MASSAGNO
09.12.18 - 13:300
Aggiornamento 18:09

Social, rassegne e aperitivi: così un 28enne fa risorgere il vecchio Lux

Lo storico cinema festeggia i 60 anni di storia. Un traguardo raggiunto in buona salute grazie anche al suo giovane e nuovo timoniere, Joel Fioroni

MASSAGNO – L’entrata è sempre la stessa. Ricorda vagamente il mitico teatro numero 5 di Fellini, a Cinecittà. Paragone irriverente per una struttura che, fino a qualche anno fa, sembrava destinata alla morte. Invece il cinema Lux di Massagno ha sempre saputo rialzarsi dalle sue crisi e nei prossimi giorni taglierà il traguardo dei 60 anni di storia. Anzi, da quando al timone del cinema c’è il 28enne Joel Fioroni le entrate sono pure aumentate. «In un anno di attività, mi sono fatto in quattro – spiega –. Ma i primi frutti iniziano ad arrivare. Abbiamo una media di 22 spettatori a proiezione. Il doppio rispetto a qualche anno fa».

Lei lavorava per il Conservatorio di Scienze Audiovisive. Aveva un posto sicuro. Chi glielo ha fatto fare di lanciarsi in questa sfida?
Sono stato un po’ incosciente. Ma volevo mettermi in gioco. Sono giovane, penso di potere portare idee nuove. Gestisco io tutto, dall’A alla Zeta, con l’aiuto di 8 collaboratori. Riusciamo a fare quadrare i bilanci, a coprire le spese, compresi gli stipendi, e a pagare l’affitto al Comune. È già un bel traguardo.

Il cinema, nato nel 1958 per volontà della parrocchia, ha 280 posti. L’ha già visto pieno?
In alcune occasioni ci siamo andati vicini. È capitato durante la rassegna “Lux Art”. Ci siamo prefissati di portare l’arte al cinema. Ricordo soprattutto il documentario su Monet. È piaciuto tanto. Continuiamo, inoltre, ad avere un grande successo con le opere in diretta da New York e i balletti in diretta da Mosca. Prossimamente avremo La Traviata.

Nell’immaginario collettivo il Lux è un cinema per intellettuali e per anziani. Cosa fate per abbattere questo pregiudizio?
L’età media del nostro pubblico si sta sorprendentemente abbassando. La nostra forza sono le rassegne e gli eventi. Cerchiamo di fare in modo che il cinema sia un punto di aggregazione, di ritrovo, puntiamo sugli aperitivi ad esempio. Abbiamo fatto anche qualche investimento a livello di arredamento interno. È così che i cinema possono tentare di sopravvivere. Soprattutto quelli piccoli come il nostro. Con un colosso come il Cinestar a pochi chilometri dobbiamo per forza essere alternativi.

Quanto sfrutta i social network nelle sue attività di promozione?
Tantissimo. Rappresentano il nostro principale canale di comunicazione. Instagram ci aiuta parecchio. Il pubblico c’è, bisogna solo saperlo attirare, con proposte interessanti.

Lei non ha neanche 30 anni. Il Lux ne ha oltre il doppio. Non si sente un po’ come il ragazzino di Nuovo Cinema Paradiso?
A volte sì. Anche se poi, dietro le quinte, non ci sarebbe neanche più bisogno della mia presenza. Tutto oggi è automatizzato.

Il Lux, nella sua storia, ha avuto diversi momenti di difficoltà e tanti cambi di gestione. Lei dorme tranquillo la notte?
Nel corso dei primi mesi ho fatto fatica, lo ammetto. Ora ho trovato un equilibrio, sono rinfrancato dai risultati positivi e dai buoni riscontri del pubblico. Vogliamo che il Lux sia un posto caldo, accogliente. Un luogo in cui la gente non trovi solo un film da vedere, ma anche un’occasione di discussione, di dibattito. Sfida colossale, ma siamo sulla buona strada.

I festeggiamenti per il 60esimo anniversario del cinema Lux si svolgeranno da mercoledì 19 a domenica 23 dicembre. Tutto il programma nel flyer allegato. 

Allegati
Commenti
 
Dragon76 1 mese fa su tio
Complimenti. Non è un periodo facile per il cinema. La lotta con la Tv moderna è dura
Dragon76 1 mese fa su tio
Complimenti.
Fran 1 mese fa su tio
Grande Joel! Sarebbe bello poter vedere le favole natalizie teatrali di Erich Vock, attore fantastico di Zurigo! Purtroppo in svizzero tedesco. Ma anche senza capire tutto sono dei veri gioielli questi teatri per bambini. E poi ancora i musical di Londra! Vai Joel, non fermarti! Auguri!!
Lucia Valentini D'Urso 1 mese fa su fb
Bravo Joel!
Giuseppe Fanelli 1 mese fa su fb
💯
Giuseppe Fanelli 1 mese fa su fb
Bravo grande
Foxdilollo78 1 mese fa su tio
I concerti e i balletti via “streaming “ esistevano già prima del suo arrivo... L’Art House era il vecchio nome cambiato in Lux Art... che gran cambiamento!!! Aperitivi? Wow!
sedelin 1 mese fa su tio
@Foxdilollo78 figurarsi se non c'è una persona distruttiva capace di vedere nulla e di sentenziare senza parlare dell'essenziale della struttura: i film proiettati. molti e molto migliori di quelli proiettati al cinestar.
Foxdilollo78 1 mese fa su tio
@sedelin No! Ciò che intendo dire è che non c’è nulla di nuovo! È facile fare il pane quando si ha già la farina!
sedelin 1 mese fa su tio
@Foxdilollo78 niente di nuovo?! si vede che al lux non ci sei andato. joel ha fatto parecchi cambiamenti e sta lavorando benissimo,
Foxdilollo78 1 mese fa su tio
@sedelin A parte la fuffa attorno alla sala, non ha inventato nulla di nuovo, se non far suo ciò che esisteva già... va benissimo se continua così, la cultura va mandata avanti sempre! Riguardo alla “farina” potrebbe fabbricarsene di nuova invece di far finta di averla macinata lui... sperem! Saluti
sedelin 1 mese fa su tio
@Foxdilollo78 beh, credo che tu abbia bisogno di uno bravo: coraggio!
Foxdilollo78 1 mese fa su tio
@sedelin Insultare è più facile! Complimenti!!
dan007 1 mese fa su tio
Bravissimi appena potrò mi recherò nella vostra struttura
sedelin 1 mese fa su tio
il lavoro fatto si vede: bravo!
Ben8 1 mese fa su tio
complimenti, giovene intraprendente!
Zarco 1 mese fa su tio
Bravo
Gigliola Biella D'Annunzio 1 mese fa su fb
Jenny Di Pi !!
Potrebbe interessarti anche
Tags
cinema
lux
aperitivi
pubblico
traguardo
28enne
storia
rassegne
TOP NEWS Ticino
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report