilBill65 1 anno fa su tio
Trovo giusto che dicendo che i visitatori del Museo di Auschwitz-Birkenau entrano parlando e escono in silenzio o piangendo!!...Il messaggio e' giusto educativo, nel far capire questa crudelta' nel periodo della seconda guerra....La speranza che nella difficile epoca umana, non succedano piu' cose del genere.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE / SVIZZERA
1 ora
Quando "la plastica" si vede nella pipì dei bambini
Trovate anche tracce di bisfenolo A, classifica come sostanza con effetti tossici
CANTONE / URI
3 ore
Le vacanze autunnali bloccano il San Gottardo
La coda al portale nord della galleria ha già toccato i 10 chilometri
FOTO
CANTONE
11 ore
«In classe distanti, sui bus ammassati»
Azione di protesta quest'oggi in diversi istituti scolastici.
CANTONE
14 ore
Beccato dal radar a 100 km/h sui 50, poliziotto a processo anche se era un'emergenza
Il prossimo 9 ottobre un agente della Cantonale sarà giudicato alle Assise correzionali di Lugano
CHIASSO
16 ore
Pelli all'asta
La curiosa vendita all'incanto organizzata dall'Ufficio di esecuzione
CANTONE
18 ore
I radar risparmiano (ancora) solo la Valle di Blenio
La prossima settimana i controlli della velocità mobili avranno luogo in sei distretti su otto.
BELLINZONA
18 ore
Mamme tremende, col SUV quasi in classe
Nuove segnalazioni dalla zona delle scuole nord. Il municipale Roberto Malacrida: «Chiediamo più rispetto».
FOTO E VIDEO
MELANO
19 ore
Il vento sradica una pianta e fa cadere alcuni pannelli
A Melano un albero dalle dimensioni notevoli ha ostruito la strada Cantonale.
FOTO
BELLINZONA
20 ore
La capitale non ne può più dei vandali
Sui nuovi moduli prefabbricati delle Scuole elementari Nord sono apparse diverse scritte.
LOCARNO
21 ore
«Affitto spropositato che mette a rischio il Casinò»
La casa da gioco fa la voce grossa con la locatrice Kursaal Sa
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile