TiPress
POLLEGIO
12.12.18 - 12:020
Aggiornamento : 12:26

L'Infocentro non verrà demolito

Lo stabile di proprietà di AlpTransit verrà ritirato entro la fine del 2019 da Armasuisse (Confederazione). In cambio il Cantone prenderà il comparto Saleggi a Bellinzona

POLLEGIO - Si erano mobilitati partiti e popolazione, con mozioni, raccolta di firme e interrogazioni. E oggi è arrivata la buona notizia: l'Infocentro AlpTransit di Pollegio non verrà demolito. A comunicarlo è il Dipartimento delle istituzioni, che si prende i meriti di «una mediazione conclusa con successo» tra le parti: il Cantone, l'attuale proprietario dello stabile (AlpTransit San Gottardo SA) e il futuro proprietario (Armasuisse Immobili, DDPS della Confederazione).

L'Infocentro era stato inaugurato nel 2003. Una convenzione iniziale prevedeva la sua demolizione alla fine del cantiere dell'AlpTransit San Gottardo. Ma l'investimento di 11 milioni di franchi e la struttura in cemento e pietra hanno smosso l'opinione pubblica e la politica affinché lo stabile venisse salvato. Al Cantone è stato quindi da più parti richiesto un intervento per aprire un negoziato con la Confederazione.

La convenzione - Il risultato è che sarà sottoscritta una convenzione che prevede, entro la fine del 2019, il ritiro dello stabile di AlpTransit da parte della Confederazione, e per essa il DDPS e la sua agenzia Armasuisse, inserendola nel Piano Settoriale Militare (PSM). Il Dipartimento della difesa, della protezione della popolazione e dello sport (DDPS) e il Dipartimento federale dell’ambiente, dei trasporti, dell’energia e delle comunicazioni (DATEC) hanno infatti «risposto positivamente alla proposta presentata dal Canton Ticino» in merito al futuro dell’Infocentro di Pollegio.

«Le trattative, che duravano da anni - tiene a precisare il DI -, hanno subito un’accelerazione negli ultimi mesi, in particolare grazie a un incontro tra il Consigliere di Stato Norman Gobbi e il Consigliere federale Guy Parmelin».

Spuntano i Saleggi - Cosa succederà quindi? Una parte dei terreni di proprietà di AlpTransit San Gottardo SA a Pollegio verrà ceduta alla Confederazione. In cambio, il Cantone riceverà il comparto Saleggi a Bellinzona, «destinato a ospitare due progetti strategici di importanza regionale e cantonale»: il nuovo Ospedale Regionale di Bellinzona e Valli e la rivitalizzazione integrale di un tratto del fiume Ticino.

La convenzione - destinata a concretizzare l’accordo politico - sarà firmata nei prossimi mesi e verrà consolidata a fine 2019 grazie all’approvazione della scheda del PSM, «la quale grazie alla disponibilità della Segreteria Generale del DDPS seguirà una procedura specifica al fine di garantire i termini imposti da AlpTransit».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
sedelin 1 anno fa su tio
peccato! concordo con siska.
siska 1 anno fa su tio
@sedelin Eh sì sedelin...quante cose potrebbero promuovere!..forse mancano un po' di soldini da investire in un tempo un po' buio allora preferiscono cedere a x ed acquistare a yx :))
siska 1 anno fa su tio
Sì vero a prima vista non é una bellissima struttura ma ha dei potenziali che con una strutturazione intelligente e non dispendiosa si potrebbero creare spazi per piccole fiere, mercatini dell'usato o di antiquariato oppure a scadenze più o meno regolari spazi di allestimento mostre d'arte di artisti conosciuti e non conosciuti al pubblico. Peccato sia finita in mano ad Armasuisse Immobili, DDPS della Confederazione.
SosPettOso 1 anno fa su tio
A me sembra un mausoleo inno alla depressione. Sarebbe stato riciclabile come camera ardente e forno crematorio. Più brutto c'è solo il "periscopio" edificato dietro...
siska 1 anno fa su tio
Peccato! Si poteva usufruirne in altro modo ma va da sé che non ci si poteva aspettare altro dall'attuale dipartimento delle istituzioni, tutto un affare già deciso prima del tempo.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
VIDEO
AGNO
41 min
«Ragazzi che cercano problemi», aggredito il rapper Daytona KK
Dalla vita reale a Instagram, passando dalla zona del Luna Park. Da una parte spavalderia, dall'altra derisione.
CANTONE
3 ore
«Paghiamo le riaperture. I casi? Cresceranno ancora»
Le previsioni del direttore dell’Epatocentro Ticino, Andreas Cerny: «Troppo preso per parlare di ondata "benigna"»
BELLINZONA
4 ore
Girava con l'erba, bloccato dagli agenti
La polizia ferma un uomo in Viale Stazione. Interrogatorio davanti a decine di presenti.
BISSONE
9 ore
Operaio ferito questa mattina a Bissone
Sarebbe stato schiacciato dal materiale usato per i lavori.
CANTONE
10 ore
Contagi sotto la decina nel weekend
Colpisce il numero delle ospedalizzazioni: il 50% di coloro che sono stati trovati positivi
LOCARNO
12 ore
Stalkerizzata dalla ditta di incasso
Vicenda surreale per una giovane, dopo un acquisto online. Regolarmente pagato. I retroscena.
CANTONE
14 ore
Giovani in ansia durante il Covid
Pro Juventute ha potenziato il suo 147 con la chat: «Siamo stati contattati da ragazzi sofferenti per i lutti da Covid»
PURA
20 ore
«Il mio viaggio di 23mila km, senza prendere un aereo»
Una giovane donna ticinese ha scelto di percorrerli da sola per mettersi in gioco e superare i suoi limiti
CANTONE
22 ore
Rientro a scuola: ecco i tre scenari
Il Decs sta studiando un piano per settembre. Bertoli: «Gli istituti dovranno essere pronti»
CANTONE
22 ore
«Per battere il Covid, un treno ogni 15 minuti»
L'associazione dei passeggeri Astuti fa una serie di proposte alle FFS. «In Ticino si può osare di più»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile