keystone
LUGANO
15.11.18 - 17:380
Aggiornamento : 20:43

Philipp Plein: «Il sushi? Non sono problemi nostri»

Lo stilista risponde tramite portavoce alle critiche per un meeting protrattosi fino a mezzanotte. «Le scelte dei ristoratori luganesi non possono coinvolgerci»

LUGANO - Una replica stizzita, a metà tra ironia e polemica. Philipp Plein ha risposto alle critiche per un meeting "fuori orario" con cena a base di sushi, potrattosi lunedì fino a mezzanotte nella sede del marchio a Lugano. Lo stilista aveva già ricevuto un controllo dell'Ispettorato del lavoro a marzo, dopo una pizzata in ufficio. E oggi il sindacato Ocst ha rincarato la dose.  

«Siamo lusingati dell'attenzione riservata al menù del nostro presidente e per le sue evoluzioni, dalla pizza al sushi» si legge in una risposta inviata a tio.ch/20minuti da una portavoce dello stilista. «La nostra azienda non è tuttavia responsabile del fatto che il ristoratore abbia impiegato oltre due ore a evadere il nostro ordine di sushi, il quale in Giappone viene considerato un fast food». 

Lo stilista italo-tedesco ironizza poi sulle «ansie dei genitori» dei fattorini, per bocca del suo ufficio stampa. «Le scelte organizzative e d'impiego dei ristoratori luganesi non possono coinvolgerci» continua la replica. «Ci pare inoltre francamente incredibile che, nel 2018, dei giovani non dispongano di un cellulare per comunicare con i propri familiari». 

Quanto alle critiche per gli orari di lavoro, ribadite dal sindacato, la nota conclude con un tono divertito. «Il lato positivo di questa vicenda - conclude Miranda Kruidenier, assistente dello stilista - è che almeno in questo caso ci sono prove ed evidenze chiare che negli uffici si mangiava. Vista l’attenzione prestata ai nostri uffici dagli organi di stampa e sindacali ticinesi, è evidente che negli ultimi mesi non sono state riscontrate presenze notturne negli stessi. Altrimenti non abbiamo dubbi che esse sarebbero state senz’altro prontamente segnalate. Anche perché, lungi dal nasconderci o dal dissimularci, le luci dei nostri uffici restano, da sempre, accese tutta la notte. E ciò per motivi di immagine, di sicurezza e trasparenza che meriterebbero forse di ricevere un apprezzamento diverso dai travisamenti e distorsioni di cui sono stati oggetto». 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
2 ore
Meno drammi nei laghi e fiumi ticinesi
La campagna di prevenzione "Acque sicure" sembra aver dato buoni frutti: i decessi registrati quest'anno sono stati "solo" due
CANTONE
2 ore
L'improbabile corsa del fisco per tappare il buco del petroliere
Le autorità fiscali intimano al nigeriano Kola Aluko il versamento di 1,5 milioni per imposte non versate. Lo scoperto della Città è di 450mila franchi. Ma il 50enne è da tre anni uccel di bosco
FOTO
CANTONE
3 ore
Nel Verbano le isole ora sono... ticinesi
A Brissago è stato ufficialmente siglato il passaggio di proprietà dell'Isola Grande e dell'Isola Piccola al Cantone
CANTONE
4 ore
Medacta lancia un avvertimento: «Crescita 2019 inferiore al previsto»
Negli Stati Uniti e in altri mercati minori la domanda si è sorprendentemente indebolita
VIDEO
BELLINZONA
7 ore
Addio Peter Pan: il responsabile è in lacrime
Il Ticino perde un locale storico. “Serata nostalgia” con ex collaboratori e clienti. Sul palco lo Swiss Elvis. Gianni Morici: «Qui dentro ho messo l’anima. Spiace per le nuove generazioni»
BELLINZONA
18 ore
Il compito sul seno: «Ecco come è andata»
L'insegnante 60enne licenziato a Bellinzona racconta la sua versione dei fatti. E punta il dito contro il Decs
MENDRISIO
21 ore
Caos viario, l’SOS di cinque sindaci: «Siamo al limite della sopportazione»
L’appello lanciato dai sindaci del distretto ai colleghi del Luganese: «Ancora molto può essere fatto sul vostro territorio contro i posteggi selvaggi e per promuovere la mobilità aziendale»
LUGANO
21 ore
Arriva la tassa sul sacco: tutto quello che dovete sapere
Il prezzo dei sacchi. Le novità degli ecocentri. Quelli che il sacco possono averlo a un prezzo agevolato. Lugano si prepara alla rivoluzione dei rifiuti.
FOTO E VIDEO
AROGNO
21 ore
Cade per 20 metri e si ferisce gravemente
Un uomo di 82 anni è stato vittima di un serio infortunio mentre stava effettuando dei lavori di disboscamento in zona Devoggio ad Arogno
BREGGIA
21 ore
Dopo 20 giorni l'acqua torna potabile
A Cabbio e Muggio l'acqua è rimasta troppo torbida per settimane. Ma in attesa del rinnovamento degli impianti il Comune ha le mani legate
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile