Upi
CANTONE
20.12.18 - 09:250

Ebbri al volante? «Esistono molte alternative migliori»

L’Ufficio prevenzione infortuni ha lanciato una nuova campagna di sensibilizzazione incentrata sulle festività natalizie

LUGANO - L’anno scorso nella circolazione stradale svizzera 38 persone hanno perso la vita in seguito a incidenti dovuti all’influsso dell’alcol e 366 persone sono rimaste gravemente ferite. Anche se da anni assistiamo a un calo costante di queste cifre (nel 2003 i morti sono stati più di 100), gli incidenti correlati all'alcol si potrebbero evitare.

L’incidentalità si concentra soprattutto nelle notti dei fine settimana e nei giorni festivi, come ad esempio Natale e San Silvestro/Capodanno. Durante le feste in occasione della fine dell’anno, molte persone consumano più alcolici del solito. Le statistiche parlano chiaro: in questi periodi il tasso di incidenti dovuti all’effetto dell’alcol rispetto all’insieme degli incidenti stradali è maggiore che nel resto dell’anno. Ogni anno, il 10% degli incidenti è riconducibile al consumo di alcol. A Natale e Capodanno questa percentuale raddoppia fino al 20% e a San Silvestro e Capodanno sale addirittura al 35%.

L’alcol, anche se assunto in piccole quantità, allunga il tempo di reazione e quindi lo spazio d’arresto, oltre a incidere sulla capacità visiva, sulla concentrazione e sulla coordinazione. Per di più, il consumo di alcol aumenta la propensione al rischio e causa stanchezza: un mix alquanto sfavorevole per la guida.

Nuovi soggetti della campagna - Anche quest’anno, in tempo per le festività, l’Ufficio prevenzione infortuni (Upi) lancia una campagna di sensibilizzazione insieme alla polizia. A tale scopo sono stati scelti nuovi soggetti della campagna. Un bicchiere di vino rosso o di birra rovesciato sulle chiavi della macchina simboleggia con chiarezza il messaggio: «Chi beve, non guida». I soggetti saranno visibili sui manifesti, sulle cartoline e sui raschietti da ghiaccio distribuiti dalla polizia. Inoltre, il messaggio nei prossimi giorni sarà diffuso anche via radio.

I consigli dell’upi

  • Ciò che per i neopatentati è obbligatorio dovrebbe essere considerato un esempio anche dagli altri conducenti: chi beve, non guida.
  • Se vuoi bere alcol, usa in alternativa alla tua auto i mezzi pubblici o i taxi, oppure incarica una persona che rinuncia a consumare alcolici di accompagnarti a casa.
  • Ricorri a offerte come quella di «Nez Rouge».
  • Non assumere alcol, nemmeno in quantità esigue se stai prendendo medicamenti. Il nuovo filmato dell’upi tratta proprio questo tema.
  • In qualità di ospite: organizza per i tuoi ospiti ebbri un taxi oppure falli pernottare a casa tua.

 

TOP NEWS Ticino
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report