SAVOSA
26.11.18 - 08:000
Aggiornamento : 12:11

«Multato perché il paraurti sporgeva di 15 cm sul marciapiede»

Davanti a una ditta di pneumatici ultimamente si ripete la stessa scena con l’ausiliario di polizia che multa i clienti. Il garage: «Ormai è mobbing e pensare che lavoriamo per la sicurezza»

SAVOSA - «Ieri ne ha castigati altri tre. Siamo esasperati» dicono alla Vulcan. È un vero e proprio bollettino di guerra che si allunga giorno dopo giorno con i nomi dei clienti della ditta di pneumatici multati - a botte di 120 franchi ogni volta - per invasione di marciapiede. Uno degli ultimi casi, avvenuto giovedì scorso, ha toccato - a dire della persona sanzionata, che lavora per le Guardie di confine  - il paradosso: «La mia auto sporgeva con il paraurti, a dire tanto, di 10-15 cm ed era per un buon 99% sull’area verde della ditta. Mi reco all’interno del garage e neanche 30 secondi dopo un dipendente mi avvisa di correre immediatamente a spostare il veicolo perché stava arrivando il poliziotto».

Una scena che chi lavora qui vede spessissimo. «L’ausiliario di polizia si apposta, come un falco, vicino alle strisce pedonali e poi si fionda sui nostri clienti» spiegano alla Vulcan. «La ditta è qui dal 1954 e solo negli ultimi 2-3 anni subiamo questo accanimento che per noi ormai è mobbing. Non appena il cliente tocca con la ruota il marciapiede lui arriva di corsa e scatta la sanzione e lo stesso accade con i nostri fornitori quando sostano qui davanti».

Gomma contro muro. Da un lato un’attività commerciale e dall’altro quella sanzionatoria. E in mezzo, questi pochi metri quadrati di marciapiede, che per le casse dei sei comuni consorziati nella Polizia Ceresio Nord devono ormai sembrare lastricati d’oro. Anche se il sindaco Raffaele Schaerer ribatte: «Non è certo per rimpinguare le casse che si fanno multe, tra l'altro Savosa ha il moltiplicatore al 75%. Ne faremmo volentieri a meno se tutto funziasse bene. Ci vuole comunque una po' collaborazione da parte di tutti. Da un lato ci sono cittadini che reclamano quando trovano le auto sul marciapiede e dall'altro una ditta che è radicata qui da oltre cinquant'anni», dice il sindaco, tra l'incudine e il martello. 

Servirebbe insomma una giusta misura. Che, forse, l'altro giorno, come racconta la guardia di confine multata non c'è stata: «Preciso che se fossi stato completamente in torto e in mezzo al marciapiede avrei preso la multa senza dire nulla. Ma qui mi sono sentito preso per i fondelli. Ho voluto segnalare ciò che avviene per salvare altri da multe ingiustificate. Oltretutto ricevute mentre si va dal gommista per migliorare la sicurezza sulle strade».

E se i clienti reagiscono male, d’altro lato alla Vulcan spiegano che questa crociata nei loro confronti li danneggia fortemente: «Questo per noi è il mese più importante dell’anno e chiediamo solo di non bombardarci di multe». Il gommista è consapevole del disagio su quel tratto di strada, ma ricorda anche l’impegno della ditta: «In media ogni due-tre ore trasferiamo una ventina di auto nel parcheggio dietro il Valgersa. Alla nostra buona volontà si contrappone la rigidità dell’ausiliario e sovente sono contestazioni tra lui e i clienti. È visto con i miei occhi multare una persona a bordo dell’auto. Ma si può? E pensare che lavoriamo per la sicurezza».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
2 ore
Meno drammi nei laghi e fiumi ticinesi
La campagna di prevenzione "Acque sicure" sembra aver dato buoni frutti: i decessi registrati quest'anno sono stati "solo" due
CANTONE
2 ore
L'improbabile corsa del fisco per tappare il buco del petroliere
Le autorità fiscali intimano al nigeriano Kola Aluko il versamento di 1,5 milioni per imposte non versate. Lo scoperto della Città è di 450mila franchi. Ma il 50enne è da tre anni uccel di bosco
FOTO
CANTONE
3 ore
Nel Verbano le isole ora sono... ticinesi
A Brissago è stato ufficialmente siglato il passaggio di proprietà dell'Isola Grande e dell'Isola Piccola al Cantone
CANTONE
4 ore
Medacta lancia un avvertimento: «Crescita 2019 inferiore al previsto»
Negli Stati Uniti e in altri mercati minori la domanda si è sorprendentemente indebolita
VIDEO
BELLINZONA
7 ore
Addio Peter Pan: il responsabile è in lacrime
Il Ticino perde un locale storico. “Serata nostalgia” con ex collaboratori e clienti. Sul palco lo Swiss Elvis. Gianni Morici: «Qui dentro ho messo l’anima. Spiace per le nuove generazioni»
BELLINZONA
18 ore
Il compito sul seno: «Ecco come è andata»
L'insegnante 60enne licenziato a Bellinzona racconta la sua versione dei fatti. E punta il dito contro il Decs
MENDRISIO
20 ore
Caos viario, l’SOS di cinque sindaci: «Siamo al limite della sopportazione»
L’appello lanciato dai sindaci del distretto ai colleghi del Luganese: «Ancora molto può essere fatto sul vostro territorio contro i posteggi selvaggi e per promuovere la mobilità aziendale»
LUGANO
21 ore
Arriva la tassa sul sacco: tutto quello che dovete sapere
Il prezzo dei sacchi. Le novità degli ecocentri. Quelli che il sacco possono averlo a un prezzo agevolato. Lugano si prepara alla rivoluzione dei rifiuti.
FOTO E VIDEO
AROGNO
21 ore
Cade per 20 metri e si ferisce gravemente
Un uomo di 82 anni è stato vittima di un serio infortunio mentre stava effettuando dei lavori di disboscamento in zona Devoggio ad Arogno
BREGGIA
21 ore
Dopo 20 giorni l'acqua torna potabile
A Cabbio e Muggio l'acqua è rimasta troppo torbida per settimane. Ma in attesa del rinnovamento degli impianti il Comune ha le mani legate
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile