tipress
CANTONE
30.11.18 - 09:290

Pazienti a rischio: «decine di casi» anche in Ticino

Protesi difettose e apparecchi medici ritirati dal mercato. Il farmacista cantonale ha lanciato 174 allarmi negli ultimi otto anni. «Il problema è noto»

BELLINZONA - Protesi malfatte. Pacemaker che singhiozzano. Ma anche problemi minori, come lettini che si piegano male o bilance difettose. Quando si tratta di salute, la minima lacuna può avere conseguenze imprevedibili. Il consorzio internazionale Icij a inizio settimana ha acceso i riflettori sul problema degli apparecchi medici “a rischio”: sarebbero «milioni» le morti ad essi riconducibili nel mondo. L'indagine giornalistica ha riguardato 39 paesi. 

Casi in aumento in Svizzera - Tra questi c'è anche il nostro. Mercoledì l'istituto Swissmedics, che si occupa dei controlli su farmaci e dispositivi sanitari in Svizzera, ha diffuso una nota tranquillizzante: «Chi ha un impianto nel proprio corpo non deve aver paura». Ma ha ammesso che, ad esempio, i prodotti sanitari ritirati dal mercato elvetico sono aumentati: da 1520 nel 2015 a 1605 nel 2016, a 1750 nel 2017. 


tipress
Il farmacista cantonale Giovan Maria Zanini

I dati ticinesi - E in Ticino? I numeri sono più piccoli. Gli allarmi diramati dal Dss sono stati 174 negli ultimi otto anni: 127 dal 2010 al 2013, sono scesi a 49 nel quadriennio successivo. Questo perché «una parte dei controlli sono stati accentrati a livello nazionale» spiega il farmacista cantonale Gianmaria Zanini. «Ciò non significa che il problema si sia affievolito, ed è ben noto agli addetti ai lavori».


tipress
Alberto Siccardi

Problemi stranieri? - Alberto Siccardi è uno di questi. La sua azienda, la Medacta International Sa di Castel S. Pietro, produce dispositivi ortopedici da vent'anni e «non abbiamo mai dovuto ritirare un prodotto» assicura. «Ci sono molte differenze tra ortopedia e altri settori come l'ortodonzia o le protesi al seno, dove i controlli non funzionano così bene». Se i prodotti svizzeri hanno in genere un'alta qualità, lo stesso non vale sempre per quelli importati dall'estero: la politica, spiega Zanini, «ha già discusso ampiamente e approntato nuove normative, che però entreranno in vigore tra qualche anno» in Svizzera dal 2022. 

Le protesi al seno - La “falla” nei controlli era emersa nel 2012, con lo scandalo delle protesi al seno Pip. In Ticino le donne che si sottoposero alla rimozione furono «inferiori alla decina» ricorda Zanini, ma a livello internazionale «ci si accorse che delegare i controlli sulla qualità dei prodotti ad enti privati non era abbastanza sicuro».

«Conseguenze anche tragiche» - Casi così eclatanti e macroscopici «per fortuna non ce ne sono più stati» rassicura l'esperto. E il fatto che si contino ancora decine di richiami a cadenza regolare «non deve stupire, vista la quantità di dispositivi medici in circolazione». Gli episodi gravi «sono rari e non fanno statistica – conclude Zanini – anche se possono portare ad esiti gravi e magari tragici per il singolo paziente». 

 

tipress
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
18 min
A Carona ciak con Roger Federer
L'amato tennista elvetico si trova nel quartiere luganese per le riprese di uno spot
CANTONE
1 ora
Regole chiare per chi vuole lavorare da casa
Il Governo ha approvato il nuovo regolamento sul telelavoro nell'Amministrazione cantonale.
CANTONE
1 ora
Otto nuovi contagi, una persona in ospedale
I casi registrati nel nostro cantone dall'inizio dell'emergenza salgono a 3'363. I decessi restano 350.
MENDRISIO
2 ore
Erbe aromatiche self-service a Mendrisio
La città ha lanciato un nuovo progetto didattico e sociale che strizza l'occhio al verde.
FOTO E VIDEO
CASTIONE
4 ore
Tamponamento a catena tra quattro veicoli, un ferito
Chiusa la corsia in direzione nord, il traffico viene deviato. Sul posto polizia e ambulanza
CANTONE
5 ore
Case di lusso: il lockdown non ferma gli italiani
La gestione della pandemia da parte della Confederazione piace ai compratori della penisola
CANTONE
7 ore
Trasferirsi in Ticino? C'è chi ti aiuta psicologicamente
Dalle pratiche burocratiche, alla scuola dei figli. Fino a toccare la sfera affettiva. C'è chi si occupa di tutto
CANTONE
7 ore
Il lockdown è finito, ma il cielo resta (ancora) blu
Anche a luglio la qualità dell'aria continua a beneficiare del calo del traffico durante il lockdown
FOCUS
16 ore
Viaggio nell'inferno delle torture siriane
Benvenuti a Coblenza, nel primo processo della storia per crimini contro l’umanità in Siria
AGNO
18 ore
Dopo tanta paura vera, i brividi del Luna Park
L'estate luganese non rinuncia al divertimento all'aperto
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile