keystone
LUGANO
15.11.18 - 17:380
Aggiornamento : 20:43

Philipp Plein: «Il sushi? Non sono problemi nostri»

Lo stilista risponde tramite portavoce alle critiche per un meeting protrattosi fino a mezzanotte. «Le scelte dei ristoratori luganesi non possono coinvolgerci»

LUGANO - Una replica stizzita, a metà tra ironia e polemica. Philipp Plein ha risposto alle critiche per un meeting "fuori orario" con cena a base di sushi, potrattosi lunedì fino a mezzanotte nella sede del marchio a Lugano. Lo stilista aveva già ricevuto un controllo dell'Ispettorato del lavoro a marzo, dopo una pizzata in ufficio. E oggi il sindacato Ocst ha rincarato la dose.  

«Siamo lusingati dell'attenzione riservata al menù del nostro presidente e per le sue evoluzioni, dalla pizza al sushi» si legge in una risposta inviata a tio.ch/20minuti da una portavoce dello stilista. «La nostra azienda non è tuttavia responsabile del fatto che il ristoratore abbia impiegato oltre due ore a evadere il nostro ordine di sushi, il quale in Giappone viene considerato un fast food». 

Lo stilista italo-tedesco ironizza poi sulle «ansie dei genitori» dei fattorini, per bocca del suo ufficio stampa. «Le scelte organizzative e d'impiego dei ristoratori luganesi non possono coinvolgerci» continua la replica. «Ci pare inoltre francamente incredibile che, nel 2018, dei giovani non dispongano di un cellulare per comunicare con i propri familiari». 

Quanto alle critiche per gli orari di lavoro, ribadite dal sindacato, la nota conclude con un tono divertito. «Il lato positivo di questa vicenda - conclude Miranda Kruidenier, assistente dello stilista - è che almeno in questo caso ci sono prove ed evidenze chiare che negli uffici si mangiava. Vista l’attenzione prestata ai nostri uffici dagli organi di stampa e sindacali ticinesi, è evidente che negli ultimi mesi non sono state riscontrate presenze notturne negli stessi. Altrimenti non abbiamo dubbi che esse sarebbero state senz’altro prontamente segnalate. Anche perché, lungi dal nasconderci o dal dissimularci, le luci dei nostri uffici restano, da sempre, accese tutta la notte. E ciò per motivi di immagine, di sicurezza e trasparenza che meriterebbero forse di ricevere un apprezzamento diverso dai travisamenti e distorsioni di cui sono stati oggetto». 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
BELLINZONA
4 min

Il cedro aveva 200 anni, «era sanissimo»

Tuto Rossi posta su Facebook l'immagine di un albero abbattuto. «Poi arrivano sei municipali che aspirano solo alla loro rielezione e approvano la demolizione»

AIROLO / URI
15 min

Ancora rientri, ancora traffico

Alle 12.30 sono otto i chilometri davanti alla galleria del San Gottardo in direzione nord. Ma c'è anche chi è in partenza

LOCARNO
3 ore

Più barche di quanto permesso

Da alcuni controlli sarebbe emerso il sovraffollamento del sovrautilizzo del molo presso il cantiere nautico Di Domenico

CANTONE / VAUD
15 ore

Espulso per traffico di auto rubate, graziato dal Tribunale federale

Per i giudici la Segreteria di Stato della migrazione non ha considerato il fatto che l’uomo, un cittadino italiano allontanato per 10 anni dalla Svizzera, ha cambiato mestiere e atteggiamento

FOTO / VIDEO
CAPRIASCA
16 ore

Veicolo agricolo avvolto dalle fiamme

Il conducente si è messo in salvo e ha subito allarmato i pompieri

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile