tipress
CANTONE
30.11.18 - 09:290

Pazienti a rischio: «decine di casi» anche in Ticino

Protesi difettose e apparecchi medici ritirati dal mercato. Il farmacista cantonale ha lanciato 174 allarmi negli ultimi otto anni. «Il problema è noto»

BELLINZONA - Protesi malfatte. Pacemaker che singhiozzano. Ma anche problemi minori, come lettini che si piegano male o bilance difettose. Quando si tratta di salute, la minima lacuna può avere conseguenze imprevedibili. Il consorzio internazionale Icij a inizio settimana ha acceso i riflettori sul problema degli apparecchi medici “a rischio”: sarebbero «milioni» le morti ad essi riconducibili nel mondo. L'indagine giornalistica ha riguardato 39 paesi. 

Casi in aumento in Svizzera - Tra questi c'è anche il nostro. Mercoledì l'istituto Swissmedics, che si occupa dei controlli su farmaci e dispositivi sanitari in Svizzera, ha diffuso una nota tranquillizzante: «Chi ha un impianto nel proprio corpo non deve aver paura». Ma ha ammesso che, ad esempio, i prodotti sanitari ritirati dal mercato elvetico sono aumentati: da 1520 nel 2015 a 1605 nel 2016, a 1750 nel 2017. 


tipress
Il farmacista cantonale Giovan Maria Zanini

I dati ticinesi - E in Ticino? I numeri sono più piccoli. Gli allarmi diramati dal Dss sono stati 174 negli ultimi otto anni: 127 dal 2010 al 2013, sono scesi a 49 nel quadriennio successivo. Questo perché «una parte dei controlli sono stati accentrati a livello nazionale» spiega il farmacista cantonale Gianmaria Zanini. «Ciò non significa che il problema si sia affievolito, ed è ben noto agli addetti ai lavori».


tipress
Alberto Siccardi

Problemi stranieri? - Alberto Siccardi è uno di questi. La sua azienda, la Medacta International Sa di Castel S. Pietro, produce dispositivi ortopedici da vent'anni e «non abbiamo mai dovuto ritirare un prodotto» assicura. «Ci sono molte differenze tra ortopedia e altri settori come l'ortodonzia o le protesi al seno, dove i controlli non funzionano così bene». Se i prodotti svizzeri hanno in genere un'alta qualità, lo stesso non vale sempre per quelli importati dall'estero: la politica, spiega Zanini, «ha già discusso ampiamente e approntato nuove normative, che però entreranno in vigore tra qualche anno» in Svizzera dal 2022. 

Le protesi al seno - La “falla” nei controlli era emersa nel 2012, con lo scandalo delle protesi al seno Pip. In Ticino le donne che si sottoposero alla rimozione furono «inferiori alla decina» ricorda Zanini, ma a livello internazionale «ci si accorse che delegare i controlli sulla qualità dei prodotti ad enti privati non era abbastanza sicuro».

«Conseguenze anche tragiche» - Casi così eclatanti e macroscopici «per fortuna non ce ne sono più stati» rassicura l'esperto. E il fatto che si contino ancora decine di richiami a cadenza regolare «non deve stupire, vista la quantità di dispositivi medici in circolazione». Gli episodi gravi «sono rari e non fanno statistica – conclude Zanini – anche se possono portare ad esiti gravi e magari tragici per il singolo paziente». 

 

tipress
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
1 ora
Uccise la moglie: «Ma fu omicidio, non assassinio»
La difesa del 57enne autore dell’episodio di sangue verificatosi nel 2017 in un autosilo di Ascona chiede la condanna a quattordici anni di carcere. L’incarto potrebbe tornare al mittente?
MENDRISIO
1 ora
Così una ticinese trasforma le unghie in fenomeno internazionale
Si è concluso di recente il Campionato Internazionale Aestetica Nails Challenge di Napoli. Organizzato dalla momò Claudia Valli. Ecco come è andata
CANTONE
3 ore
Si paga con un dito, ecco la prima carta biometrica
La Biometric Gold Visa è stata lanciata da Cornèr Banca. È la prima del suo genere in Svizzera
CANTONE
3 ore
Vaccini, è già penuria: «Pensateci adesso»
Le scorte iniziano a scarseggiare. Il farmacista cantonale: «Segno che la campagna di sensibilizzazione ha dato i suoi frutti»
CANTONE
3 ore
Delta Line rafforza la sua presenza in Ticino
L'azienda leader nella produzione di motori elettrici edificherà il proprio quartier generale a Lamone. La consegna dello stabile è prevista per fine 2020
FOTO
BELLINZONA
5 ore
Sbanda sulla cantonale e si rovescia sul tetto
L'incidente è avvenuto poco dopo le 6 a Gnosca. Il conducente è stato trasportato in ospedale
FOTO E VIDEO
CALANCA (GR)
6 ore
Frontale in galleria e 6 persone tra le lamiere... ma è un'esercitazione
Polizia cantonale, pompieri e Servizio ambulanze della Mesolcina si sono "allenati" ieri sera nel tunnel Val del Infern. Una trentina le persone coinvolte
CANTONE
7 ore
Maltrattamenti sui bambini, in dieci mesi 14 "casi importanti"
Trent'anni fa la Convenzione Onu sui diritti del fanciullo. L'associazione Telefono Sos Infanzia si occupa di loro: «Dietro a una telefonata c’è un minore che soffre»
LOCARNO
15 ore
Nevicate che sanno di beffa per Cardada
Vista la meteo di questi giorni, qualche rimpianto per la chiusura degli impianti c’è. «Ma un anno in più non avrebbe fatto la differenza», spiega il locale Sci Club
SONDAGGIO
CANTONE
17 ore
Acquisti online tabù: «I regali comprateli in Ticino»
L’appello della Federcommercio in vista del Natale. La presidente Lorenza Sommaruga: «Non vogliamo demonizzare nessuno. Però tanti piccoli negozi sono a rischio chiusura»
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile