foto tio/20min/Giordano
LUGANO
18.01.19 - 08:080
Aggiornamento : 13:15

Doveva essere mangiato, adottato in Ticino

È arrivato sul Ceresio il piccolo Jack: è la prima volta che in Svizzera viene adottato un cane salvato dai "macelli" cinesi

LUGANO. Si chiama Jack. È arrivato lunedì con un volo dalla Cina, dove era predestinato a finire arrosto in qualche ristorante. Da Malpensa i volontari lo hanno portato a Lugano, in una casa di Breganzona. «Ora è ancora timoroso, ma si sta ambientando» assicura la sua nuova padrona, Ramona. È la prima famiglia in Ticino ad adottare un cane proveniente dalla fiera di Yulin, la manifestazione nel sud della Cina dove migliaia di cuccioli vengono uccisi e mangiati ogni anno.

I volontari ticinesi della rete animalista Action Project Animals (Apa) hanno affrontato un volo di 14 ore per andare a prenderlo. Un viaggio nella “filiera dei cuccioli” documentato e filmato da tio/20minuti e dallo smartphone di Davide Acito, 31enne che da Bellinzona, dove vive, ha già compiuto diverse missioni di salvataggio canino in Cina. 

«In genere le trasferte durano due settimane, e vi prendono parte cinque attivisti. Il costo è elevato, è necessario noleggiare un camion per raccogliere gli animali dalla strada». Poi ci sono le spese per le cure, e l'iter burocratico. Importare in Svizzera animali randagi comporta procedure complesse: «È la prima volta che ci riusciamo» racconta Acito soddisfatto. In Cina l'associazione ha anche allestito un centro dove può ospitare «fino a un centinaio di cani alla volta», grazie alla donazione di una stilista animalista italiana.

«Il supporto economico di chiunque voglia sostenerci è molto importante» è l'appello dell'associazione. «Questi animali vengono allevati e torturati in condizioni orribili, in onore a una superstizione crudele». Quando è stato trovato dai volontari Jack aveva un anno ma era magrissimo e denutrito. Oggi «gli è rimasta la paura, ma è molto vivace e sempre in cerca di coccole» racconta Ramona.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
SONDAGGIO
CANTONE
34 min

Taglia l'erba alle 19.30: arriva la polizia e lo ferma

Scena surreale sulle colline di Cugnasco-Gerra. Eppure i regolamenti comunali parlano chiaro. Il comandante Dimitri Bossalini: «Qualcuno ha richiesto il nostro intervento»

CANTONE
2 ore

Vuole fare il volontario: ma il curatore gli mette limiti

La vicenda di un cinquantenne bellinzonese, attivo nei City Angels, riapre il dibattito sulle persone sotto tutela. Fino a che punto si può spingere l’autorità?

CANTONE
3 ore

L'allarme Cinipide è rientrato:  «Ci sarà un buon raccolto di castagne»

La ricomparsa delle "galle" sugli alberi aveva fatto temere un ritorno dell'insetto dannoso: «Ma anche l'antagonista è in azione. L'equilibrio è ristabilito» dice il capoufficio della selvicoltura

CANTONE
12 ore

Prima i permessi falsi, ora i tentati furti

Il processo per i permessi è stato rinviato in quanto uno degli imputati è l’uomo arrestato per i colpi al bancomat di Sant’Antonino

CADENAZZO
13 ore

L'ombra del 5G sul palazzo a luci rosse

Presso lo stabile dell'ex "Bosco" sono già sorte le modine per piazzare l'antenna. La domanda di costruzione è appesa all'albo. Intanto, nell'ombra si muove l'opposizione

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile