CANTONE
25.11.18 - 18:350
Aggiornamento : 26.11.18 - 11:59

Anche Dadò contro Philipp Plein: «Ma non ha vergogna?»

Il presidente PPD critica la campagna pubblicitaria per il Black friday: «Campagna pubblicitaria immonda». Le donne della sinistra dei sindacati: «Che il Cantone si attivi per togliere quelle foto».

LUGANO - Dopo le critiche mosse dal sindacalista Giangiorgio Gargantini, la campagna pubblicitaria di Philipp Plein incassa pure quelle del presidente del PPD Fiorenzo Dadò.

«Una vergogna». Così viene definita da Dadò la donna in abiti discinti, uccisa da un "killer dei prezzi". In uno sfogo affidato alla sua pagina Facebook, il presidente PPD non le manda a dire: «Signor pp, lei ha già guardato una volta in vita sua negli occhi una donna violentata? Non le bastano le pizze e il sushi per ridicolizzarsi? Con che coraggio adesso ci infogna con questa campagna pubblicitaria immonda? Ora che si dica basta a questo signore e ai suoi stracci!».

Quindi incalza: «Il Ticino ha bisogno di imprenditori seri, di persone che mettono amore nel loro lavoro, di veri artisti, non di disadattati che pur di farsi notare e vendere le loro cianfrusaglie passano sopra a tutto e tutti».

Non ha tardato ad arrivare in serata anche una presa di posizione del "Coordinamento donne della sinistra e Gruppo donne Unione sindacale Svizzera sezione Ticino" che, in occasione della giornata appena trascorsa della lotta contro la violenza sulle donne, ha voluto denunciare in una lettera aperta i messaggi veicolati dalla campagna pubblicitaria di Philipp Plein.

«I messaggi veicolati dalle pubblicità - si legge nello scritto inviato al Municipio di Lugano e al Governo - plasmano comportamenti e desideri, alimentano le fantasie legittimandole. Pretendere che, pur nella libertà di commercio, le imprese mantengano un comportamento etico e socialmente sostenibile ci sembra il minimo. Se la responsabilità degli atti di violenza è di chi li commette, permettere che circolino messaggi e immagini violenti anche attraverso la rete per vendere prodotti o idee è complicità di quegli atti. Il minimo è che il Cantone e il Comune di Lugano richiedano all'azienda di Philipp Plein di togliere qualunque immagine di omicidio sui propri siti e nei propri negozi. Ricordiamo che la pubblicità di Dolce&Gabbana che rappresentava uno stupro di gruppo è stata condannata e fortemente criticata da diverse agenzie dell'ONU».

TOP NEWS Ticino
MORBIO INFERIORE
2 min
La lite sul bus, le botte per strada
È accaduto questo pomeriggio di fronte al Serfontana. Sul posto la Polizia
CANTONE
52 min
«Docenti frontalieri? Solo se necessario»
Bertoli tranquillizza in merito alle potenziali criticità rilevate per il futuro della scuola ticinese: «Stiamo lavorando per invogliare alla professione»
FOTO
CANTONE
2 ore
Questa notte ritorna la neve nell'Alto Ticino
Meteo Svizzera ha diramato un'allerta di grado 3 (pericolo marcato) valida per praticamente tutto il Sopraceneri a partire dalla mezzanotte di oggi
CANTONE
2 ore
Proteste per Mark: «Nessun fermo davanti al carcere»
La risposta di Gobbi in merito alla manifestazione contro il rimpatrio del diciannovenne che ha avuto luogo tra il 23 e il 24 ottobre davanti alla struttura detentiva
CANTONE
3 ore
Rubavano attrezzi in rustici e depositi, tre giovani in manette
Si tratta di un 24enne del Bellinzonese, un 23enne del Luganese e un 21enne del Locarnese
CANTONE
3 ore
Ex funzionario condannato, il caso è in mano all’alta vigilanza
L’Ufficio presidenziale del Gran Consiglio ha ritenuto procedere con degli approfondimenti commissionali preventivi
BELLINZONA
3 ore
Malattia infettiva tra le galline, devono essere soppresse
Alcuni animali dell’azienda Allevoliere della Fondazione Diamante sono risultati positivi alla laringotracheite. Nessun pericolo per l'uomo
CANTONE
6 ore
Ecco dove c'è penuria di docenti
Criticità rilevate nella scuola dell'infanzia e tra gli insegnanti di tedesco
URI / CANTONE
7 ore
Veicolo ticinese in panne, a bordo un presunto passatore
In manette un 33enne italiano. Fermate 5 persone senza documenti
LOCARNO
8 ore
Controlli mirati contro i “furbetti” degli ingombranti
La Città non esclude «procedure di contravvenzione» nei confronti dei trasgressori. Da gennaio ogni martedì si raccoglierà la carta
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile