TiPress - foto d'archivio
CANTONE / CONFINE
29.12.18 - 11:520
Aggiornamento : 13:24

Gli svizzeri non pagano le multe? Como corre ai ripari

Sono due le misure messe in atto dalla polizia cittadina. Da Ponte Chiasso i dati dei possessori delle targhe, per trasmettere la contravvenzione al domicilio

COMO - Un milione e 250mila euro. È questa la cifra a cui ammonta il totale delle multe mai pagate dai cittadini svizzeri che hanno commesso infrazioni stradali a Milano durante lo scorso anno. Ne abbiamo parlato negli scorsi giorni, dopo il servizio di Striscia la notizia. Un problema che riguarda anche Como, che lamenta un mancato introito annuale di circa 300mila euro.

Proprio la città di confine ha escogitato due sistemi sperimentali per porre rimedio al buco economico derivante dalle contravvenzioni non pagate. Le misure sono state presentate dal comandante della polizia locale Donatello Ghezzo a La Provincia.

La prima consiste nell’affidare a una società specializzata nel recupero crediti le multe mai pagate non in prescrizione relative al 2015. In moltissimi casi, però, non si risolve nulla, perché la riscossione coattiva per un cittadino straniero non è prevista dalla legge e il sistema svizzero non riconosce esecutività ai titoli emessi in Italia.

Un altro metodo, invece, potrebbe portare i suoi frutti. La polizia ha deciso infatti di avvalersi del Centro di cooperazione doganale di Ponte Chiasso per ottenere i dati dei possessori delle targhe svizzere multate a Como. In questo modo la contravvenzione può essere inoltrata in tempi brevi all’indirizzo giusto su territorio ticinese ed elvetico «e ci sono buone possibilità - conclude il comandante - che venga saldata».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Alberto76 1 anno fa su tio
Dunque se andiamo in Venezuela anche noi elvetici ci possiamo a mettere a sparar per strada, perché “lo svizzero si adegua”? Un po’ di civiltà senza straparlare perché non penso senza gli italiani in Ticino, che non mi risulta siano 65000 solo i frontalieri, siano banditi delle strade. Mettiamo 65000 svizzeri sulla Como chiasso e poi vediamo chi si sa adattare meglio ??
beta 1 anno fa su tio
Strano che , ed é solo uno dei tanti esempi, nella galleria dopo la dogana di Gandria c'é sempre un qualche svizzero che sorpassa anche se c'é la doppia riga e il limite di 70 km/h ? NO; non sono svizzeri ma italiani con targa italiana .
Bleniese 1 anno fa su tio
Io non ho mai preso multe in Italia ma conosco gente che le ha pagate senza fare problemi, perchè notificate dalle Autorità e da pagare per il tramite una società (Nivi Credit, o qualcosa del genere). Chi oltre a non rispettare le leggi o i limiti non paga le multe è disonesto..di quà e di là del confine e chi è maleducato all'estero in genere è maleducato anche in Patria. Però basta, p.f., dare voce a queste polemiche che altro non sono che reazioni stizzite al licenziamento di quei bravi italiani che per una multa hanno espresso il meglio di loro sui social contro i nostri agenti di polizia che hanno fatto il loro dovere come, giustamente, lo fanno gli agenti di Como e di tutte le città civili. Perciò sia svizzeri che italiani che cittadini di ogni altro Paese, se vi beccate una multa pagatela e imparate a rispettare le leggi.
chiodone50 1 anno fa su tio
Le poche multe che ho preso in Italia le ho sempre pagate, hanno un anno di tempo per inviartele tramite un'agenzia di riscossione, quanto sia legale non lo sò, però erano multe giuste e le ho pagate, mi piacerebbe sapere se il traffico SELVAGGIO che si trova sulle autostrade italiane ( e non sono tutte targhe svizzere ) viene sanzionato. Mai fatto p.e. la Milano Brescia ? lì non sono multe di posteggio, si rischia la pelle tutte le volte
Nmemo 1 anno fa su tio
Maleducazione, menefreghismo e stupidità non detengono nazionalità. Sono propri della persona. Anche la targa, come “il saio”, “non fa il monaco”.
nessuno 1 anno fa su tio
quando si è all'estero ci si deve comportare ancora meglio che quando si è in patria, gli sbagli, gravi o piccoli si pagano senza discutere. se non si è d'accordo si rimane a casa. diamone un taglio di fare brutte figure.
Bandito976 1 anno fa su tio
Sulle multe e certi comportamenti da parte del cittadino elvetico ci puó anche stare. Peró comincino a dare il buon esempio gli italiani, perchè sembra di stare nel paese dei balocchi, dove ogniuno fa quello che vuole. Sapendo che tanto non controlla nessuno. Di conseguenza il cittadino elvetico si adegua allo stile di guida ed ai posteggi selvaggi esattamente come si comportano gli italiani nel proprio ed altri paesi.
Danny50 1 anno fa su tio
Buon metodo per far passare la voglia di andare a lasciare soldi in Italia. Con questi comportamenti avranno meno soldi freschi dagli svizzerotti che forse acquisteranno prodotti genuini in casa in negozi puliti, con addetti educati (anche se frontalieri).
RV50 1 anno fa su tio
@Danny50 Perché andare in Italia a fare compere ti deve permettere di non pagare le contravenzioni dovute al tuo comportamento arrogante di fare tutto quello che quì in Ticino non puoi fare. Io sono un cittadino Svizzero da generazioni ma non mi permetterò mai di tali comportamenti ; anzi a volte mi disgusta vedere certe ignoranze fatte . Io vado in Italia a fare spesa ma ciò non mi da il diritto a comportarmi da arrogante ; ( purtroppo o per fortuna non tutte le auto con targa TI é sempre guidata da uno Svizzero da buon intenditore poche parole)
Alberto76 1 anno fa su tio
@RV50 La civiltà non appartiene a tutti. Educa i bambini e non sarà necessario poi punire gli uomini. (Pitagora)
buonumore 1 anno fa su tio
Chi ha ricevuto una multa, la paghi, che sia stata presa a Como o a Paperino (Toscana). Distinguiamoci!
Tio1949 1 anno fa su tio
Dai che se andiamo avanti così,ce la facciamo a sorpassare la vicina penisola in irregolarità.
navy 1 anno fa su tio
In Italia per delle multe legate ai divieti di sosta commessi da stranieri si danno da fare e fanno bene! Se queste auto elvetiche sono fuori posto chi ne è proprietario ne deve pagare le conseguenze! Sia svizzero col sangue blu o meno! In Svizzera, nonostante le decine di fallimenti, mancati versamenti dei contributi salariali, IVA, affitti ecc non onorati da faccendieri per lo più provenienti dalla vicina penisola le autorità non fanno niente o comunque troppo poco! Italia 1 : Svizzera 0!!!!
rojo22 1 anno fa su tio
A me, le multe prese in Italia, arrivano per posta. O tramite una società di incasso o direttamente dal comune dove ho commesso l’infrazione. Strano è Che la cosa non funzioni a Como e Milano. Imparino dagli altri comuni. Non mi sembra molto complicato...
sedelin 1 anno fa su tio
cittadini con targhe svizzere non significa "svizzeri".
cle72 1 anno fa su tio
@sedelin Ma anche! Quello preso da striscia la notizia era Svizzero al 100%
Um999 1 anno fa su tio
@sedelin Ma non significa neanche che non lo siano, non mi sembra che i calendari siano stati riempiti solo da santi Svizzeri
aquilasolitaria 1 anno fa su tio
@sedelin e con questo vuoi dire che io posso andare dove voglio fregandomene delle leggi del paese dove vado ? mi sa tanto che sei il primo fatto svizzero e di quelli che ragionano come te bisogna guardarsi le spalle perché siete i peggiori
Tio1949 1 anno fa su tio
@sedelin esci dal cratere,ma porta anche il cervello.Non siamo santi,solo che la gente vede solo quello che vuole vedere. Non siamo immuni (anzi)in certi campi facciamo scuola.
Alberto76 1 anno fa su tio
@Tio1949 Obiettivo, concordo e condivido
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
49 min
"Securini" nel limbo, Gobbi: «Tutto è nelle mani delle Questure»
Il consigliere di Stato invita le agenzie di sicurezza e investigative a fare pressione sulle autorità italiane
CANTONE
3 ore
I cantoni latini invocano il mini-lockdown
Il Ticino e i cantoni francesi chiedono a Berna un inasprimento delle misure
FOTO E VIDEO
LUGANO
4 ore
Ecco i robot che prendono l'ascensore e portano i medicinali in tutto l'ospedale
Due mezzi autonomi della Posta sono entrati in servizio negli spazi del Civico di Lugano
VIDEO
BELLINZONA
6 ore
Tanto verde al posto delle Officine
È stato presentato questa mattina il progetto scelto quale base per la futura pianificazione del comparto.
CANTONE
7 ore
In Ticino superati i 5mila casi
Il bollettino giornaliero del medico cantonale. Sono 123 i nuovi positivi, 9 in più i ricoverati in ospedale
CANTONE / SVIZZERA
7 ore
La Finma rivede al ribasso gli utili confiscati alla BSI
Dopo una rivalutazione più precisa, l'importo è stato ridotto da 95 a 70 milioni.
MENDRISIO
10 ore
Da Mendrisio a Catamayo per salvare le vite dei bimbi
Toglierli dalla strada, offrire loro una vita migliore grazie alla scuola e regalare dei sogni
FOTO
POLLEGIO
10 ore
Contro il muro con il furgone
L'incidente è avvenuto poco prima delle 23 di ieri sera a Pollegio, in via Cantonale
LUGANO
11 ore
Le sardine con la mascherina (a metà)
Mezzi pubblici affollati: a Lugano la situazione più problematica. Un 17enne con l'asma: «Ho paura»
MENDRISIO
11 ore
«Basta un codice QR e il cliente è tracciato»
Esercenti stufi di “perdere tempo” nel registrare gli avventori? Forse c’è una soluzione.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile